utenti ip tracking
sabato 26 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    In breve

    • L’economia giapponese era in recessione già nel primo trimestre dell’anno e la diffusione della Covid-19 ha ulteriormente esacerbato le difficoltà economiche.
    • A fine aprile il Governo Abe ha approvato un pacchetto di stimoli senza precedenti, della portata di 1.100 miliardi di dollari.
    • Mentre il numero di contagi scende e viene revocato lo stato d’emergenza nella regione di Hokkaido e a Tokyo, cresce la preoccupazione per il continuo peggioramento degli indici economici nonché per la crescente disoccupazione.

     

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    In 3 sorsi – La parola d’ordine ora è “rivitalizzazione economica”. I dati del secondo semestre del 2020 saranno quasi sicuramente peggiori del primo, durante il quale si è visto un doloroso segno negativo su base annua (-3,4% del PIL). Mentre il Ministero del Lavoro rende noti i numeri di coloro che hanno perso la propria occupazione negli ultimi mesi, il Governo sta lavorando a un rinforzo del pacchetto di stimoli da oltre un trilione di dollari varato ad aprile.

    1. LA SITUAZIONE “PRE-COVID”

    Nello Speciale Soci del Caffé divulgato a marzo abbiamo visto come il diffondersi della Covid-19 in Cina e altre calamità come il tifone Hagibis abbiano avuto delle ripercussioni profonde su un’economia giapponese già indebolita, soprattutto per quanto riguarda la domanda interna, da un poco prudente aumento dell’IVA. Ancor prima dello scoppio della pandemia, nel dicembre 2019, il premier Shinzo Abe aveva annunciato un necessario intervento governativo corrispondente a 120 miliardi di dollari, volti principalmente alla costruzione di infrastrutture. La diffusione del virus in Cina ha avuto come primo effetto quello di frenare la produzione industriale, soprattutto del comparto automobilistico. In seconda battuta, la crescita dei timori per la salute nonché della pericolosità del coronavirus ha portato a una drastica riduzione dell’afflusso di turisti stranieri, nonché a un generale clima di forte incertezza. Nessuno si è dunque stupito di fronte ai risultati macroeconomici di gennaio-marzo: -21,8% di esportazioni, -17% di investimenti privati, -3,1% di consumi domestici. Anche in Giappone quindi, come in Italia, si parla “della più grande sfida dai tempi del dopoguerra”.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Misure di distanziamento sociale in una filiale della MUFG Bank di Tokyo, 29 maggio 2020

    2. UN PACCHETTO DI STIMOLI MAI VISTO PRIMA

    A metà marzo Abe aveva reso noto che il Governo, in collaborazione con la Bank of Japan e un panel di esperti, stava lavorando a un pacchetti di stimoli enorme, mai visto prima. Abe ha mantenuto la parola data: il 30 aprile la Dieta ha approvato un decreto per un budget supplementare di 117mila miliardi di yen, di cui 1.800 allocati esplicitamente per la lotta alla Covid-19, mentre per le famiglie e le imprese in difficoltà i fondi stanziati sono invece 19.400 miliardi. Gran parte della cifra rimanente riguarda misure per la “fase 2”, quindi sussidi alle famiglie per viaggi ed eventi (la cosiddetta GoTo campaign, volta a sostenere la domanda interna), ma soprattutto programmi di prestito e moratorie alle tasse. Un termine molto utilizzato dagli economisti giapponesi per definire queste misure volte a stimolare direttamente il PIL è mamizu, ovvero “acqua fresca”. Le nuove risorse sono finanziate dall’emissione di titoli di Stato, operazione sicuramente rischiosa in un Paese dove il rapporto debito/PIL è superiore al 200%. Ciononostante Abe dimostra così facendo la volontà di attenersi alle linee guida della sua stessa Abenomics. In altre parole, non vuole fallire sul campo dell’economia, costi quel che costi.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Conferenza stampa del Premier Shinzo Abe sulla fine dello stato d’emergenza a Tokyo, 25 maggio 2020

    3. UNA SOCIETÀ DIVISA

    Esattamente come succede tuttora in molti Paesi, le preoccupazioni per il prolungarsi dell’emergenza e il conseguente impatto sull’economia si fanno sempre più pressanti. A inizio maggio si facevano insistenti le voci di un possibile aumento dei fondi disponibili (almeno di 1,5 miliardi di miliardi di yen), proprio in concomitanza dell’estensione dello stato di emergenza in alcune aree tra cui la capitale Tokyo (rimosso poi il 25 maggio). Come sottolineato in un interessante commento di Lully Miura, Presidente dello Yamaneko Research Institute, sul Japan Times, la vera questione è ora quello di trovare il giusto bilanciamento tra la necessità di tutelare la salute pubblica ed evitare un tracollo dell’economia: quale dei due scenari è il male minore? Miura dimostra attraverso i dati di una ricerca condotta dall’NLI Research Institute che la presa di posizione su uno di questi due estremi non dipende né da un fattore generazione né dall’appartenenza politica: il fattore determinante è unicamente la capacità economica, ovvero la possibilità concreta di far fronte ad un periodo più o meno prolungato senza ricevere introiti. I dati del Ministero del Lavoro, per quanto sottostimati, rispecchiano un trend sotto gli occhi di tutti: almeno 10mila persone hanno perso la propria occupazione in seguito alle misure di contenimento del coronavirus. Gli ultimi dati sulla diffusione della pandemia (che in Giappone ha causato meno di mille decessi totali) sembrano suggerire una maggiore propensione a “far ripartire la macchina” in tempi rapidi.

    Mara Cavalleri

    Photo by kodamarobert is licensed under CC BY-NC-SA

    Mara Cavalleri
    Mara Cavalleri

    L’Università di Padova è la mia Alma Mater: qui infatti ho conseguito sia la laurea triennale che magistrale con lode in Politica Internazionale e Diplomazia. Ho frequentato inoltre il Master in Diplomacy presso l’ISPI (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale). Dopo un corso formativo presso la Camera di Commercio di Milano, ho iniziato la mia carriera di Social Media Manager e Web Campaign Strategist. Attualmente lavoro presso una digital agency, dove mi occupo dell’implementazione e gestione di strategie di marketing per enti e imprese che operano a livello nazionale e internazionale.

    Affascinata dal Giappone sin da piccola, ho avuto modo di approfondire tramite corsi e letture specifiche la lingua, la cultura e la storia di questo Paese che, per molti aspetti, si distingue dagli altri nel panorama globale. Amo molto viaggiare e nel tempo libero pratico trekking d’alta quota.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    Comments are closed.