utenti ip tracking
sabato 19 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Continuano gli arresti in Turchia dopo il fallito golpe di quest’estate. Oggi è toccato a 12 parlamentari del partito curdo HDP.

    Stamane 12 parlamentari del partito curdo HDP (circa 13% alle ultime elezioni e principale opposizione ad Erdogan) sono stati arrestati, insieme al loro leader Demirtas, con l’accusa di associazione al terrorismo. Inutili, per ora, le proteste internazionali. Successivamente un’autobomba è esplosa nei pressi di una stazione di polizia a Diyarbakir, nel sudest del Paese, probabilmente opera del PKK in risposta agli arresti.

    Continua pertanto l’offensiva di Erdogan contro i curdi: l’arresto di Demirtas e i suoi non è solo un messaggio agli oppositori, ma sembra perseguire anche l’obiettivo di eliminare le voci moderate per portare volutamente allo scontro – uno scontro che possa essere più facilmente sfruttato da Erdogan per solidificare ulteriormente il proprio predominio interno utilizzando la minaccia del terrorismo curdo come collante. Tutto questo si aggiunge alle tensioni internazionali e agli eventi in Siria e Iraq, dove i ribelli appoggiati da Ankara continuano l’avanzata verso al-Bab in Siria per impedire che le aree curde si uniscano. In Iraq invece continua la sfida a distanza tra Ankara e Baghdad circa il futuro di Mosul, con entrambi i governi che minacciano azioni armate. Non aiutano nemmeno i velati riferimenti alle isole greche “una volta parte della Turchia” da parte di Erdogan stesso – in questo caso più che una reale minaccia di conflitto la frase esprime il tentativo di riunire a sé anche le anime nazionaliste del paese, tradizionalmente a lui meno legate.

    In tutti i casi, la Turchia appare sempre più rivolta a un futuro autoritario e di conflitto interno con i curdi, mentre l’Europa, legata dagli accordi sull’immigrazione, non appare diplomaticamente capace di influenzare gli eventi. Per ora.

    Lorenzo Nannetti

    Foto di copertina di openDemocracy Rilasciata su Flickr con licenza Attribution-ShareAlike License

    Lorenzo Nannetti

    Nato a Bologna nel 1979, appassionato di storia militare e wargames fin da bambino, scrivo di Medio Oriente, Migrazioni, NATO, Affari Militari e Sicurezza Energetica per il Caffè Geopolitico, dove sono Senior Analyst e Responsabile Scientifico, cercando di spiegare che non si tratta solo di giocare con i soldatini. E dire che mi interesso pure di risoluzione dei conflitti… Per questo ho collaborato per oltre 6 anni con Wikistrat, network di analisti internazionali impegnato a svolgere simulazioni di geopolitica e relazioni internazionali per governi esteri, nella speranza prima o poi imparino a gestire meglio quello che succede nel mondo. Ora lo faccio anche col Caffè dove, oltre ai miei articoli, curo attività di formazione, conferenze e workshop su questi stessi temi.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome