utenti ip tracking
sabato 19 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    L’Armenia verso l’Eurasia

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Sulla scia di un percorso che ha preso una svolta nel settembre 2013, l’Armenia è sempre più vicina a unirsi alla Russia, alla Bielorussia e al Kazakhstan in un’unione doganale già in opera tra questi tre Paesi. In 3 sorsi rivediamo il percorso armeno e il progetto cui Erevan vuole unirsi. 

    LA SVOLTA – Nel settembre del 2013 il Governo armeno ha annunciato una svolta importantissima: l’abbandono di un accordo con l’Unione Europea, che avrebbe dovuto essere firmato nel mese di novembre, in vista di un’adesione all’unione doganale già vigente tra Russia, Bielorussia e Kazakhstan. Una mossa che ricorda per certi aspetti quella attuata dall’esecutivo di Kiev, sebbene in quest’ultimo caso gli esiti siano stati completamente differenti. La Russia, nella persona del presidente Putin in persona, ha accolto con favore la scelta armena e ha affermato che la parte russa avrebbe appoggiato il processo di adesione «in ogni modo possibile». La decisione di Erevan è stata sicuramente presa anche considerando i propri legami commerciali con la Federazione Russa (primo partner dello Stato caucasico e principale investitore), che, dopo un periodo di crisi dal quale il Paese sta uscendo, sono cresciuti di circa il 22% nel 2012, raggiungendo la cifra di 1,2 miliardi di dollari.

    L'Armenia
    L’Armenia

    GLI SVILUPPI – In una probabile ottica di fidelizzazione del futuro partner, ai primi di dicembre 2013 la Russia ha firmato con l’Armenia un accordo per la rimozione dei dazi su forniture di gas naturale, prodotti petroliferi e diamanti grezzi verso Erevan. In seguito a ciò, il 24 dello stesso mese è stata concordata una roadmap per l’ingresso della piccola nazione nell’unione doganale. A febbraio è stato reso pubblico un documento contenente 150 condizioni che lo Stato armeno dovrà soddisfare per poter dare seguito ai propri propositi. Nonostante le numerose richieste, il presidente armeno Serzh Sargsyan ha dichiarato di essere sicuro che il suo Paese aderirà all’unione entro la fine del 2014 e che l’Armenia creerà «un nuovo ambiente nel quale sarà maggiormente protetta e più competitiva». Nella giornata dell’11 marzo, una delegazione armena ha incontrato a Mosca rappresentanti russi, bielorussi e kazaki per discutere di ulteriori dettagli in vista dell’integrazione.

    PROSPETTIVE EURASIATICHE – L’unione doganale alla quale Yerevan sta chiedendo di essere ammessa è un progetto lanciato nel 2007 dai Governi di Mosca, Minsk e Astana. Per favorire l’evoluzione della cooperazione già esistente tra i tre Paesi membri, nel 2011 i rispettivi leader hanno sottoscritto una dichiarazione sull’integrazione economica eurasiatica. Questo progetto dovrebbe vedere la luce nel 2015, ma il trattato che deve porre le basi giuridiche di tutto ciò è ancora in fase di formulazione. Secondo il Presidente della Federazione Russa, il trattato sarà concluso entro il mese di maggio 2014, per poi essere sottoposto alla ratifica dei Parlamenti nazionali. Le formule che si ritiene verranno scelte potrebbero seguire l’esempio posto dall’architettura dell’Unione Europea, con logici adattamenti alle peculiarità degli Stati parte dell’iniziativa.

    Matteo Zerini

    Matteo Zerini

    Laureato magistrale in Relazioni Internazionali presso la Statale di Milano, frequento ora il master Science & Security presso il King’s College di Londra. Mi interesso soprattutto di quanto avviene in Europa orientale, Russia in particolare, e di disarmo e proliferazione, specie delle armi di distruzione di massa.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome