utenti ip tracking
mercoledì 12 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    Bielorussia, la “vittoria” vuota di Lukashenko

    Analisi – Secondo i dati ufficiali, il Presidente bielorusso...

    È arrivato il cigno nero?

    Editoriale -  A gennaio avevamo provato a descrivere come...

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    Elezioni: Kabul si prepara al voto – I

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 4 min.

    Sale la tensione in vista del prossimo 5 Aprile in occasione delle presidenziali in Afghanistan. Un mese più tardi, il 14 Maggio, i risultati metteranno fine al mandato Karzai aprendo una serie di scenari complessi e tuttora incerti. Qualora nessun candidato raggiunga oltre il 50% dei voti, bisognerà aspettare il 22 Maggio per il ballottaggio. Ma ciò che l’Afghanistan deve assolutamente evitare è il vuoto di potere.

    I RIFLETTORI SONO GIA’ PUNTATI SU KABUL – L’ormai imminente 5 Aprile arriva puntuale a decretare un possibile cambio di rotta nel paese dopo il decennio Karzai e il terribile riaccendersi delle violenze e degli attentati dei mesi scorsi. La precarietà delle condizioni di sicurezza non consente di certificare il numero effettivo degli aventi diritto al voto,  (l’ultimo censimento risale infatti al 1979), ma una stima rivela che circa dodici milioni di afgani sono chiamati alle urne per esprimere la loro preferenza e iniziare (pur senza grosse aspettative) una nuova fase.

    I CANDIDATI che si contendono la guida della Repubblica Islamica sono nove, quasi tutti accomunati, in misura differente, da un passato di militanza anti-sovietica. Ad una prima lettura pare che l’uno gareggi nell’ombra dell’altro, senza riuscire ad imporsi come probabile vincitore. E’ necessario, quindi, fare un breve richiamo sulle figure principali che corrono alla presidenza.

    abdullah
    Abdullah Abdullah

    Primo tra i favoriti è Abdullah Abdullah, tagiko ex militante anti-sovietico e anti-Taliban affiancatosi al “leone del Panjshir”, il comandante Ahmad Shah Massoud. Fu Ministro degli Esteri durante il primo mandato di Karzai fino a divenire il suo principale avversario politico quando nel 2009 arrivò secondo alle contestatissime e poco trasparenti elezioni presidenziali. E’ sostenuto dalla fazione Hezb-e-Islami (partito islamico nato durante l’invasione di Mosca) e può certamente contare sull’elettorato del suo gruppo etnico, situato in maggioranza nel Nord del paese.

    Ashraf Ghani
    Ashraf Ghani

    -Ashraf Ghani Ahmadzai, tecnocrate e nazionalista, è stato Ministro delle Finanze ed ex funzionario della Banca Mondiale. Fino alla caduta dei Taliban vive fuori dall’Afghanistan e si forma soprattutto negli ambienti accademici. Ph.D alla Columbia University, docente presso la Berkeley (California) e John Hopkins. Di respiro internazionale, matura un legame con il mondo economico, possibile carta da giocare per far leva sul risanamento delle casse statali.  Gode dell’appoggio sicuro del voto delle regioni del Nord Ovest.

    Abdul Rasul Sayyaf
    Abdul Rasul Sayyaf

    Abdul Rasul Sayyaf, ceppo d’appartenenza pashtun come il precedente, è il più conservatore tra i candidati, esponente di una visione integralista dell’islam e protettore di Osama Bin Laden. Fu un fautore dell’ingresso di Al Qaida in Afghanistan e artefice dei crimini di guerra commessi dopo la cacciata dei sovietici a danno dell’etnia hazara e dei gruppi di fede islamica sciita. Il suo ruolo come comandate di una frangia dei mujaheddin gli ha assicurato un importante seguito popolare nonostante la dichiarata visione radicare della religione islamica e della netta volontà di abolire i diritti alle donne.

    Gul Agha Shirzai
    Gul Agha Shirzai

    Gul Agha Shirzai è stato governatore della provincia di Nangarhar, una regione chiave per i traffici commerciali orientali in quanto corridoio di approvvigionamento per la coalizione internazionale. Il suo nome si lega tristemente ad accuse di corruzione e arricchimento personale grazie alla riscossione delle imposte non autorizzate al confine Afghanistan-Pakistan.

    Zalmai Rassoul
    Zalmai Rassoul

    -Zalmai Rassoul, ex Ministro degli Esteri e consigliere per la sicurezza nazionale, d’etnia pasthun. Si rivelò attivo nel cristallizzare l’ordine politico dell’Afghanistan dopo il crollo del regime talebano,  ma soprattutto uomo di Karzai. Attraverso questa figura, il presidente uscente potrebbe rimanere nell’establishment di governo ergendosi a suo alto consigliere. A rinforzare tale ipotesi vi è il ritiro dalla corsa alla presidenza del fratello Qayyum Karzai, per far convergere l’elettorato pashtun senza disperdere i voti a vantaggio del suo uomo fidato. Rassul sarà inoltre sostenuto da  un altro candidato ritiratosi, un nipote del re Zahir Shah: il giovane Nader Naim. Questi, cresciuto in Gran Bretagna dopo la deposizione del nonno e tornato in Afghanistan solo dopo la caduta dei Taliban, non sembrava avare un vasto seguito, ma porta comunque ulteriore supporto alla causa di Rassoul.

    DIETRO AI NOMI – I candidati che corrono alle elezioni presidenziali dimostrano la difficoltà del sistema politico di essersi rigenerato. Ex mujaheddin, veterani della guerra civile e del jihad anti-sovietico, ma anche il fedelissimo ex Ministro sostenuto dal presidente uscente, non si contendono soltanto la guida del paese, ma anche il riconoscimento effettivo del loro ruolo da parte del popolo. Il nuovo presidente, infatti, dovrà essere in grado di porsi come leader legittimo sia per sviare al pretesto di contestazione del voto, sia per essere un collante di società frammentata e profondamente divisa.

    Quanto emerge da questi dati è che il processo democratico sia vittima di una vittoria mutilata. Nessuno dei candidati possiede un forte seguito popolare né sembra capace di attrarre una fetta consistente dell’elettorato afgano che, comprensibilmente con le divisioni etnico tribali, risulta poco coeso e frammentato. La sfida elettorale, con l’ombra ingombrante di Hamid Karzai, non si esaurisce nella competizione dei nove aspiranti presidenti, ma si lega indissolubilmente alla capacità del paese di affrontare un passaggio di potere “democratico” che a una settimana dalle elezioni risulta fortemente a rischio.

    Fine prima parte

    Giorgia Perletta

    Giorgia Perletta
    Giorgia Perletta

    Accento abruzzese e occhi di mandorla, un mix che dalla nascita (un Martedì del 1990) mi ha tatuato addosso le forti radici e l’esotismo d’Oriente. Sono dottoranda in Istituzioni e Politiche presso l’Università Cattolica di Milano dove ho conseguito una laurea in Sociologia e Giornalismo, una (magistrale) in Relazioni Internazionali e, (non c’è due senza tre), un Master in Middle Eastern Studies. Ho vissuto per 5 mesi a Seul -quando da Nord schieravano i missili al confine dichiarando lo stato di guerra- e lavorato a Milano in una redazione tele-giornalistica nazionale. La mia rosa dei venti punta verso il Medio Oriente e, soprattutto, verso l’Iran, Paese che mi ha fatto innamorare di una molteplicità dei suoi aspetti; tra questi il Persiano, che ho iniziato a studiare un’estate all’Università di Teheran.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    Comments are closed.