utenti ip tracking
sabato 31 Luglio 2021

L’unicorno di dLocal: un traino per l’economia dell’Uruguay?

In breve

  • Lo scorso 3 giugno dLocal ha debuttato alla Borsa di New York (Nasdaq) per il 10% del valore dell’impresa (29,4 milioni di azioni).
  • L’unicorno uruguaiano dLocal offre la soluzione che permette pagamenti locali semplificati nei mercati emergenti.
  • DLocal rappresenta un successo per l’Uruguay e un grande passo per l’industria della tecnologia e dell’informazione del Paese.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

In 3 sorsi – DLocal, start-up uruguaiana specializzata in tecnologia per pagamenti transfrontalieri per multinazionali, è il nuovo unicorno in America Latina e il primo nella storia dell’Uruguay.

1. UN SOGNO CHE SI AVVERA

Il sogno di dLocal ha avuto inizio nel 2016, quando i due fondatori Sergio Fogel e Andres Bzurovski la creano come un servizio interno ad Astropay (fintech fondata da Fogel) con l’obiettivo di supportare il mercato dei pagamenti digitali in Paesi emergenti. Nel settembre 2020 avviene la svolta decisiva: la giovane impresa diviene il primo unicorno uruguaiano, con un valore di mercato di 1.200 milioni di dollari dopo una prima raccolta di finanziamenti guidata dalla società General Atlantic che le ha portato circa 200 milioni. Il 3 giugno avviene il debutto alla Borsa di New York (Nasdaq) per il 10% del valore dell’impresa (29,4 milioni di azioni). La quotazione è stata un vero successo e ha garantito alla start-up 617,7 milioni, con un costo per azione di 31 dollari. L’impresa oggi è già presente in 29 Paesi nel mondo e tra i suoi clienti vanta aziende globali importantissime: Amazon, Netflix, Nike, Spotify, Microsoft per citarne alcune.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Wall Street, New York

2. LA SQUADRA VINCENTE DELL’UNICORNO URUGUAIANO

DLocal nasce come un servizio per poter riscuotere i pagamenti di Astropay dai clienti brasiliani non aventi carta di credito e che sono quindi impossibilitati a effettuare versamenti. Grazie a Boleto Bancario, il metodo di pagamento più diffuso in tutto il Brasile, questi possono pagare in contanti da tutto il Paese. I due fondatori e menti dell’idea innovatrice hanno delegato da subito incarichi dirigenziali a un gruppo internazionale di giovanissimi. A guidare il gruppo sono Sebastián Kanovich, CEO, e Jacobo Singer, Presidente, entrambi trentenni. Il primo ha una laurea in economia all’Università ORT dell’Uruguay: di lui dicono che è un leader esigente, intelligente, pragmatico, appassionato al suo lavoro e senza paura di sbagliare e riprovare. Il secondo, Jacobo Singer, laureato in ingegneria informatica all’università ORT, si è sempre fatto notare per infondere nei collaboratori energia positiva. Lo descrivono come un leader umano, capace di mettere insieme all’interno dei progetti risorse umane provenienti da diversi ambiti professionali per raggiungere grandi obiettivi. Tra le altre personalità di spicco dello staff abbiamo professionisti di provenienze lavorative e geografiche differenti. Sono più di 300 dipendenti nelle sedi di diverse città importanti del mondo: Montevideo, San Francisco, San Paolo, Londra, Tel Aviv e Shenzhen.

Embed from Getty Images

Fig.2 – Riders della start-up uruguaiana PedidosYa

3. L’IMPORTANZA DEL SUCCESSO DI DLOCAL PER L’URUGUAY

La notizia dell’entrata in borsa è stata ripresa anche dal ministro dell’Industria uruguaiano, Omar Paganini, che ha augurato buona fortuna all’impresa, descrivendola come “un grande passo per la nostra industria della tecnologia e dell’informazione”. La vicenda inorgoglisce l’ambiente imprenditoriale e tecnologico uruguaiano: il Paese si sente pronto per offrire prodotti su scala globale e vorrebbe attrarre investimenti per spingere di più la crescita del settore. In Uruguay un’altra start-up sta percorrendo un cammino di successo: PedidosYa (del settore food delivery, oggi di proprietà di Delivery Hero quotata in borsa). A novembre del 2019 ha raggiunto un valore di mille milioni per volumi di transazioni e nell’ultimo trimestre del 2020, acquistando le operazioni di Glovo in America Latina, è arrivata a 2mila milioni di valore. “Siamo in un momento unico, per l’Uruguay è un’opportunità impressionante per lo sviluppo di imprese e imprenditori”, ha dichiarato Álvaro García, uno dei co-fondatori di PedidosYa. Non solo l’Uruguay, ma tutta l’America Latina offre grandi opportunità. Infatti sono presenti circa 20 start-up che hanno raggiunto un valore di mercato di almeno 1 miliardo di dollari, quindi il traguardo di dLocal potrebbe mettere l’intera regione nel radar dei finanziamenti internazionali di alto rischio di possibili investimenti futuri e di sostegno per altre start-up. 

Antonino Di Marco

Photo by Christina Morillo is licensed under CC0

Antonino Di Marco

Appassionato di Marketing da sempre e mi sono innamorato dell’America Latina da quando per la prima volta sono andato in Messico nel 2009. 
Ho studiato Economia e Gestione Aziendale presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e con un progetto di laurea Double Degree ho concluso i miei studi in Messico, presso la Udlap, Universidad de Las Americas Puebla.

Dal 2012 al 2019 ho vissuto in Messico, Argentina e Cile come Resident Manager. Dopo 10 anni di crescita sia professionale che personale, oggi mi dedico, sfruttando le mie passioni ed i miei contatti, ad aiutare le aziende, imprenditori e professionisti che vogliono esportare la loro attività in America Latina. 
Sono un amante del mate uruguayo, del futbol (calcio..) e della musica latina.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite