utenti ip tracking
mercoledì 23 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Tunisi, un caffè con Rosa Luxembourg

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 4 min.

    Il 6 Febbraio 2013 Chockri Belaid, esponente di spicco del Fronte Popolare Tunisino (era segretario del Partito dei Patrioti Democratici), è stato assassinato sotto casa. L’omicidio ha riaperto le ferite della società tunisina, dibattuta tra islamismo e progressismo. In quei giorni ho avuto l’occasione di conoscere e parlare di quanto avvenuto con una attivista tunisina, sostenitrice  dell’ Avv. Belaid.

     

    CHI E’ ROSA LUXEMBOURG – Si presenta a me con questo pseudonimo, all’inizio timidamente. Poi entrambi troviamo il coraggio di parlare liberamente, e si apre una bella discussione, intensa e appassionata. Si parla di politica, ma non come in un bar: si parla di cose vere, vissute. Ribellioni, manifestazioni, ideali. Il suo vero nome, avrei saputo solo in seguito, è Rania Sawahy e ha 25 anni. Proviene da una famiglia modesta, il padre è tassista mentre la madre lavora presso un ente sociale locale. E’ la prima di tre sorelle. Diplomata all’ Istituto di Arte Teatrale di Tunisi è iscritta al primo anno di università, in legge. La scelta del nickname non è casuale, lei stessa si definisce un’ammiratrice della donna politica tedesca, di cui ammira le idee e la capacità di combattere fino all’estremo sacrificio.

     

    ATTIVISMO POLITICO – Rania afferma di essere sempre stata sensibile alla sofferenza delle persone. Crede molto nei principi di umanità e solidarietà. Si è accostata alla politica fin dalle scuole superiori, manifestando in favore del popolo Palestinese. Ci tiene a precisare come lei non sia religiosa, ma di fronte alle emergenze umanitarie non riesca a rimanere impassibile. Eppure i suoi valori e le sue idee sono spesso in contrasto con quelle della famiglia, di mentalità islamista. Dopo le scuole superiori, infatti, il padre la iscrive alla facoltà di legge, nonostante lei voglia studiare teatro. Non si lascia scoraggiare e continua. Anzi, ribadisce la propria indipendenza mantenendosi da sola e trovandosi un lavoro. L’ambiente teatrale la porta a stringere amicizia con i figli dell’avv. Ahmed Al-Siddiq, esponente della sinistra tunisina (segretario del Partito Avanguardia Araba Democratica). Cinque anni fa Rania si trova a sostituire per un breve periodo la segretaria di Siddiq ed è così che conosce Belaid, a sua volta associato dello studio. Il lavoro per Rania si fa quindi ancora più appassionante. Sebbene non lavori direttamente al fianco di Chockri Belaid, ne subisce il fascino. E’ orgogliosa di conoscerlo, vede in lui la speranza di dare spessore alle tante voci inascoltate della popolazione che, secondo lei, subisce scelte che non ha mai fatto. E così Rania diventa una sostenitrice del Fronte Popolare Tunisino (o meglio, della sua frangia comunista), partecipa a rivolte, gesti simbolici, comizi. Le sue idee a volte sono più radicali di quelle del leader, ma riconosce che Chockri Belaid può davvero portare il cambiamento e ne appoggia il programma senza se e senza ma.

     

    chokri-belaid
    Chockri Belaid era tra i leader del Fronte Popolare Tunisino.

    L’ASSASSINIO DI BELAID – La morte del politico, per mano islamista, sconvolge Rania. Le sue speranze, la sua voglia di cambiamento, la sua posizione critica nei confronti del partito islamista (Ennahda) sembrano frustrate da un colpo molto duro. Rania non mi ha scritto per giorni, pensavo di aver fatto la domanda sbagliata. Invece, dopo un pò, mi spiega tutto: ” Avevo smesso di scrivere perché mi commuovo tanto quando si parla dell’avv. Shokri Belaid, un uomo che rispetto profondamente; odio molto i nemici della democrazia. Abbiamo sacrificato tanto tempo, fatica e denaro per mettere le basi di quella democrazia… almeno per quanto riguarda la libertà personale e politica…”. Le sue parole sono semplici e forse guidate da un idealismo che sembra ingenuo in questi giorni. Però è bello sapere che, in un periodo in cui noi europei soffriamo una pesante crisi di identità, sull’altra sponda del Mediterraneo si levano voci di rivolta che chiedono a gran voce il rispetto di quei valori che nella nostra cultura si stanno forse sbiadendo.

     

    CHE CONFUSIONE! –  A due anni dalla “Rivoluzione dei Gelsomini”, la Tunisia è ancora instabile. Le manifestazioni rischiano sempre di trasformarsi in rivolte e i fatti di sangue continuano a funestare il panorama politico. Rania mi racconta anche delle conseguenze che questo clima ha sui giovani. Mi parla di se stessa e dei suoi amici, delle loro speranze e dei loro umori. Alla notizia della morte di Belaid, racconta, lei e molti altri si sono sentiti con le spalle scoperte, senza meta. Alcuni hanno passato giorni ad ubriacarsi, altri a fumare hashish. La tristezza si mischia alla rabbia e all’insicurezza. Mi sono chiesto cosa faremmo noi, in Italia, se un nostro esponente politico venisse assassinato… ognuno si risponda da solo, è meglio! L’atteggiamento dei ragazzi tunisini è emblematico. Il clima di insicurezza li spinge a fidarsi ciecamente di guide, leader, ispiratori. A volte a torto, altre a ragione, chi può dirlo. Sta di fatto che, senza punti di riferimento, a due anni dalla rivolta, un clima del genere è sicuramente controproducente.

     

    SERVE AIUTO? – Una delle ultime domande che rivolgo a Rania riguarda il coinvolgimento occidentale. Le chiedo se vuole fare un appello, approfittando dell’intervista, o se noi possiamo far qualcosa per loro. La risposta è un NO secco ed orgoglioso. Rania e molti suoi coetanei vorrebbero decidere da soli il proprio futuro, senza interferenza alcuna. Chiedono il diritto di autodeterminarsi e autogovernarsi. Personalmente credo ne abbiano il diritto e il dovere.

     

    Marco Giulio Barone

    Marco Giulio Barone
    Marco Giulio Baronehttps://ilcaffegeopolitico.net

    Marco Giulio Barone è analista politico-militare. Dopo la laurea in Scienze Internazionali conseguita all’Università di Torino, completa la formazione negli Stati Uniti presso l’Hudson Institute’s Centre for Political-Military analysis. A vario titolo, ha esperienze di studio e lavoro anche in Gran Bretagna, Belgio, Norvegia e Israele. Lavora attualmente come analista per conto di aziende estere e contribuisce alle riviste specializzate del gruppo editoriale tedesco Monch Publishing. Collabora con Il Caffè Geopolitico dal 2013, principalmente in qualità di analista e coordinatore editoriale.

    Articolo precedenteCrisi in Centrafrica
    Articolo successivoIndia, tigre o elefante?

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    2 Commenti

    1. Grazie per il tuo commento Nejla. Concordo su tutta la linea. Approfitto del tuo intervento per spiegare il perchè della domanda “ovvia”: è stata l’Italia a favorire l’ascesa al potere di Ben Ali, nel 1987. Quell’intervento esterno ha condizionato la vita politica tunisina degli ultimi 20 anni. Questo mi fa pensare che anche le cose più naturali (valori, principi, idee), quando ce ne sia occasione, vadano ribadite e ricordate, così che diventino un’autodifesa automatica dai “corpi estranei”. E ti dirò anche di più: se lo avessimo fatto più spesso nel nostro Paese forse soffriremmo di meno la crisi di valori democratici che stiamo vivendo. Grazie ancora Nejla, continua a seguirci e aiutaci a migliorare con i tuoi commenti.

    2. “…L’omicidio ha riaperto le ferite della società tunisina…” la ferita in realtà non si è mai chiusa…
      “….Rania e molti suoi coetanei vorrebbero decidere da soli il proprio futuro, senza interferenza alcuna…” ovvio sarebbe stata un No! la sua risposta, perche la ♥Tunisia♥ non può essere mai l’Iraq o il Mali…siamo un popolo in grande difficoltà ma con tanta volontà 😉

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome