utenti ip tracking
martedì 4 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Il principale candidato per la carica di Presidente dell’Afghanistan, il primo dopo l’era Karzai, ha ottenuto il sostegno di uno dei suoi avversari, giunto terzo al primo turno. Il sostegno, però, potrebbe rivelarsi meno decisivo di quanto possa sembrare. In 3 Sorsi analizziamo la vicenda, focalizzandoci sulle problematiche che incombono sul secondo turno delle elezioni afghane

    L’ENDORSEMENTAbdullah Abdullah, ex Ministro degli Esteri Afgano e candidato in testa per l’elezione a Presidente dell’Afghanistan, dopo aver ottenuto il 44% dei voti al primo turno svoltosi il 5 Aprile scorso, ha un nuovo alleato. Domenica 11 Maggio Abdullah ha annunciato che Zalmay Rassoul, anche lui ex Ministro degli Esteri e giunto terzo al primo turno delle elezioni, sosterrà la sua corsa al secondo turno. Quest’ultimo ha dichiarato ai cronisti: “Voglio rivolgermi a tutti gli afgani, invitandoli a votare per il Dottor Abdullah per rafforzare l’unità nazionale e incoraggiare la stabilizzazione politica del paese”. Rassoul è indicato come il candidato vicino all’attuale Presidente Ahmid Karzai. Facendo una mera somma aritmetica, i voti di Rassoul (11% del totale) porterebbero Abdullah al 55%, sufficiente per vincere il secondo turno.

    Il candidato Zalmai Rassoul Image credits: CNN
    Il candidato Zalmai Rassoul
    Image credits: CNN

    PROSPETTIVE – Come accennato in precedenza, l’entità del vantaggio per Abdullah, derivante dal sostegno di Rassoul è tutta da valutare. Innanzitutto, i risultati finali ufficiali del primo turno di elezioni non sono ancora stati pubblicati, perciò, anche se non ci si aspettano sorprese ormai, la “forza elettorale” dei candidati è ancora provvisoria. Un secondo aspetto da considerare è che, molto probabilmente, Abdullah non otterrà tutti i voti di Rassoul, in quanto la scelta di quest’ultimo di appoggiare il front-runner non è stata vista con favore da buona parte del proprio entourage. Questo potrebbe tradursi in una spaccatura al secondo turno. Il candidato giunto secondo (con il 33% dei voti) al primo turno è l’ex Ministro delle Finanze Ashraf Ghani di etnia pashtun. Quest’ultimi rappresentano la maggioranza del Paese e, secondo il parere di alcuni analisti, il secondo turno vedrà un voto più “etnicamente orientato”. Abdullah, nonostante il padre sia pashtun, è tagiko da parte di madre e come tale è considerato. I voti dei “dissidenti” dall’orientamento di Rassoul, potrebbero quindi confluire su Ghani. Questi ha ottenuto anche il sostegno di Ahmad Zia Massud, tagiko e fratello del leggendario Ahmad Shah Massoud, comandante dell’Alleanza del Nord e ucciso il 9 Settembre 2001. Abdullah e Ghani sono visti come moderati pro-occidentali. Entrambi hanno promesso una forte politica anti-corruzione e hanno espresso l’intenzione di firmare l’accordo di sicurezza a lungo termine con gli Stati Uniti, che permetterà a questi ultimi di mantenere truppe sul suolo afgano anche dopo il 2014.

    Le coltivazioni di papaveri per l'oppio in Afghanistan
    Le coltivazioni di papaveri per l’oppio in Afghanistan

    I TALEBANI – La più grande incertezza che incombe sul secondo turno delle elezioni presidenziali è l’affluenza al voto. Questa è stata sorprendentemente alta al primo turno, ma potrebbe scemare sensibilmente al secondo. Questo a causa della ripresa, come di consueto, delle ostilità da parte dei talebani, e degli insurgents più in generale, nel periodo primaverile ed estivo. L’offensiva è solitamente favorita dal raccolto dei papaveri per la produzione di oppio che consente di reclutare uomini con più facilità. Questa mattina due attacchi con razzi hanno colpito sia l’aeroporto di Kabul, sia la base aerea di Bagram senza causare danni e feriti, mentre a Jalalabad uomini armati hanno occupato alcuni edifici governativi dopo che un attentatore suicida ha aperto loro la strada facendosi esplodere la cancello d’ingresso.

    Emiliano Battisti

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    Comments are closed.