utenti ip tracking
lunedì 23 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Australia, luci e ombre alla fine del tunnel Covid-19

    Analisi - Terzo appuntamento con "Un Caffè agli Antipodi". Melbourne esce...

    Che cosa succede in Finlandia?

    In 3 sorsi – In che modo il Paese scandinavo sta...

    La Cina e il nuovo Piano quinquennale 2021-2025

    In 3 sorsi – Si è conclusa il 29 ottobre scorso...

    Cose turche ad Ankara: ucciso l’Ambasciatore russo

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    L’Ambasciatore russo in Turchia è stato ucciso da un poliziotto al grido di “Allah è grande” all’inaugurazione di una mostra fotografica ad Ankara. Le ripercussioni con la Russia saranno limitate, ma il quadro di sicurezza in Turchia si fa sempre più preoccupante

    La Turchia è scenario dell’ennesimo attentato. Questa volta non una strage, ma un omicidio singolo di alto profilo: l’Ambasciatore russo. Sgombriamo subito il campo da alcune speculazioni che circolano: difficilmente i rapporti tra Ankara e Mosca si incrineranno. Al momento collaborare conviene a entrambi sia nel teatro Siraq – la Turchia ha giocato un ruolo chiave nelle trattative per l’evacuazione di Aleppo est e la Russia ha chiuso entrambi gli occhi sull’operazione turca Scudo dell’Eufrate – sia per quanto concerne le infrastrutture energetiche in via di costruzione. Erdogan vede indebolita la sua posizione nel rapporto bilaterale e probabilmente dovrà avvicinare la sua linea d’azione a quella di Putin, soprattutto in Siria. Al di là delle conseguenze bilaterali, l’omicidio dell’Ambasciatore russo accende i riflettori sulla Turchia stessa. Il Paese si è esposto notevolmente nella regione negli ultimi anni, spesso flirtando, più o meno esplicitamente, con gruppi jihadisti che al momento sembravano utili alla sue strategie. Giocando con il fuoco si è però scottata, e non poche volte. Inoltre, le purghe di Erdogan, sia prima che soprattutto dopo il fallito golpe di quest’estate, hanno probabilmente rimosso quadri importanti nelle forze di sicurezza, aprendo la strada all’entrata di individui a rischio radicalizzazione, come l’attentatore di ieri il quale faceva parte delle unità antisommossa della polizia. Tutto questo in un Paese membro della NATO e con una procedura d’adesione all’UE ancora aperta seppur molto lontana dal realizzarsi.

    Per quanto riguarda Berlino, serve una certa cautela nell’analizzare i fatti. Non è ancora chiaro se l’attentato sia stato organizzato da una struttura jihadista oppure si tratta dell’azione di un “lupo solitario”, come è successo altre volte soprattutto in Germania.

    Emiliano Battisti

    Foto di copertina di openDemocracy Rilasciata su Flickr con licenza Attribution-ShareAlike License

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome