utenti ip tracking
domenica 19 Settembre 2021

Nigeria, meriti e limiti dell’operazione Safe Corridor nella lotta a Boko Haram

In breve

  • Per sconfiggere Boko Haram l’approccio militare non è sufficiente, ma è necessario un percorso di de-radicalizzazione, riabilitazione e reintegrazione, come molti Paesi sembrano aver compreso.
  • L’operazione Safe Corridor nel nord-est della Nigeria offre un’alternativa al solo uso della forza, proponendosi come percorso per reintegrare membri ribelli di rango inferiore che hanno defezionato da Boko Haram.
  • Nonostante alcuni successi dell’operazione, l’International Crisis Group ha recentemente riportato alcune perplessità dovute alla sua popolarità nella comunità, allo status dei candidati e alle presunte violazioni dei diritti umani in diverse strutture.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

In 3 sorsi – La lotta contro Boko Haram, che va avanti ormai da più di un decennio, si è concentrata principalmente sulla forza militare, creando una spirale di violenze e tensioni. Negli ultimi anni, e in particolar modo dal 2016 con l’operazione Safe Corridor, si è posto l’accento su metodi di rieducazione che nonostante presentino problemi possono contribuire alle defezioni e a una lenta riconciliazione.

1. OLTRE L’APPROCCIO MILITARE

Le operazioni militari nel nord-est della Nigeria e vicino al bacino del Lago Ciad hanno ottenuto scarsi risultati nella lotta all’insurrezione contro Boko Haram (le due fazioni JAS e ISWAP), mostrando le difficoltà della Nigeria – e degli Stati della regione in generale – nell’adeguarsi alla svolta dei gruppi verso il controllo della popolazione e del territorio. Negli ultimi anni è emersa la consapevolezza dei Governi verso un approccio volto a coadiuvare le operazioni militari con programmi di recupero e di contrasto effettivo al reclutamento da parte dei terroristi. Programmi che sono fondamentali per offrire una via di uscita ai militanti di rango inferiore, pentiti, costretti a seguire i gruppi ribelli sotto ricatto o semplicemente abitanti delle aree da loro controllate. Considerata l’importanza delle donne e dei bambini nella regione del Lago Ciad per l’insurrezione di Boko Haram – esposti a violenze e reclutamento per gli attacchi terroristici – c’è necessità di un impegno sempre maggiore verso la rieducazione e la riabilitazione dei minori, in una politica di antiterrorismo comprensiva che punti a disimpegno, de-radicalizzazione e appunto riabilitazione.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Il relitto di un’auto colpita da un attacco di Boko Haram circondata da residenti del distretto Adam Kolo di Maiduguri il 24 febbraio 2021. I jihadisti hanno assaltato la città di Maiduguri uccidendo 16 persone, tra cui nove bambini che stavano giocando a calcio in un campo, ha riferito la milizia locale all’AFP

2. L’OPERAZIONE SAFE CORRIDOR

Dalle conclusioni del Governo della Nigeria riguardo all’impossibilità che l’insurrezione potesse essere sconfitta facendo affidamento solo sulla forza militare, nel 2016 è nata l’operazione Safe Corridor, un programma multisettoriale che coinvolge diverse agenzie governative che amministrano progetti specifici. L’operazione è gestita dal personale militare del Governo federale con il contributo di donatori esterni (su tutti Unione Europea, Regno Unito e Stati Uniti tramite l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni), e svolge il compito di offrire un passaggio sicuro per la riabilitazione degli uomini di Boko Haram che decidono di consegnarsi alle Autorità. Safe Corridor è pensata soprattutto per quelle reclute di rango inferiore che svolgono però ruoli importanti per il funzionamento quotidiano di Boko Haram e per la sua operatività. La struttura principale dell’operazione è nello Stato di Gombe, a Mallam Sidi, adiacente all’epicentro dell’insurrezione jihadista, nello Stato del Borno. In quello che dovrebbe essere un periodo di sei mesi gli ospiti entrano in un percorso di de-radicalizzazione che comprende formazione vocazionale e supporto psicologico, volti a una completa rieducazione e al reinserimento in società.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Detenuti sospettati di legami con i jihadisti di Boko Haram camminano in fila dopo essere stati liberati e consegnati a funzionari statali per la riabilitazione e l’integrazione, durante una cerimonia ufficiale presso la caserma militare di Giwa, a Maiduguri, il 27 novembre 2019

3. UNA STRATEGIA POSITIVA MA PROBLEMATICA

L’International Crisis Group (ICG), avvalendosi di interviste a partecipanti del programma, ne delinea però alcune criticità: violenze da parte dei militari, strutture di transito verso Mallam Sidi non adeguate e difficoltà di determinare identità e status dei candidati al programma (combattenti, sfollati o semplici civili). L’ICG riporta che molti donatori temono che i loro fondi non siano impiegati a dovere e sono cauti circa ulteriori investimenti nel programma. Per quanto riguarda le comunità, nella misura in cui sono disposte a considerare di accettare di nuovo coloro che sono associati a Boko Haram, spesso insistono sul fatto che per poter avviare pratiche di riconciliazione dovrebbero prima essere risolti tutti i conflitti violenti e sono diffidenti verso quella che considerano un’amnistia per i terroristi. Un’ulteriore limite è l’estesa presenza delle milizie di autodifesa anti-Boko Haram chiamate Civilian Joint Task Force (CJTF) nel nord-est, determinanti nella lotta contro i jihadisti, ma sempre più indisciplinate e frustrate, che sfidano ogni forma di autorità e si oppongono al reintegro. Se il Governo nigeriano e i suoi partner intendono portare avanti una politica e un programma di recupero – che nonostante i suoi limiti ha determinato diverse defezioni – dovrebbero sensibilizzare la società sull’importanza della riabilitazione, migliorare le condizioni di detenzione e limitare gli impulsi di vendetta. Aspetto fondamentale è infine uno screening più mirato dei candidati, perché effettivamente vengano inseriti nel programma solo coloro per i quali il programma è pensato, che dovranno essere seguiti una volta usciti dal “corridoio” nel loro reinserimento in società. La sola esistenza del programma ha implicato un aumento delle defezioni da Boko Haram e, potenziandola, l’operazione potrebbe essere uno strumento giuridico ancora più utile contro l’insurrezione jihadista.

Daniele Molteni

Flintlock 2018 training in Tahoua, Niger” by USAFRICOM is licensed under CC BY

Daniele Molteni
Daniele Molteni

Nato in provincia di Como, ha conseguito la laurea triennale in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee e quella magistrale in Relazioni Internazionali all’Università degli Studi di Milano, con tesi relative alla Responsibility to Protect e al terrorismo internazionale. Le sue aree di interesse sono Africa e Medio Oriente, con un particolare focus su questioni legate a sicurezza e rule of law. Dal 2018 è redattore di La Beula, rivista culturale indipendente della Brianza comasca, e in passato ha scritto per alcune Onlus specializzate in politica internazionale e diritti umani. È appassionato di cinema d’autore e libri, principalmente saggistica e reportage.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite