utenti ip tracking
domenica 1 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Lezioni dalla pandemia: il Caffè al Festival di Laterza

    Il Caffè Geopolitico è ospite al festival Laterza Agorà, per...

    Che cosa succede in Svizzera?

    In 3 sorsi - Stretta tra emergenza sanitaria e...

    Mali, elezioni in corso

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Il Mali è tornato al voto, ma di fronte alla ripresa delle ostilità nel Nord, le speranze della popolazione maliana iniziano a vacillare, mentre nuovi dubbi si affacciano sul futuro e sulla democrazia del Paese.

     

    1. LE ELEZIONI PARLAMENTARI – Nonostante l’elezione del nuovo presidente Keita avvenuta ad agosto sia stata caratterizzata da una storica partecipazione, il processo di transizione, dopo la secessione del nord del Mali, il colpo di Stato nel marzo del 2012 e l’intervento internazionale che ne è conseguito, prosegue lentamente. Il 24 novembre si sono tenute le elezioni parlamentari, che avrebbero dovuto completare il processo ripristino della democrazia. Tuttavia, queste sono state caratterizzate da una bassa affluenza (attestatasi al 38,5% degli aventi diritto) e da episodi di violenza nel Nord del Paese.

     

    2. NECESSARIO UN SECONDO TURNO – 1.141 candidati si sono presentati per contendersi i 147 seggi dell’Assemblea nazionale, ma, essendo necessaria la maggioranza assoluta all’interno del collegio, sono stati solo 16 i seggi vinti nel primo turno, con il secondo turno previsto per il 15 dicembre. Nonostante i commenti positivi da parte dell’Unione Europea e della missione ONU in Mali (MINUSMA), numerosi nodi restano comunque da sciogliere. In primo luogo, la presenza delle cellule islamiste ancora attive nel Nord: recentemente, la Francia e MINUSMA hanno lanciato l’operazione militare “Hydre” per contrastare i movimenti jihadisti.

    Truppe francesi in Mali
    Truppe francesi in Mali

    In secondo luogo, resta ancora molto incerto il futuro delle regioni settentrionali, rivendicate da parte della popolazione tuareg come Stato indipendente, l’Azawad.

     

    3. QUALE PACIFICAZIONE PER IL NORD? – La stabilità e una normale ripresa del funzionamento democratico del Paese sembrano allontanarsi ulteriormente. Il Movimento Nazionale di Liberazione dell’Azawad (MNLA), il principale movimento indipendentista tuareg, ha da poco annunciato la fine del cessate il fuoco firmato con Bamako pochi mesi fa, riprendendo le ostilità con l’esercito a Kidal. Negli stessi giorni, Amadou Sanogo, autore del colpo di Stato del marzo del 2012, nonostante la recente promozione a generale, è stato preso in custodia dalle Forze di sicurezza maliane, con l’accusa di omicidio e torture in merito alla scomparsa e all’assassinio di alcuni cittadini durante la sua Presidenza. Un tentativo del presidente Keita di riportare l’esercito sotto il pieno controllo civile?

     

    Matteo Garnero

    Matteo Garnero
    Matteo Garnero

    Classe 1991, laureato in Studi Internazionali all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna con una tesi sulla politica estera turca durante gli esecutivi dell’AKP di Erdoğan.

    Appassionato  e studioso di Medio Oriente e Nord Africa. Straniero dappertutto, non si sente particolarmente isolato in nessun luogo.

    Vive fra Torino, Bologna e Roma.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome