utenti ip tracking
giovedì 13 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    Xenofobia e Covid-19 (II): sinocentrismo e razzismo

    Analisi - Se è vero che all’estero le comunità...

    Bielorussia, la “vittoria” vuota di Lukashenko

    Analisi – Secondo i dati ufficiali, il Presidente bielorusso...

    È arrivato il cigno nero?

    Editoriale -  A gennaio avevamo provato a descrivere come...

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Brasile, il futuro sarà rosa?

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Ci siamo: domenica le urne restituiranno il primo verdetto nella battaglia tra Dilma Rousseff e Marina Silva per la presidenza del Brasile. Il rinvio al ballottaggio sembra molto probabile: in gioco c’è il futuro di un Paese che si trova a un punto cruciale. Vediamolo in 3 sorsi.

    1. COME SI SVOLGONO LE ELEZIONI – Domenica 5 ottobre si svolgerà il primo turno delle elezioni generali brasiliane, che si tengono ogni quattro anni. Si vota per scegliere il Presidente della Repubblica, i deputati, i senatori, i governatori e i rappresentanti dei 27 Distretti federali brasiliani. Un rinnovamento complessivo, dunque, che non riguarda solo la scelta del nuovo capo di  Stato. In questo caso, qualora nessuno dei candidati in competizione dovesse raggiungere il 50% più uno dei voti, si ricorrerà al ballottaggio, già programmato per domenica 26 ottobre. Il nuovo Presidente entrerà comunque in carica a gennaio 2015.

    2. CHI SONO I CANDIDATI – Sarà inevitabilmente un testa a testa tra Dilma Rousseff, Presidente in carica e candidato del Partito dei lavoratori (PT), e Marina Silva, ex ministro dell’Ambiente durante il Governo Lula e ora leader della coalizione guidata dal Partito socialista brasiliano (PSB). Un affascinante scontro tutto al femminile che prescinde da strumentalizzazioni legate alla parità di genere, ma che rivela una leadership effettiva delle candidate in gioco ed è la cartina di tornasole di una società, quella brasiliana, che ha compiuto notevoli passi in avanti nel corso degli ultimi vent’anni. Dilma sembra avvantaggiata nei recenti sondaggi e in netto recupero nonostante Silva fosse cresciuta costantemente nei consensi durante queste settimane. Secondo l’istituto IBOPE, Rousseff oscillerebbe tra il 47% e il 45%, mentre Silva è data al 28% e il terzo candidato, il socialdemocratico Aécio Neves, è stabile intorno al 20-22%. Se l’attuale Presidente non riuscisse a compiere un ultimo “scatto” e assicurarsi subito il 50%, vincere al ballottaggio potrebbe essere problematico, perché i socialdemocratici potrebbero far confluire i voti su Marina. In realtà i candidati alla Presidenza della Repubblica sono undici, ma nessuno degli altri competitors sarà in grado di giocare un ruolo importante.

    In Brasile c'è chi vede Dilma prossima alla sconfitta, ma l'esito sarà molto incerto
    In Brasile c’è chi vede Dilma prossima alla sconfitta, ma l’esito sarà molto incerto

    3. LA POSTA IN GIOCO – È molto alta: il proseguimento del percorso di crescita e sviluppo del Brasile, iniziato a metà degli anni Novanta con il Governo Cardoso e proseguito poi con l’esperienza memorabile di Lula, ha bisogno di un rilancio. La presidenza di Dilma Rousseff non ha ottenuto i successi sperati in campo economico ma, va detto, non è stata tutta “colpa” sua: la fine del super-cycle delle commodities ha comportato un rallentamento obbligato, mentre l’aggressiva politica monetaria statunitense ha dato diversi grattacapi alla Banca centrale brasiliana, che ha dovuto mantenere tassi di interesse molto alti per evitare che l’inflazione salisse alle stelle e portasse a un surriscaldamento dell’economia (come per esempio è accaduto in Argentina).
    Il vincitore – anzi, la vincitrice – che emergerà dalle urne dovrà essere in grado di far uscire il Brasile dalla stagnazione e, nel contempo, chiarire meglio il ruolo internazionale che il Paese sudamericano vuole giocare: finalmente leader regionale o potenza maggiormente votata a sviluppare relazioni con altre zone del mondo? Le ricette delle due candidate sono differenti in campo economico (Marina Silva è più incline all’ortodossia e la sua vittoria sarebbe per questo vista più favorevolmente dagli investitori internazionali), ma simili in campo sociale: il proseguimento di politiche di grande successo come “Bolsa Familia” rimane infatti un punto fermo per entrambe. Forse è proprio questa la chiave di lettura per presentare il Brasile al mondo: una potenza economica che ha fatto di uno sviluppo tendente a maggiore equità il suo successo più bello.

    Davide Tentori

    [box type=”shadow” align=”alignleft” ]

    Un chicco in più

    Un video interessante, forse non proprio facile da comprendere per chi non conosce il portoghese (anche se quello parlato in Brasile è di più facile comprensione di quello che si usa a Lisbona): il dibattito televisivo fra i principali candidati alle elezioni. [/box]

     

    Davide Tentori
    Davide Tentori

    Sono nato a Varese nel 1984 e sono Dottore di Ricerca in Istituzioni e Politiche presso l’Università “Cattolica” di Milano con una tesi sullo sviluppo economico dell’Argentina dopo la crisi del 2001. Il Sudamerica rimane il mio primo amore, ma ragioni professionali mi hanno portato ad occuparmi di altre faccende: oggi infatti lavoro a Roma presso l’Ambasciata Britannica in qualità di Esperto di Politiche Commerciali. In precedenza ho lavorato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dove mi sono occupato di G7 e G20, e a Londra come Research Associate presso il dipartimento di Economia Internazionale a Chatham House – The Royal Institute of International Affairs. Sono il Presidente del Caffè Geopolitico e coordinatore del Desk Europa

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    Comments are closed.