utenti ip tracking
martedì 19 Gennaio 2021

Speciale COVID-19

La pandemia sommersa: Covid-19 e disuguaglianze di genere nell’Africa subsahariana

In 3 sorsi - Da quando l’epidemia si è abbattuta anche...

L’emergenza sanitaria in Russia e il rischio di Putin

In 3 sorsi – La pandemia di Covid-19 sta mettendo in...

Corea del Sud, un Governo tra pandemia e riforma sanitaria

In 3 sorsi - I casi giornalieri di coronavirus in Corea...

Le elezioni parlamentari in Romania

In 3 sorsi - Tra pandemia da coronavirus e instabilità politica,...

I desaparecidos di Bashar al-Assad

In breve

Dove si trova

Recensioni | Geomovies – Syria’s Disapperead: The Case Against Assad di Sara Afshar

Abbiamo ricostruito l’intera catena del comando, dalla Crisis Cell, l’organo di coordinamento delle operazioni di repressione fino al Presidente, passando per i servizi di sicurezza e intelligence. Ma soprattutto siamo in grado di dimostrare che Damasco era a conoscenza degli abusi nei centri di detenzione (Bill Wiley)

Migliaia i giovani ribelli spariti nelle carceri siriane dalla Primavera del 2011. 6.700 i corpi torturati secondo le foto di Caesar, l’ex fotografo forense in servizio all’ospedale militare di Tishreen. Tortura di Stato, sistematica, pianificata lungo la verticale del comando, da Bashar al Assad agli agenti locali.

Bill Wiley, ex pubblico ministero del Tribunale internazionale per i crimini commessi in Ruanda e in Sierra Leone, e Stephen Rapp, ex responsabile dell’Office of Global Criminal Justice del governo americano, l’hanno ricostruita grazie a migliaia di documenti ufficiali portati fuori dai confini siriani.

mi hanno bendato, ammanettato, fatto inginocchiare… mi hanno rotto le costole …
La seconda volta mi hanno appeso a 40 cm dal pavimento… ti facciamo parlare…mi hanno messo una pinza ai genitali…. Non mi arrenderò fino a quando non saranno dinanzi alla giustizia

Tra le lacrime, la testimonianza di Mazen Alhummada, attivista per i diritti umani, ripetutamente brutalizzato e sodomizzato nel famigerato ospedale militare di Mezzeh, meglio noto come 601, situato a meno di un chilometro dal palazzo presidenziale […]

Leggi la recensione completa su Geomovies!

[box type=”info” align=”aligncenter” class=”” width=””]Le recensioni del Caffè, in collaborazione con Geomovies – Il Mondo al cinema, di Mariangela Matonte[/box]

Mariangela Matonte
Mariangela Matonte

Laurea in scienze politiche internazionali, scuola diplomatica MAE, analista politico, appassionata da sempre di relazioni internazionali e di politica. Molti viaggi, tante esperienze lavorative. Il tutto sempre con vocazione internazionale. Relazioni transatlantiche, Mediterraneo e Medio Oriente principali focus di interesse.

Curatrice del blog Geomovies, che si occupa del rapporto tra cinema e politica internazionale.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite