utenti ip tracking
venerdì 18 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Salta il banco?

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Situazione sempre più intricata in Palestina: una frase di Hillary Clinton scatena il putiferio, con Abu Mazen che annuncia di non volersi ricandidare, minacciando le dimissioni. E le elezioni appena fissate per gennaio rischiano già di saltare

    NON SI RICANDIDA – L’ultimo aggiornamento sulla situazione interna palestinese (Cfr. L’ora dell’appello) raccontava della mossa a sorpresa del Presidente palestinese Abu Mazen, leader di Fatah, che ha deciso di indire unilateralmente le elezioni parlamentari e presidenziali per il prossimo 24 Gennaio, senza attendere un accordo con la controparte Hamas. Sembrava che la mossa seguente toccasse proprio a questi ultimi, invece il nuovo colpo a sorpresa è stata ancora di Abu Mazen, che il 7 Novembre ha annunciato la sua volontà di non ricandidarsi alle elezioni di gennaio. Perché questa scelta? Il quadro si schiarisce un po’ andando a leggere le dichiarazioni rilasciate tre giorni prima A Gerusalemme da Hillary Clinton, Segretario di Stato Usa: “Il congelamento degli insediamenti israeliani in Cisgiordania non è una pre-condizione per il riavvio dei negoziati tra le parti”. 

    HILLARY SHOCK – Per i Palestinesi, una simile frase ha l’effetto di un pugno in faccia, e di quelli forti. E poco importa che due giorni dopo la Clinton in Marocco provi a metterci una pezza, dichiarando che gli Usa continuano a opporsi alla politica israeliana in merito. Di fatto, in questi primi nove mesi di amministrazione Obama, gli Usa sono sempre rimasti fermi nel chiedere a Israele il congelamento totale degli insediamenti, come pre-condizione per ricominciare i negoziati, così come chiedevano i Palestinesi (e come previsto dalla Road Map siglata dal Quartetto Onu-Usa-Russia-Ue nel 2003). A settembre un accordo in merito sembrava imminente, poi il Governo Netanyahu ha tenuto duro, ottenendo che a Washington si parli ora di contenimento degli insediamenti, e non di congelamento. E nonostante l’incontro di questa settimana tra Netanyahu e Obama non sia stato certo tra i più positivi, è un dato di fatto che in Palestina tali dichiarazioni sono state viste come l’ennesimo appiattimento americano sulle politiche israeliane. Nessun nuovo corso, dunque, con Obama Presidente: tutte le speranze dei primi mesi sembrano svanite, e tra i Palestinesi vi è ora grande sfiducia sulla possibilità che Obama possa cambiare le cose. Anche l’appoggio a Israele contro il Rapporto Goldstone (che condanna come crimini di guerra le azioni israeliane compiute durante il conflitto a Gaza dello scorso inverno) ha stroncato sul nascere l’ipotesi ventilata di una sorta di scambio: mutare politica nei Territori palestinesi in cambio dell’insabbiamento del rapporto. 

    content_189_2

    E LE ELEZIONI? – In tale situazione, Abu Mazen (nella foto) ha deciso di “metterci la faccia”, dicendo: a queste condizioni, non ci sto più. Il Presidente palestinese ha infatti detto di trovarsi in un vicolo cieco: o tornare alla resistenza e all’unità nazionale, in una sorta di nuova Intifada, sprecando qualsiasi spiraglio di pace (opzione che Abu Mazen certamente non predilige, oltre che essere di fatto impraticabile per mancanza di organizzazione e di una benchè minima coesione nazionale), oppure proseguire negoziati sterili e infruttuosi, accettando le condizioni israeliane e, in pratica, andando incontro ad un vero e proprio suicidio politico. In poche parole, Abu Mazen lancia il guanto di sfida, mettendo pressione soprattutto sugli Usa, affinchè non cedano alle condizioni israeliane e pongano le condizioni per superare lo stallo del processo di pace, ufficialmente sospeso nel gennaio scorso in seguito all’offensiva israeliana nella Striscia di Gaza. Difficilmente, però, questa mossa sarà sufficiente ad uscire da un’impasse che, intanto, cresce sempre più. Alla luce delle divisioni inter-palestinesi e del mancato raggiungimento di un accordo nazionale, appare difficile che le elezioni di gennaio possano svolgersi. E proprio oggi, la Commissione elettorale dell’Autorità Palestinese ha dichiarato che le elezioni devono essere rinviate, poiché non vi sono le condizioni per garantire un corretto svolgimento delle stesse. Sul voto di gennaio pesa infatti l’opposizione di Hamas, che ha già minacciato di vietare la consultazione all’interno della Striscia di Gaza. 

    TUNNEL SENZA FINE? – La palla torna ora ad Abu Mazen, che deve decidere se rinviare o meno le elezioni. Comunque vada, il quadro è sempre più ingarbugliato. Se le elezioni saranno effettivamente rinviate, vi saranno altri mesi di stallo politico, a meno che Hamas decida di firmare l’accordo di unità nazionale. Se le elezioni si svolgeranno in questo clima di incertezza, è in ogni caso difficile prevedere una svolta politica in assenza di negoziati. Qualunque Presidente palestinese non potrebbe accettare le condizioni israeliane che Abu Mazen rifiuta. E nello stesso tempo, se quest’ultimo si rimangiasse la parola, ricandidandosi in assenza di sviluppi sui negoziati, perderebbe la faccia davanti ai suoi elettori. Difficile, in questo momento, vedere un po’ di luce in fondo a questo tunnel, ogni giorno più intricato. 

    Alberto Rossi redazione@ilcaffegeopolitico.it

    Alberto Rossi
    Alberto Rossi

    Classe 1984, laureato nel 2009 in Scienze delle Relazioni Internazionali e dell’Integrazione Europea all’Università Cattolica di Milano (Facoltà di Scienze Politiche). La mia tesi sulla Seconda Intifada è stata svolta “sul campo” tra Israele e Territori Palestinesi vivendo a Gerusalemme, città in cui sono stato più volte, che porto nel cuore e in cui andrei domani a vivere (e sì, sembra assurdo, ma anche mia moglie Cristina verrebbe di corsa con me. Nostra figlia Anita invece, nata a maggio 2015, ancora non ci ha detto cosa ne pensa). Vivo a Milano, dopo 28 anni di Brianza, e sono Responsabile Marketing della Fondazione Italia Cina e analista del CeSIF (Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia Cina). Tra le mie passioni, il calcio (portiere, allenatore, tifoso), la politica, i libri di Giovannino Guareschi, i giochi di magia, il teatro, la radio. Già, la radio: nel 2009 conducevo un programma di esteri su Bmradio.it, e con alcuni amici/colleghi appassionati di geopolitica e relazioni internazionali ci siamo detti: la radio non basta, dovremmo inventarci qualcosa di più per parlarne… Ecco, Il Caffè Geopolitico, di cui sono Presidente, è nato più o meno così.

    Articolo precedenteCristina contro tutti
    Articolo successivoL’ora dell’appello

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome