utenti ip tracking
giovedì 6 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    I Paesi Baschi in cerca di patria e in fuga dal passato

    Analisi – Il 12 luglio in Spagna, dopo il...

    Il primo giorno a DSEI 2015

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Miscela Strategica La prima giornata di salone a Londra si è chiusa. Abbiamo incontrato le prime aziende, italiane e straniere, con le quali abbiamo parlato del mercato degli armamenti, del loro settore in particolare e delle politiche nazionali ed internazionali per loro rilevanti. Le conferenze a margine hanno arricchito la “kermesse” delineando i trend generali di questa edizione

    IL CAFFÈ E DSEI – Comincia lo sviluppo del nostro progetto editoriale. Riunita nel Media Center, la stampa internazionale è presente già dalle 8 del mattino, ben prima dell’apertura del salone. Ci siamo anche noi, raccogliamo i materiali e pianifichiamo la giornata. Giornata che si è poi rivelata intensa e ricca di incontri: otto le aziende intervistate (Elsel, Eurocontrol, Generale Meccatronica Applicata, MBDA Italia, Radar 1957 le italiane; Defendec, ElbitSavox Communications le straniere) alle quali si aggiunge una bella chiacchierata con il segretario generale della federazione AIAD (Aziende italiane per l’aerospazio e la difesa).
    Le quattro conferenze cui il Caffè ha assistito riguardavano la cooperazione franco-britannica nel settore difesa (come stabilito dai Trattati di Lancaster House stipulati circa cinque anni fa), il futuro della difesa aerea e missilistica in Europa, il wargaming come strumento di analisi e di pianificazione operativa, il contrasto all’utilizzo di UAV per scopi malevoli.

    La "nostra" Giulia Tilenni al lavoro presso il Media Centre del salone. Foto: Il Caffè Geopolitico
    La “nostra” Giulia Tilenni al lavoro presso il Media Centre del salone. Foto: Il Caffè Geopolitico

     

    LE AZIENDE ITALIANE  Numerose le realtà italiane presenti. Le più grandi si trovano nel padiglione italiano, ma siamo stati piacevolmente sorpresi di trovarne molte altre – di dimensioni piccole e medie – presso stand propri o di industrie estere. L’impressione che ne abbiamo colto è che il settore non soffra particolarmente, in gran parte per merito della loro spiccata innovatività e flessibilità. Ciò non toglie che la congiuntura generale non sia delle più favorevoli e l’argomento tagli della spesa pubblica per la difesa è ancora un tasto dolente. Altre criticità di grande interesse per noi riguardano il cosiddetto regulatory framework (cornice giuridica) sia a livello nazionale che europeo. Le cricche giuridiche limitano spesso le possibilità di espansione delle nostre aziende, che ci confermano invece di essere ambiziose e di voler allargare il portafoglio ordini e il raggio di azione. Il tutto continuando a investire e a scommettere in Italia. Un elemento che, in questo periodo, non possiamo che considerare positivo.

    Alcuni prodotti di punta di MBDA, un'azienda europea con importante partecipazione italiana - MBDA Italia, appunto. Foto: Il Caffè Geopolitico
    Alcuni prodotti di punta di MBDA, un’azienda europea con importante partecipazione italiana – MBDA Italia, appunto. Foto: Il Caffè Geopolitico

     

    LE AZIENDE INTERNAZIONALI – Il campo è vastissimo, per cui abbiamo scelto di dare speciale attenzione all’Europa. Le grandi aziende nazionali britanniche e francesi sono ancora le vedette dei saloni europei, ma abbiamo notato un nuovo fermento proveniente dal nord Europa. Le aziende dei Paesi baltici e scandinavi sono mediamente più piccole, ma molto agguerrite. Colpisce l’unità di intenti; per quanto ne sappiamo non c’è una federazione regionale vera e propria, eppure molte di esse perseguono strategie aziendali e modelli economici comuni. In pratica, parlando con aziende di Paesi diversi facenti parte della stessa area geografica, ci sembra di cogliere un trend generale comune: alta innovazione, vocazione europea e disponibilità a soluzioni originali per migliorare la loro performance. Unità di intenti che le aziende francesi, britanniche e tedesche non sono riuscite a conseguire nemmeno dopo tanti anni di negoziati sugli obiettivi programmatici comuni. Riteniamo pertanto che questa dinamica meriti adeguato approfondimento, e continueremo ad occuparcene sulle nostre pagine.

     

    Marco Giulio Barone

    Giulia Tilenni

     

    Redazione
    Redazionehttps://ilcaffegeopolitico.net

    Il Caffè Geopolitico è una Associazione di Promozione Sociale. Dal 2009 parliamo di politica internazionale, per diffondere una conoscenza accessibile e aggiornata delle dinamiche geopolitiche che segnano il mondo che ci circonda.

    Articolo precedenteIl punto sul programma Galileo
    Articolo successivoCuriosità dal salone

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite