utenti ip tracking
venerdì 18 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Un tè lungo la ring road – 2

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 4 min.

    Parte II – Seconda parte della nostra analisi del viaggio del Primo Ministro indiano in Afghanistan. L'India cerca di inserirsi in un gioco alquanto complesso, dove i rapporti tra Pakistan e Stati Uniti, dopo l'uccisione di Bin Laden, hanno bisogno di un nuovo slancio. Quali sono gli spazi di manovra per il colosso indiano? Nuova Delhi cerca di sottrarre spazio a Islamabad, e di guadagnare un posto di primo piano nella contesa regionale. Con un occhio rivolto alla Cina…

    Parte II di II

    LA STRATEGIA DI NUOVA DELHI – Sul lato opposto rispetto al Pakistan si posiziona l’India che è alla ricerca di una maggior influenza sul territorio afgano e forte del suo ruolo di potenze economica nell’area asiatica, è oggi uno dei principali donatori nelle politiche di ricostruzione e sviluppo in Afghanistan: la visita stessa del Primo Ministro indiano sancisce ulteriori aiuti finanziari per un totale di 1.5 miliardi di dollari; l’India fornisce inoltre tecnologia di buon livello tramite propri ingegneri al lavoro in tutto il paese per la costruzione di dighe (tra cui una nella regione di Herat) e programmi di ricostruzione di centrali idroelettriche. Da non trascurare la costruzione della Ring Road, la più importante ed anche unica strada in Afghanistan in grado di collegare l’intero paese: uno dei grossi e annosi problemi dell’Afghanistan è la mancanza totale di infrastrutture che non consentono e rendono più difficoltoso perciò lo sviluppo economico del paese. C’è chi vede dietro tutti questi progetti e sostegni indiani il secondo fine di accedere alle risorse energetiche del paese, principalmente idrocarburi, fondamentali nel sostenere l’attuale fase di ascesa economica indiana. Avere un ruolo attivo e centrale nel territorio afghano consentirebbe all’India di poter controllare i confini con il Pakistan da possibili infiltrazioni jihadiste. La visita del Primo Ministro indiano Manmohan, se segue quella dello scorso febbraio di Karzai in India, è servita anche per ottenere rassicurazioni e vigilare sul processo di riconciliazione in atto nel paese, processo che può avere importanti ripercussioni sull’andamento dei finanziamenti dati all’Afghanistan: la paura che una ricaduta del paese nel baratro della guerra civile possa far andare in fumo i cospicui finanziamenti è piuttosto diffusa tra gli ambienti indiani. Ecco il motivo per cui l’India preme per una maggiore stabilità del paese dal punto vista interno.

    content_791_2

    IL QUARTO ATTORE – Nel complesso scacchiere afgano e all’interno del triangolo indo-pakistano-afgano, chi gioca un ruolo fondamentale e decisivo sono gli Stati Uniti, artefici “dell’esportazione della democrazia” in Afghanistan e alleati sia dell’India che del Pakistan, considerato un alleato “imperfetto”. La politica estera americana in Afghanistan è attualmente ad un punto di non ritorno: da un lato l’uccisione di Osama Bin Laden parrebbe aver riportato serenità e tranquillità nel territorio afgano ma dall’altro non ha fatto altro che inasprire e incrinare i rapporti con l’alleato Pakistan che accusa gli Stati Uniti di aver violato la propria sovranità’ entrando in territorio pakistano senza nessun tipo di autorizzazione. Gli Stati Uniti si trovano ora a dover decidere tra un ritiro immediato delle truppe e quindi un maggior conferimento di autonomia alle autorità locali afgane e alle sue forze di polizia, anche attraverso il sostegno militare e cooperazione dei paesi alleati che hanno delle truppe sul suolo afgano tra i quali l’Italia, o un maggiore coinvolgimento stesso degli Stati Uniti sul suolo afgano, cosa attualmente poco probabile. L’opzione di un immediato ritiro delle truppe apre degli scenari complessi e intricati nella geopolitica della zona dell’Asia meridionale: a chi demandare e assegnare il ruolo centrale nell’opera di ricostruzione della nazione afgana? Al confinante Pakistan, da sempre alleato degli Stati Uniti, paese che non offre garanzie dal punto vista legale e democratico ma comunque incline ad avere un ruolo preponderante in Afghanistan con il quale condivide i confini territoriali? Oppure all’alleata India, uno dei principali partner esteri del commercio di beni e servizi con gli Stati Uniti e paese dove quest’ultimi hanno i maggiori investimenti economici e che sarebbe anche ago della bilancia nella zona Asiatica e controparte del dragone cinese?

    SCENARI FUTURI – I rapporti tra Pakistan e Stati Uniti sono al momento alquanto delicati, il Pakistan è agli occhi degli americani un alleato “imperfetto”: gli USA sospettano e accusano il Pakistan di complicità e appoggio ad organizzazioni terroristiche di matrice jihadista; la complicità dell’Isi, l’intelligence pakistana, con gruppi di jihadisti con l’intento di intimidire l’India è ben nota. Ma nonostante questo la diplomazia americana cerca di tenere in piedi l’immagine di una stretta collaborazione con le forze pakistane. Inoltre negli ultimi tempi i rapporti tra Pakistan e Afghanistan hanno raggiunto ottimi livelli di dialogo e cooperazione sia dal punto di vista politico sia economico tali da far presagire per il Pakistan un ruolo centrale e predominante nel processo di riconciliazione e ricostruzione afgana. Dall’altro, il riavvicinamento del Pakistan, ha sicuramente aumentato i timori delle autorità e della diplomazia indiana che ha tutto l’interesse, per i motivi esposti sopra, ad avere un ruolo di pivot in Afghanistan. La visita di Manmohan Singh è volta a mostrare al mondo, e soprattutto al Pakistan e alla Cina, il ruolo che questo paese è pronto a rivestire all’interno del complesso sistema economico mondiale (l’India si candida, secondo alcuni analisti, a superare la Cina come potenza economica globale). Le future mosse dell’alleato indiano potrebbero aprire degli scenari decisivi per la sicurezza e stabilità dell’Afghanistan e sia per il futuro sviluppo economico di questo paese. Decisivo per le relazioni tra i due paesi saranno anche le prossime mosse e decisioni che saranno prese dall’amministrazione Obama.

    Concettina Putzolu

    redazione@ilcaffegeopolitico.net

    Redazione
    Redazionehttps://ilcaffegeopolitico.net

    Il Caffè Geopolitico è una Associazione di Promozione Sociale. Dal 2009 parliamo di politica internazionale, per diffondere una conoscenza accessibile e aggiornata delle dinamiche geopolitiche che segnano il mondo che ci circonda.

    Articolo precedenteCristina concede il bis?
    Articolo successivoParticolarità siriane

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome