utenti ip tracking
giovedì 6 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    I Paesi Baschi in cerca di patria e in fuga dal passato

    Analisi – Il 12 luglio in Spagna, dopo il...

    In breve

    • A Singapore le elezioni parlamentari svoltesi poche settimane dopo la fine del lockdown decretano la larghissima maggioranza del Partito d’Azione Popolare (PAP).
    • L’opposizione però guadagna inaspettatamente 10 seggi alla Camera.
    • Il premier Lee Hsien Loong resterà in carica fino al termine dell’emergenza sanitaria, ma la crisi della Covid-19 e la recessione economica inducono gli elettori a cercare soluzioni politiche alternative.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    In 3 sorsiSingapore tiene le elezioni parlamentari poco dopo la fine del lockdown. Il Partito d’Azione Popolare vince, ma sorprende l’incremento dell’opposizione alla Camera.

    1. LE ELEZIONI

    In piena emergenza Covid-19, i cittadini di Singapore, muniti di guanti e mascherina, si sono recati alle urne venerdì 10 luglio, in file ordinate e mantenendo il distanziamento sociale. Se, infatti, la maggior parte dei Governi sarebbe riluttante a indire le elezioni parlamentari a seguito di una pandemia mondiale e di una recessione economica, ciò non ha intimorito il Partito d’Azione Popolare (PAP), sicuro del suo successo elettorale.
    Annunciando le elezioni poche settimane dopo la fine del lockdown, il partito di Governo ha confidato nel fatto che gli elettori si sarebbero rifugiati in massa nella confortante leadership di sempre. Dopotutto, il PAP ha a lungo garantito crescita economica, innovazione tecnologica e stabilità politica alla città-Stato.
    La campagna elettorale svoltasi durante l’emergenza sanitaria ha nettamente penalizzato le opposizioni, che a causa delle restrizioni sociali hanno dovuto optare sulla sensibilizzazione online piuttosto che sull’organizzazione di comizi e sull’interazione diretta con gli elettori. Al contrario il Partito d’Azione Popolare ha potuto, come di consueto, fare affidamento sui media statali per la propaganda politica. Questo, unito all’insicurezza generale, ha spinto analisti e politici a trascurare la minaccia delle opposizioni, che, nonostante l’insistente dibattito sull’assenza di ricambio politico e sulle implicite inclinazioni autoritarie del sistema, continuano a faticare per emergere in modo significativo.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Sostenitori del Partito dei Lavoratori festeggiano il sorprendente risultato della loro formazione politica alle elezioni, 11 luglio 2020

    2. I RISULTATI

    Sebbene la “Città del Leone” conti ben undici partiti pronti a contendersi i 93 seggi dell’unica Camera, il sistema uninominale secco è spietato nei confronti delle formazioni medio-piccole, privilegiando di gran lunga i partiti maggiori. Non a caso il PAP, principale partito di centrodestra, domina la scena politica sin dal 1965, sotto l’accorta guida dalla famiglia Lee, di cui è un esponente l’attuale premier Lee Hsien Loong.
    Ma se la vittoria finale non è mai stata messa in dubbio, il voto del 10 luglio scorso ha presentato un’inaspettata sorpresa: il partito di Governo ha conseguito solo il 61% dei voti, uno dei peggiori risultati di sempre, mentre il Partito dei Lavoratori, d’ispirazione socialdemocratica, ha ottenuto il record di ben 10 seggi al Parlamento, incrementando il numero dei rappresentanti dell’opposizione rispetto alla legislatura precedente. “I risultati riflettono il dolore e la paura sperimentati dai cittadini durante la crisi, il calo del reddito e l’aumento della disoccupazione”, ha commentato il premier.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Il premier Lee Hsien Loong saluta i giornalisti dopo aver votato al proprio seggio elettorale, 10 luglio 2020

    3. LE CONSEGUENZE POLITICHE

    Prima dell’emergenza sanitaria Singapore si stava preparando a un cambio della guardia, predisponendo il terreno per una quarta generazione di leader, definiti localmente come 4G. Lee Hsien Loong, Primo Ministro dal 2004, ha più volte espresso l’intenzione di ritirarsi, nonostante si preveda che continuerà a svolgere il ruolo di “minister mentor” dietro le quinte. Tuttavia, la crisi della Covid-19 ha cambiato le carte in tavola. Il premier, pur ammettendo la maggiore debolezza del suo nuovo mandato, ha confermato che resterà al timone fino a quando l’emergenza non sarà conclusa, promettendo stabilità e competenza.
    Quanto al Partito dei Lavoratori, sebbene il relativo successo elettorale non possa essere considerato un vero e proprio tentativo di rovesciare il colosso politico dominante, si tratta di uno sforzo interessate per introdurre un punto di vista diverso nel dialogo governativo, negando al PAP la sicurezza di un “assegno in bianco”.
    La competizione elettorale, per quanto scontata, è stata comunque dura. La pandemia mondiale e la crisi economica hanno consentito al messaggio delle opposizioni di non passare inosservato e le risposte incerte del PAP potrebbero aumentare l’appetito degli elettori per soluzioni politiche alternative, soprattutto in vista delle elezioni del 2025. Tuttavia c’è da scommettere sulle grandi capacità di recupero di questa vitalissima città-Stato, che dovrebbe essere in grado di superare senza eccessivi contraccolpi le conseguenze della pandemia mondiale. Il segreto sta forse nella massima che i cittadini di Singapore si compiacciono spesso di citare: “Bisogna sperare nel meglio per essere pronti al peggio”.

    Emilia Leban

    Photo by David_Peterson is licensed under CC BY-NC-SA

    Emilia Leban
    Emilia Leban

    Sono nata a Roma nel 1995. Appassionata da sempre di tematiche internazionali mi sono laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla Luiss Guido Carli. Ho trascorso un semestre nei Paesi Bassi con il programma Erasmus e uno in Indonesia come tirocinante presso l’Ambasciata italiana. Le mie passioni principali sono i viaggi, i dolci e le lingue straniere.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite