utenti ip tracking
sabato 19 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    E’ deceduto Bhumibol Adulyadej, Re della Thailandia

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    In evidenza – E’ deceduto il sovrano più longevo nella storia della Thailandia. Che scenari si aprono adesso per il sud-est asiatico?

    La scomparsa di Bhumibol Adulyadej, il sovrano più longevo nella storia della Thailandia, apre scenari di grande incertezza per il futuro del suo Paese e per la stabilità del Sud-est asiatico.

    Manca infatti un vero erede capace di sostituirlo degnamente nel delicato ruolo di garante e unificatore del regno thailandese. Suo figlio maggiore Vajiralongkorn, il probabile successore al trono, è una figura controversa e poco amata dai sudditi, soprattutto per la scandalosa vita privata, mentre la figlia secondogenita Sirindhorn – molto benvoluta dai thailandesi – non ha eredi diretti e non può quindi assicurare il proseguimento della dinastia.

    Una situazione a dir poco spinosa in cui la giunta militare del generale Prayut Chan-o-cha, saldamente al potere dal colpo di stato della primavera 2014, giocherà un ruolo determinante, accrescendo il proprio controllo sulla vita istituzionale thailandese. In tal senso, il complesso processo di successione al trono porterà probabilmente a un ritardo, se non addirittura a una sospensione, del ritorno a un governo civile promesso dai militari dopo il controverso referendum costituzionale dello scorso agosto. E ciò potrebbe provocare tensioni e proteste popolari, accrescendo l’instabilità interna della Thailandia e spingendo ulteriormente il Paese nelle braccia della Cina, con cui Chan-o-cha ha stabilito stretti legami economici e militari dopo la rottura con Washington nel 2014.

    Simone Pelizza

     

    Foto di copertina di tiseb Rilasciata su Flickr con licenza Attribution License

    Simone Pelizza
    Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

    Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
    Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome