utenti ip tracking
mercoledì 2 Dicembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Nuova Zelanda: un nuovo Governo e un ritrovato regionalismo

    Caffè Lungo – All’indomani delle elezioni generali del 17 ottobre scorso...

    L’UE unita contro le minacce comuni

    In 3 sorsi - Il 19 novembre si è tenuta la...

    Il secondo lockdown e la frenata dell’economia francese

    In 3 sorsi - L’economia francese, già fortemente provata, vede stime...

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Sulla Luna con Elon Musk

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    AstroCaffè “Fly me to the Moon…yes”, il tweet di Elon Musk che sintetizza l’annuncio di ieri sera ore 22 (passate) della SpaceX: due turisti si faranno un giretto spaziale niente meno che intorno alla Luna nel 2018

    Una vacanza di una settimana dalle parti della Luna, senza atterrare e senza entrare in orbita. Dal 2018 SpaceX potrebbe offrire anche questo nella sua brochure. I due individui sono ancora anonimi (Musk ha detto solamente che si conoscono tra loro), ma hanno già versato un cospicuo acconto nelle casse dell’azienda.
    Se tutto andasse come pianificato, SpaceX batterebbe sul tempo la stessa NASA che pochi giorni fa aveva annunciato lo studio per far volare l’accoppiata Orion SLS (denominata EM1) con equipaggio verso la Luna già alla prima missione (che però non partirebbe prima del 2020).
    Ora all’annuncio dovranno seguire i fatti. Allo stato attuale, la versione con equipaggio della capsula Dragon non è stata ancora provata, così come il razzo pesante Falcon Heavy. Quest’ultimo, inoltre, dovrà essere certificato per poter lanciare astronauti. Il programma prevede il primo volo del vettore quest’anno e due test della capsula (uno senza e uno con equipaggio) da completarsi entro l’estate 2018. Il volo lunare avverrebbe nel tardo autunno.
    Al di là delle difficoltà tecniche e di tempistiche, l’annuncio della SpaceX evidenzia come l’azienda stia prendendo la leadeship non solo tecnologica, ma anche ispirazionale, oscurando in questo senso la stessa NASA, che ne detiene il monompolio sin dalla corsa alla Luna degli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso. Musk, che non è uno sprovveduto, sa che non può fare uno sgarbo all’agenzia spaziale (con la quale ha due lucrosi contratti) e si è affrettato a dire che se la NASA lo chiedesse, SpaceX sarebbe pronta a posticipare la sua missione dopo la EM1.

    Emiliano Battisti

    Foto di copertina di Kevin M. Gill rilasciata con licenza Attribution-ShareAlike License

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite