utenti ip tracking
sabato 6 Giugno 2020
More

    Speciale COVID-19

    Il Giappone alle prese con la recessione economica

    In 3 sorsi - La parola d’ordine ora è...

    Informazione e pandemia: nuove tensioni tra Washington e Pechino

    In 3 sorsi - L’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione...

    Afghanistan: una firma che non ferma la guerra

    In breve

    • La firma dell’accordo di pace tra talebani e USA a Doha non ferma scontri e violenze in Afghanistan.
    • Uno dei nodi più delicati resto quello dello scambio di prigionieri tra il gruppo islamista e il Governo di Kabul, escluso e indebolito dall’accordo di Doha.
    • Il coronavirus aggiunge un elemento di incertezza nel completamento dei negoziati intra-afghani e sul futuro politico del Paese, con i talebani ben decisi a portare avanti il proprio progetto di emirato islamico in terra afghana.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    In 3 sorsi La firma dell’accordo di pace tra talebani e Usa a Doha non ferma gli scontri violenti nel Paese. Tra tensioni e impasse nei negoziati, il coronavirus aggiunge un elemento di incertezza nel completamento del processo di pace.

    1. UNA FIRMA CHE NON FERMA LA GUERRA

    L’accordo di pace firmato da Khalilzad – che lo vedeva fin dall’inizio piegato alle imposizioni talebane – e Abudl Ghani Baradar che acconsente a dialoghi intra-afghani solo a ritiro USA avvenuto, concluso a Doha lo scorso 29 febbraio, si sta rivelando fallimentare. La non inclusione del Governo afghano nel processo di pace sta generando violenza e insicurezza, presentando i talebani come entità politica legittima e delegittimando i rappresentanti governativi. A poche settimane dalla firma dell’accordo i talebani hanno ripetutamente violato lo stop alla violenza, conducendo più di 4.500 attacchi terroristici e uccidendo più di 900 persone tra le Autorità afghane. Il gruppo terroristico risponde alle accuse affermando che non ha mai rinunciato all’instaurazione di un emirato islamico in Afghanistan, soprattutto ora che il gruppo ritiene di non avere nessun obbligo verso il Governo afghano circa la fine delle proprie operazioni.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Prigionieri talebani vengono rilasciati dal carcere come parte dei tentativi di dialogo intra-afghani, aprile 2020

    2. RILUTTANZE E LAMENTELE

    L’inizio del dialogo intra-afghano si è bloccato sulla questione del rilascio dei prigionieri. La recente liberazione di 15 militanti proposta dai talebani, considerati altamente pericolosi, non è condivisa dal Governo, che ritiene la questione del rilascio di sua esclusiva competenza, poiché materia di sovranità nazionale. Infatti a differenza dell’Agreement for Bringing Peace to Afghanistan, che regolamenta solo con gli USA (senza inclusione del Governo afghano) il rilascio di 5mila talebani e mille governativi, la dichiarazione congiunta firmata tra il Governo USA e quello afghano non specifica il numero di prigionieri da liberare, né come e quando. Secondo il Governo di Kabul, però, la questione dei prigionieri è necessaria per la conclusione di un’intesa nazionale e l’esecutivo ha deciso infatti di rilasciare 1.500 detenuti anziché 5mila. Il Governo afghano sta gradualmente rilasciando i prigionieri, ma secondo i talebani il processo è troppo lento e viene rimandato troppe volte. Il portavoce dei talebani Suhail Suhaeen ha dichiarato in un tweet che il comitato tecnico dei talebani non parteciperà più agli incontri sul rilascio, ritenuti infruttuosi. Secondo il gruppo la loro lista è pronta e non va discussa. Vogliono tutti liberi e subito.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Covid-19 in Afghanistan: controllo della temperatura e qualche mascherina all’ingresso di una moschea di Kabul, aprile 2020

    3. L’INCOGNITA COVID-19

    Gli effetti della Covid-19 sui negoziati sono difficili da prevedere. Molti sostengono che i limiti ai viaggi imposti dalla pandemia costringerebbe i negoziatori a una permanenza forzata, producendo discussioni più serie, facilitate anche da un numero ristretto di partecipanti. Altri sostengono che la pandemia sbloccherebbe l’impasse intra-afghano, facilitando lo svuotamento delle carceri necessario per ridurre il contagio. Quello che è certo è che i talebani non rinunciano comunque al loro progetto di costruzione di uno Stato islamico in Afghanistan, che a quanto affermano non è mai stato messo in discussione con la firma l’accordo. Gli attacchi nelle zone rurali di grandi città, dove maggiormente si è sviluppata la pandemia e dove il Governo è debole, vengono effettuati per prendere tempo, in attesa che i negoziati volgano sempre più a loro favore. Herat, Kabul, Kandahar e Balkh sono state accerchiate e i talebani minacciano di occuparle e metterle sotto assedio se non verrano rispettate le loro condizioni, delegittimando di fatto le forze governative e di sicurezza. Nonostante la firma dell’accordo, è chiaro quindi che i talebani non sono disposti a rinunciare ai loro progetti politici in Afghanistan e intendono sfruttare la situazione per aumentare il loro controllo sul Paese.

    Desiree Di Marco

    180320-D-PB383-014” by Chairman of the Joint Chiefs of Staff is licensed under CC BY

    Desiree Di Marcohttps://europeanpeople.org/chi-siamo/

    Nata a Roma nel 1995, ho scelto Roma, Milano, Vienna e Rabat come sedi per i miei studi. Sono laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali presso la LUISS Guido Carli di Roma e ho conseguito un Master di Primo Livello in “Middle Eastern Studies” preso ASERI (Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano). Ho ottenuto un diploma in Affari Internazionali Avanzati all’Accademia Diplomatica di Vienna e attualmente sto conseguendo la Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali. Ho concluso due tirocini entrambi presso l’OSCE e le Nazioni Unite di Vienna lavorando presso l’Ambasciata di Malta e presso la Missione Permanente e l’Ambasciata della Repubblica Islamica dell’Afghanistan. La mia bevanda preferita è il caffè e non solo “the italian Espresso”!

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome