utenti ip tracking
giovedì 29 Luglio 2021

Il primo Stato dell’Unione di Trump

In breve

Dove si trova

Ascolta l'articolo

RistrettoDonald Trump ha fatto il suo primo discorso sullo Stato dell’Unione del mandato. Come era prevedibile, il tono è stato presidenziale, attenendosi al testo, o alle linee guida preparategli, senza divagare come spesso gli succede quando va a braccio

Il discorso sì è concentrato prevalentemente nella politica interna dando seguito a quel motto “America First” presente sin dalla sua campagna elettorale. La politica estera e il ruolo degli USA nel mondo non sono stati punti cardine del discorso. Tra i dossier presenti, la Corea del Nord, le armi nucleari e il mantenimento della prigione di Guantanamo.
Il Presidente ha accennato alla sua intenzione di cercare accordi bipartisan con i democratici, una mossa spinta dal fattore elezioni di midterm che al momento prevedono una sconfitta dei repubblicani alla Camera. Trump sa bene quanto è stato difficile far passare i suoi due maggiori successi (riforma fiscale e nomina di Gorsuch alla Corte Suprema) con un Congresso a favore. Figurarsi con un ramo del Parlamento contro. Altro aspetto del discorso è stato l’elencare i risultati ottenuti dalla sua amministrazione in questo primo anno, spesso però esagerandoli (“the biggest tax reform ever” – non è vero, secondo il Dipartimento del Tesoro, quella di Reagan del 1981 è stata maggiore ad esempio). Tra le poche azioni programmatiche presenti nel discorso, c’è stato il nuovo piano infrastrutturale. Una curiosità: Trump ha evitato accuratamente di parlare di Russia. La parola è stata citata una volta soltanto.
 
Emiliano Battisti

Foto di copertina di ArturoYee Licenza: Attribution License

Emiliano Battisti
Emiliano Battisti

Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite