utenti ip tracking
lunedì 21 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Come stanno i leader africani?

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.
    • Negli ultimi anni in tutto il continente africano si sono verificati cambiamenti socio-politici epocali, che hanno destabilizzato regimi di lunga data e costretto molti leader a rinunciare al potere dopo decenni
    • Secondo gli analisti, le ragioni per cui i leader africani tendono ad essere così longevi sono molteplici
    • La creazione di percorsi di integrazione economica interregionali e l’inclusione politica delle istanze di altre fazioni etniche potrebbero essere la chiave per promuovere forme di governo più democratiche

    Negli ultimi cinque anni il continente africano è stato attraversato da cambiamenti socio-politici che hanno destabilizzato regimi di lunga data e spinto molti leader ad abbandonare le proprie cariche istituzionali dopo decenni. Contestualmente è emersa una nuova generazione di capi di stato e di Governo che, ponendo al centro dei propri programmi politici il rinnovamento dell’establishment e la lotta alla corruzione, ha dato inizio a un vero e proprio cambio di paradigma.

    Per decenni, i leader africani emersi nel periodo post-coloniale sono riusciti a mantenere il potere a causa della mancanza di una solida opposizione politica, ma anche del clientelismo e della rinuncia da parte di istituzioni regionali e attori internazionali a intervenire se non con l’imposizione di dure sanzioni. La sfida per i nuovi leader africani sarà promuovere una gestione meno personalistica del potere, che tenga conto delle istanze di tutti i cittadini – e non soltanto del proprio gruppo etnico di appartenenza – e al contempo, favorire percorsi di integrazione economica che servano a rinvigorire i rapporti commerciali tra i Paesi africani.

    Caterina Pucci

    Caterina Pucci

    Nata nel 1990, il giornalismo è una vocazione che ho cominciato a coltivare sin dall’adolescenza. All’università, ho scelto di assecondare l’interesse per le lingue straniere, specializzandomi in inglese e arabo. Intanto, scrivevo per una rivista della mia città, Altamura. Nel 2013, il grande passo: mi sono trasferita a Milano per studiare Relazioni Internazionali. Sacrificando l’estate del 2014, ho trascorso un mese a Rabat per seguire un corso intensivo di lingua araba. L’ultimo semestre della mia vita accademica l’ho passato a Gent, in Belgio. Nel 2015, mi sono laureata con una tesi in Storia dell’Asia Islamica sul pensiero di Ali Shariati e la rivoluzione iraniana. Ho cominciato a lavorare come Assistente alla Comunicazione per l’Istituto di Cooperazione Economica Internazionale (ICEI) di Milano. In quel periodo, ho cominciato a scrivere per Il Caffè Geopolitico e ad ottobre 2016 sono diventata Responsabile del desk Africa. Continuo a occuparmene con passione da allora, mentre nella vita lavoro come redattrice. Continuando a perseguire il sogno di diventare una brava giornalista.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite