utenti ip tracking
giovedì 26 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Covid e tribù dominano le elezioni in Giordania

    In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari in Giordania non hanno...

    Il rapporto franco-tedesco a seguito della pandemia

    In 3 sorsi - A seguito della pandemia la Germania sta...

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Australia, luci e ombre alla fine del tunnel Covid-19

    Analisi - Terzo appuntamento con "Un Caffè agli Antipodi". Melbourne esce...

    Il sorpasso

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Dopo una rincorsa silenziosa e paziente, non appena la campagna elettorale brasiliana è entrata nel vivo, Dilma Rousseff, “erede” designata di Lula, ha superato – e distanziato – nelle intenzioni di voto il suo rivale principale, José Serra. A un mese e mezzo dalle elezioni ecco gli scenari che si presentano per la potenza sudamericana

    DILMA SE NE VA – E pensare che fino a un anno fa José Serra raccoglieva oltre il doppio delle intenzioni di voto dei brasiliani, in vista delle prossime elezioni presidenziali che, ormai imminenti, si terranno domenica 3 ottobre. Il candidato del principale partito di opposizione al Governo di Lula, il Partito della Socialdemocrazia Brasiliana, dominava i sondaggi forte dei suoi successi come governatore dello Stato di São Paulo, la megalopoli perno dello straordinario successo economico brasiliano. E invece Dilma Rousseff, candidata a prendere il posto di Lula da Silva (che in base alla costituzione non può ripresentarsi per un terzo mandato consecutivo) ha recuperato, conquistando consensi in maniera costante e – apparentemente – inarrestabile. Se all'inizio della campagna elettorale, circa un mese e mezzo fa, i due erano appaiati (leggi l'articolo del “Caffè”), il trend favorevole alla Rousseff non si è arrestato ed è notizia di queste ultime ore che la candidata del Partito dei Lavoratori (PT) ha accumulato un vantaggio di addirittura 17 punti percentuali: 47% contro 30%.

    PARTITA FINITA? – Si tratta ovviamente di sondaggi, ma di ragioni per pensare che la Rousseff può davvero diventare la prima donna Presidente del Brasile ce ne sono parecchie. Anzi, probabilmente ce n'è una sola che è però più che sufficiente per ottenere la vittoria, e si chiama Lula. Il presidente uscente viene da due mandati trionfali ed è stimato in maniera pressochè unanime in patria (dove ha un consenso popolare attorno all'80%) e all'estero. In questi otto anni il Brasile ha saputo rendersi protagonista di una crescita economica stabile e solida, riuscendo a generare per la prima volta ricchezza che è stata condivisa anche dalle fasce più povere della popolazione.

    E' dunque l'immagine del “presidente operaio” (in questo caso non solo metaforicamente, dato che Da Silva davvero lavorò in una fabbrica, come testimonia il moncherino del suo mignolo sinistro) il principale asso nella manica della Rousseff, che sta riuscendo a far dimenticare il suo personale “scheletro nell'armadio”, ovvero il suo passato da guerrigliera filo-marxista durante gli anni della dittatura militare.

    I critici di Lula sostengono che la vittoria della Rousseff non sarà altro che un modo per il Presidente di aggirare la costituzione e di rimanere – di nascosto – nella stanza dei bottoni, un po'come sta avvenendo in Argentina con il tandem Néstor – Cristina Kirchner. Si tratta di un'osservazione sicuramente fondata, che però tiene solo parzialmente conto della realtà. Dilma Rousseff, economista e Ministro uscente della Casa Civil, non è un “personaggio” e non riesce a riscuotere grande appeal negli elettori: però ha dalla sua il merito di essere una delle principali menti del successo economico brasiliano. Anche a lei, infatti, si deve il programma “Bolsa Familia”, che attraverso un sistema di sussidi, è riuscito a strappare alla povertà oltre trenta milioni di brasiliani in questi ultimi anni.

    content_515_2

    SERRA E MARINAJosé Serra insegue, cercando di recuperare terreno. Già sconfitto da Lula alle elezioni del 2002, dovrà probabilmente rassegnarsi alla sconfitta anche questa volta, pur essendo un politico navigato e rispettato, alla guida dello Stato più popoloso e ricco del Brasile. Serra, tuttavia, pecca anch'egli di scarso appeal, oltre a subire il peso insostenibile della figura di Da Silva.

    Intanto, più indietro cerca di inserirsi una terza candidata, l'esponente del Partido Verde Marina Silva. I sondaggi la danno al 10%: potenzialmente un buon risultato, che però sottolinea una volta di più il netto vantaggio della Rousseff, che rasenta il 50% dei consensi pur con una sostanziosa fetta di voti “rubata” a sinistra.

    Davide Tentori

    redazione@ilcaffegeopolitico.net

    Davide Tentori
    Davide Tentori

    Sono nato a Varese nel 1984 e sono Dottore di Ricerca in Istituzioni e Politiche presso l’Università “Cattolica” di Milano con una tesi sullo sviluppo economico dell’Argentina dopo la crisi del 2001. Il Sudamerica rimane il mio primo amore, ma ragioni professionali mi hanno portato ad occuparmi di altre faccende: oggi infatti lavoro a Roma presso l’Ambasciata Britannica in qualità di Esperto di Politiche Commerciali. In precedenza ho lavorato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dove mi sono occupato di G7 e G20, e a Londra come Research Associate presso il dipartimento di Economia Internazionale a Chatham House – The Royal Institute of International Affairs. Sono il Presidente del Caffè Geopolitico e coordinatore del Desk Europa

    Articolo precedenteLa lunga strada della ricostruzione
    Articolo successivoTempismo perfetto

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome