utenti ip tracking
venerdì 10 Luglio 2020
More

    Speciale COVID-19

    Crisi politica e pandemia, il 2020 del Perù

    In 3 sorsi – Il nuovo anno a Lima...

    Serbia: si salvi chi può

    Analisi - Le elezioni parlamentari e quelle per il...

    La crisi nel Messico di AMLO minaccia Trump

    In 3 sorsi – L’epidemia di Covid-19 sta facendo...

    Bukele e la libertà ai tempi del virus

    In 3 Sorsi – In El Salvador l’emergenza sanitaria...

    Don’t cry for me

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Come previsto, alle elezioni di medio termine i Kirchner vengono sconfitti e divengono minoritari nell’ambito del Peronismo. La fine di una stagione politica?

    CRISTINA SCONFITTA – Nessuna sorpresa è uscita dalle urne argentine: la coppia Néstor-Cristina Kirchner, rispettivamente ex e attuale presidente della nazione sudamericana, è uscita sconfitta dalle elezioni di medio termine. In palio c’era il rinnovo di metà del Parlamento di Buenos Aires e, come si attendeva, il Governo non è stato premiato. In realtà, la competizione si è svolta tutta all’interno del Partido Justicialista, erede della tradizione peronista (vedi anche “Tango nelle urne”). La corrente “oficialista”, tendente più a sinistra e comandata dai Kirchner, è diventata minoritaria rispetto ai cosiddetti “dissidenti”, che pendono invece per un maggior conservatorismo. L’emblema che ha caratterizzato in modo netto la dèbacle elettorale del Frente para la Victoria (questo il nome della corrente dei Kirchner) è stata la sconfitta personale dell’ex presidente, battuto nella Provincia di Buenos Aires dal rivale, Francisco De Nárvaez. Kirchner non ha potuto fare altro che prendere atto del risultato e dare le dimissioni da presidente del PJ, passando la mano a Daniel Scioli, attuale presidente della Provincia di Buenos Aires. 

    ED ORA? – Da questo momento il Governo non potrà più godere della maggioranza in nessuna delle due Camere. La “Presidenta” Cristina ha cercato di mostrare la forza dell’esecutivo escludendo che ci saranno rimpasti nella compagine ministeriale. Tuttavia, la Casa Rosada dovrà fare i conti con un panorama politico in mutamento anche se, va sottolineato, solo all’interno del partito peronista. In ascesa c’è il già citato De Nárvaez, oltre all’ex pilota di Formula Uno Carlos Reutemann, eletto senatore nella Provincia di Santa Fe. Reutemann sembra in “pole position” (la metafora automobilistica è quantomai azzeccata) per le presidenziali del 2011 e non a caso ha rifiutato l’invito di Scioli a far parte del direttivo del PJ. Evidentemente il santafesino non ha intenzione di “bruciare” troppo in fretta la propria candidatura sovresponendosi in un momento particolarmente delicato per la definizione degli equilibri e dei rapporti di forza all’interno del partito. Il consenso nella provincia pampeana di Santa Fe è molto importante perché significa avere dalla propria parte la potente lobby degli agricoltori, che detengono nelle proprie mani la principale fonte di ricchezza del Paese.

    content_82_2

    LA FINE DI UNA STAGIONE? – E’ stato proprio il conflitto con i proprietari terrieri a rappresentare l’inizio della crisi del kirchnerismo. Un anno e mezzo fa il Governo impose le cosiddette “retenciones moviles”, ovvero dei dazi variabili sull’esportazione delle derrate agricole, che provocarono un’ondata interminabile di scioperi e proteste in tutta l’Argentina. Negli ultimi mesi, poi, la crisi economica ha rimesso a nudo le debolezze strutturali della repubblica sudamericana: troppo dipendente dal prezzo delle materie prime, non ancora stabile dal punto di vista macroeconomico, l’Argentina ha accusato il colpo in maniera decisamente più forte rispetto al vicino Brasile, che è ormai una potenza geopolitica e geoeconomica a tutti gli effetti. Il successo dei Kirchner è stato agevolato dalla congiuntura economica estremamente favorevole del quinquennio 2003-2008, così come la crisi ne ha amplificato i demeriti negli ultimi mesi. La coppia appare però verso il tramonto politico, anche se difficilmente nel breve periodo ci saranno cambi radicali nell’orientamento politico argentino. Probabilmente ci si potrà aspettare una maggior cautela a livello internazionale nell’abbracciare la causa di leader discussi come il venezuelano Chàvez e, a livello interno, nell’adottare politiche impopolari come la nazionalizzazione dei fondi pensione. 

    Davide Tentori redazione@ilcaffegeopolitico.it

    Davide Tentori
    Davide Tentori

    Sono nato a Varese nel 1984 e sono Dottore di Ricerca in Istituzioni e Politiche presso l’Università “Cattolica” di Milano con una tesi sullo sviluppo economico dell’Argentina dopo la crisi del 2001. Il Sudamerica rimane il mio primo amore, ma ragioni professionali mi hanno portato ad occuparmi di altre faccende: oggi infatti lavoro a Roma presso l’Ambasciata Britannica in qualità di Esperto di Politiche Commerciali. In precedenza ho lavorato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dove mi sono occupato di G7 e G20, e a Londra come Research Associate presso il dipartimento di Economia Internazionale a Chatham House – The Royal Institute of International Affairs. Sono il Presidente del Caffè Geopolitico e coordinatore del Desk Europa

    Articolo precedentePassione finita?
    Articolo successivoGli scheletri nell’armadio

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite