utenti ip tracking
lunedì 18 Gennaio 2021

Speciale COVID-19

La pandemia sommersa: Covid-19 e disuguaglianze di genere nell’Africa subsahariana

In 3 sorsi - Da quando l’epidemia si è abbattuta anche...

L’emergenza sanitaria in Russia e il rischio di Putin

In 3 sorsi – La pandemia di Covid-19 sta mettendo in...

Corea del Sud, un Governo tra pandemia e riforma sanitaria

In 3 sorsi - I casi giornalieri di coronavirus in Corea...

Le elezioni parlamentari in Romania

In 3 sorsi - Tra pandemia da coronavirus e instabilità politica,...

Chi è Jill Biden, la futura first lady

In breve

  • Le origini e gli studi di Jill Biden e l’incontro con il futuro Vicepresidente e Presidente degli Stati Uniti.
  • L’insegnamento e l’impegno nel sociale: che tipo di First Lady potrebbe essere?

Dove si trova

Ristretto – Il profilo della futura First Lady statunitense, il suo incontro con Biden nel 1975, l’impegno nel sociale e che tipo di ruolo potrebbe avere nei prossimi quattro anni.

Dr. Jill Tracy Biden (come ama farsi chiamare) è nata nel 1951 in New Jersey, ha origini italiane, precisamente siciliane da parte di suo nonno (il cognome era Giacoppo, poi trasformato in Jacobs). Si è diplomata in lingue, ha conseguito due lauree e un dottorato, per poi insegnare inglese nelle scuole superiori, in università e in un ospedale psichiatrico per adolescenti. Ha vissuto parte della sua vita in Pennsylvania e si è sposata con Joe Biden nel 1977 a New York, due anni dopo essersi conosciuti. Il suo ruolo nel tessuto sociale del Paese è quindi anche legato all’attività dell’insegnamento. Per la prima volta nella storia una first lady ha affermato di voler proseguire anche dopo l’insediamento alla Casa Bianca, che avverrà il 20 gennaio 2021, mantenendo il suo posto di lavoro originario. “Insegnare non è quello che faccio, ma quello che sono”, da un tweet del 18 agosto 2020. Ancora, il suo attivismo spazia ad altri ambiti, attraverso “Joining Forces”, iniziativa lanciata nel 2011 con Michelle Obama finalizzata a supportare i veterani e le loro famiglie nel benessere, nell’istruzione e nelle opportunità lavorative. Dr. Biden, infatti, è stata second lady dal 2008 al 2016, quando suo marito, nonché futuro Presidente degli Stati Uniti, era vicepresidente durante l’Amministrazione Obama. Inoltre è noto il suo impegno nella lotta contro il cancro e, in particolare, nell’importanza della prevenzione attraverso la Biden Breast Health Initiative in Delaware, dove Biden è stato senatore per poco meno di 40 anni. La futura coppia presidenziale ha avuto una figlia, Ashley, ma Jill si è presa cura di Hunter e Beau (deceduto nel 2015) che Biden ha avuto dalla prima moglie, Neilla, morta in un terribile incidente stradale assieme alla figlia più piccola, Naomi. Il futuro Presidente ha detto di sua moglie che è una mamma, un’insegnante, ha dedicato la sua vita all’insegnamento e, quando è stata annunciata la sua vittoria, “per gli insegnanti americani è una giornata memorabile, perché alla Casa Bianca ci sarà uno di voi”.
Rispetto all’attuale first lady Melania Trump, Jill Biden sembra che potrà rivestire un ruolo più influente circa i temi sociali e dell’istruzione, essendo in prima linea in questi ambiti. La futura first lady si rivolge direttamente agli statunitensi, denotando un atteggiamento empatico e affabile, come si nota, ad esempio, dal video-messaggio nella giornata del Ringraziamento. Inoltre mostra pienamente la sua vicinanza al marito, diversamente da Melania Trump, che è sembrata in qualche modo distaccata nelle apparizioni pubbliche e durante le visite istituzionali, nonostante abbia sempre sostenuto il coniuge. Molto probabilmente, data la sua storia personale e la sua indole, Jill Biden cercherà di esercitare la sua influenza su temi a lei cari.

Marta Annalisa Savino

Foto di copertina: “Jill Biden” by Center for American Progress is licensed under CC BY-ND

Marta Annalisa Savino

Laureata magistrale in “Relazioni internazionali” presso l’Università degli Studi di Milano, analista presso “Il Caffè Geopolitico” con focus sul Nord America, Autore nella no-profit “Mondo Internazionale”. Appassionata di viaggi, scrittura, analisi di temi di carattere geopolitico, lingue: inglese, francese e spagnolo.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite