utenti ip tracking
sabato 23 Gennaio 2021

Speciale COVID-19

La pandemia sommersa: Covid-19 e disuguaglianze di genere nell’Africa subsahariana

In 3 sorsi - Da quando l’epidemia si è abbattuta anche...

L’emergenza sanitaria in Russia e il rischio di Putin

In 3 sorsi – La pandemia di Covid-19 sta mettendo in...

Corea del Sud, un Governo tra pandemia e riforma sanitaria

In 3 sorsi - I casi giornalieri di coronavirus in Corea...

Le elezioni parlamentari in Romania

In 3 sorsi - Tra pandemia da coronavirus e instabilità politica,...

Kashmir: l’attentato di Pulwama riapre lo scontro tra India e Pakistan

In breve

Dove si trova

RistrettoIeri la tormentata regione del Kashmir è stata teatro del peggiore attentato terroristico dal 1989: decine di poliziotti indiani sono infatti stati uccisi da un attacco suicida vicino a Pulwama, sulla principale autostrada che collega Srinagar con Jammu City.

Un auto piena di esplosivo si è lanciata a tutta velocità contro il convoglio che li trasportava, scoppiando proprio in mezzo ad esso e devastando buona parte dell’arteria autostradale appena riaperta dopo le intense nevicate dei giorni scorsi.

Il bilancio è di almeno 46 vittime, ma potrebbe aumentare perché ci sono moltissimi feriti gravi. L’attentato è stato rivendicato dal gruppo jihadista Jaish-e-Mohammed (JeM), alleato di Al Qaeda in Afghanistan e già responsabile di un sanguinoso attacco alla base aerea di Pathankot nel 2016. Il leader del gruppo, Masood Azhar, è da anni al centro di una feroce diatriba diplomatica tra l’India, che sta cercando di inserirlo nella lista di personalità sanzionate dall’ONU per terrorismo, e la Cina, che si oppone a tale manovra per evitare conseguenze negative per il Pakistan, suo partner chiave nel grande progetto geopolitico della Belt and Road Initiative (BRI). Lo stesso Pakistan è ambiguo nei confronti del gruppo di Azhar: pur avendolo designato apertamente come organizzazione terroristica, ha fatto spesso poco o nulla per contrastarne le attività. Inevitabile quindi la durissima reazione del Governo indiano verso Islamabad, accusata di essere direttamente coinvolta nell’attentato di ieri. Il Ministro senza portafoglio Arun Jaitley ha annunciato che Delhi farà di tutto per isolare il Pakistan a livello internazionale e le autorità indiane hanno subito rescisso i privilegi commerciali assegnati a Islamabad da un accordo del 1996. Non è esclusa anche una nuova escalation militare lungo la Linea di controllo tra i due Paesi in Kashmir e nuovi raid aerei indiani contro le presunti basi operative di JeM in territorio pakistano.

Simone Pelizza

Simone Pelizza
Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite