utenti ip tracking
sabato 8 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    I Paesi Baschi in cerca di patria e in fuga dal passato

    Analisi – Il 12 luglio in Spagna, dopo il...

    Ucraina: Zelensky vince ancora

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Ristretto Si sono svolte ieri in Ucraina le elezioni per il rinnovo della Verkhovna Rada, il Parlamento unicamerale del Paese. Come previsto da numerosi sondaggi pre-voto, “Servo del Popolo” – partito del neo-Presidente Volodymyr Zelensky – ha vinto facilmente con il 42.5% dei voti, ottenendo oltre 120 seggi parlamentari.

    Nettamente distanziate, invece, tutte le altre forze politiche, a cominciare da “Solidarietà Europea” dell’ex Presidente Poroshenko che ha ottenuto poco più dell’8%. Male anche “Patria” di Yulia Tymoshenko (8.2%) e vari partiti ultranazionalisti, tra cui quello legato al famigerato Battaglione Azov, che non sono riusciti a superare la soglia di sbarramento del 5%. Al contrario è andata assai bene “Piattaforma per la Vita”, formazione politica filo-russa rappresentativa dell’est del Paese, che si è piazzata in seconda posizione con un solido 12.8% alle spalle di “Servo del Popolo”.

    Il trionfo di quest’ultimo dimostra che l’entusiasmo popolare per Zelensky non si è affatto spento. Anzi, gli elettori ucraini sembrano gradire molto il programma politico del Presidente basato sulla lotta alla corruzione e sulla riforma dell’amministrazione statale. Nonostante ciò, “Servo del Popolo” non ha ottenuto la necessaria maggioranza parlamentare di 226 seggi e sarà quindi costretto a formare una coalizione governativa con altri partiti. I partner più probabili sembrano essere “Patria” e “Holos” del cantante Svyatoslav Vakarchuck,  mentre un accordo con “Solidarietà Europea” appare molto difficile, soprattutto per via dei pessimi rapporti personali tra Zelensky e Poroshenko.

    A sostenere il successo elettorale di “Servo del Popolo” è stata anche la promessa del Presidente di trovare una soluzione diplomatica alla guerra del Donbass, che ormai si trascina stancamente da cinque anni.  Zelensky si è infatti dichiarato disponibile a dialogare con Mosca e a trovare un compromesso ragionevole con i separatisti di Donetsk e Luhansk. Le risposte russe a queste aperture, però, sono state finora contraddittorie. Pur dichiarandosi favorevole a negoziati, il Cremlino ha concesso la cittadinanza russa agli abitanti delle repubbliche separatiste e non pare intenzionato a rilasciare i marinai ucraini catturati lo scorso novembre nello Stretto di Kerch. La strada per la pace in Donbass appare quindi tutta in salita.

    Simone Pelizza

    Simone Pelizza
    Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

    Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
    Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite