utenti ip tracking
lunedì 28 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Botta e risposta sull’Ucraina

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Gli ultimi sviluppi della crisi in Ucraina riguardano le mosse e le contromosse diplomatico-militari prese dalla NATO e dalla Russia.  In 3 Sorsi analizziamo i provvedimenti presi dall’Alleanza Atlantica e le risposte russe, con uno sguardo ai riflessi che tutto ciò sta provocando addirittura nello spazio.

    LE MOSSE DELLA NATO – La riunione dei Ministri degli Esteri dell’Alleanza Atlantica di Martedì 1 Aprile ha sancito la sospensione di tutte le attività in collaborazione con la Russia di carattere militare. Inoltre è stato deciso di rafforzare la presenza della NATO nei paesi europei limitrofi all’area di crisi. I due provvedimenti sono stati presi come risposta all’annessione della Crimea alla Russia e alle truppe di Mosca schierate alla frontiera orientale dell’Ucraina. Secondo le dichiarazioni del Segretario Generale dell’Alleanza, Anders Fogh Rasmussen, le misure che verranno applicate immediatamente saranno la sospensione della scorta alle navi russe che trasportano sostanze chimiche per lo smantellamento dell’arsenale chimico della Siria e voli di pattuglia compiuti sui cieli delle repubbliche baltiche partendo da basi aeree in Lituania ed Estonia. Rasmussen ha aggiunto che la NATO rafforzerà, nel prossimo futuro, la sua presenza terrestre nei paesi limitrofi all’Ucraina e quella navale nel mar Baltico. I Ministri degli Esteri, a seguito della loro riunione, hanno dichiarato che la porta diplomatica per la Russia rimane aperta per trovare una soluzione condivisa alla crisi.

    Il Segretario Generale della NATO Rasmussen Image credits: NATO
    Il Segretario Generale della NATO Rasmussen
    Image credits: NATO

    LA RISPOSTA RUSSA – In risposta alle decisioni della NATO, la Russia ha richiamato in patria il suo ambasciatore presso l’Alleanza, il generale Valery Yevnevich, secondo quanto si apprende dall’agenzia ITAR-Tass che ha citato direttamente il Ministro della Difesa. La Russia ha accusato la NATO di voler porre le condizioni per un escalation militare della crisi. Il Ministro degli Esteri Lavrov, ha inoltre affermato che la Russia ha tutto il diritto di muovere a piacimento le proprie forze sul proprio territorio e che le truppe russe siritireranno dalla zona prossima al confine ucraino una volta terminate le esercitazioni in corso.

    LA NASA – Un fattore sottovalutato da molti media riguardo alla crisi in Ucraina è che questa potrebbe avere effetti anche nello spazio. Sulla ISS (International Space Staion – Stazione Spaziale Internazionale) i paesi europei dell’Agenzia Spaziale Europea (European Space Agency– ESA) e la statunitense NASA collaborano quotidianamente con la Russia. Nonostante la crisi diplomatica in Ucraina, la cooperazione è proseguita senza particolari problemi fino allo scorso 4 Aprile quando l’ente spaziale americano ha rilasciato un comunicato nel quale annunciava l’interruzione di tutte le collaborazioni in ambito spaziale con l’agenzia russa Roscosmos, ad eccezione della gestione della ISS. Sostanzialmente nulla cambia nei rapporti tra le due agenzie spaziali visto che non ci sono grandi collaborazioni in atto. Va aggiunto che, dopo il ritiro dello Space Shuttle, gli Stati Uniti hanno perso la capacità di effettuare voli spaziali con equipaggio e si affidano alle capsule russe Soyuz per i viaggi da e per la ISS.

    Emiliano Battisti

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Articolo precedenteAsia’s cauldron
    Articolo successivoErdogan resiste al cambiamento

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    2 Commenti

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome