utenti ip tracking
mercoledì 25 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Covid e tribù dominano le elezioni in Giordania

    In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari in Giordania non hanno...

    Il rapporto franco-tedesco a seguito della pandemia

    In 3 sorsi - A seguito della pandemia la Germania sta...

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Australia, luci e ombre alla fine del tunnel Covid-19

    Analisi - Terzo appuntamento con "Un Caffè agli Antipodi". Melbourne esce...

    Germania-Italia

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    EuroCaffèNon serve aggiungere nulla al titolo. Germania-Italia parla da sola. Per Storia e storia calcistica. In quest’ultima gli azzurri hanno scritto pagine memorabili. Speriamo che la tradizione continui

    RIVALI (QUASI) SEMPREGiulio Cesare lo aveva detto. Se Roma non avesse conquistato la regione dei popoli germani questi le avrebbero creato problemi in futuro. Lui si apprestava a farlo, ma poi arrivò il 15 marzo 44 a.C. Anche Augusto ci provò, ma le legioni di Publio Quintilio Varo furono massacrate dalle tribù di Arminio nella tristemente famosa battaglia della foresta di Teutoburgo. Dopo alterne vicende, i romani decisero di attestarsi sulla linea difensiva costituita dai fiumi Reno e Danubio, nuovo limes settentrionale dell’Impero. Dopo le invasioni barbariche e l’unificazione sotto il Sacro Romano Impero carolingio, la rivalità esplose all’epoca dei comuni quando quelli schierati con il Papa (i famosi guelfi) sconfissero prima l’esercito dell’imperatore Federico Barbarossa e dei suoi alleati italici (i comuni ghibellini) e, successivamente, quello di suo figlio Federico II. In seguito, la frammentazione delle attuali Germania e Italia in piccoli Stati attenuò la rilevanza della conflittualità tra le due. Una possibile eccezione è l’essere l’una il campione del protestantesimo, e l’altra del cattolicesimo romano. Nell’Ottocento, il nemico per gli italiani embrionali era l’Austria e per combatterla valeva anche un’alleanza con la Prussia (regno che stava pian piano unificando la Germania) nella Terza guerra d’indipendenza. Roma e Berlino erano unite nella Triplice Alleanza alla vigilia dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, prima del Patto di Londra che suggellò il passaggio italiano sotto le bandiere della Triplice Intesa per strappare al nemico Austria-Ungheria Trento e Trieste. I soldati italiani e tedeschi si combatterono sul fronte. Pochi sanno che a Caporetto, la spallata decisiva ce la diedero proprio loro, tra i quali militava un giovane ufficiale destinato a passare alla storia: Erwin Rommel. Tornammo, in questo caso purtroppo, alleati alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale.

    ITALIA-GERMANIA IERI – Con la pacificazione duale del continente (quella fredda della contrapposizione tra blocchi e quella calda del nascere del sogno dell’Europa unita), la rivalità italo-tedesca si è spostate nell’economia e nello sport. Nel calcio soprattutto. Contro i tedeschi gli azzurri hanno scritto le loro migliori pagine degli Europei e dei Mondiali. Italia-Germania Ovest 4 a 3 di Messico ’70 è ancora usata come sfottò. Anche da chi all’epoca non era nato o era troppo piccolo. Poi il 3 a 1 della finale del Mondiale Spagna ’82 con l’urlo di Tardelli e l’esultanza delPpresidente Pertini. Più di recente la vittoria degli azzurri nel Mondiale tedesco del 2006 dopo aver battuto in semifinale i padroni di casa con goal di Grosso (che ancora non crede al tiro che ha fatto) e Del Piero. Nel 2012 un doppio Balotelli (almeno una gioia ce l’ha regalata) ha fermato in semifinale degli Europei una strafavorita Germania nel secondo dei “match dello spread” (nel primo i tedeschi avevano eliminato i greci).

    GERMANIA-ITALIA OGGI – Un grande classico. La Germania parte favorita per caratteristiche tecniche e gioco collaudato da anni di gestione Joachim Löw. L’Italia però ha dimostrato di saper affrontare chiunque, anche tra i favoriti, battendo il Belgio nel girone ed eliminando la Spagna ai quarti. L’idea che la tradizione dello spauracchio per i tedeschi possa continuare è stuzzicante, soprattutto in seguito alla sicurezza ostentata dalla loro stampa. Non resta che aspettare i 90 minuti (forse di più) per sapere quale delle due affronterà la Francia in semifinale per un altro classico. A meno di un ennesimo miracolo islandese. In ogni caso, con buona pace di Marco Travaglio, forza azzurri.

    Emiliano Battisti

    [box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]Un chicco in più

    Germania
    Migliore piazzamento a Europei: vittoria (1972, 1980, 1996)

    Italia
    Migliore piazzamento a Europei: vittoria (1968)

    Precedenti
    Vittorie Germania: 8
    Pareggi: 10
    Vittorie Italia: 15 [/box]

    Foto: NazionaleCalcio

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome