utenti ip tracking
martedì 22 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Guerra santa contro…Hamas

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Quando si parla di scontri a Gaza il pensiero corre subito a Israele. Tuttavia gli eventi recenti hanno riproposto il tema delle lotte tra movimenti islamici, con Al-Qaeda protagonista, proprio lì dove la leadership di Hamas sembrava incontestata

     

    HAMAS TROPPO MORBIDA? – Si potrebbe pensare che la minaccia israeliana porti i vari gruppi ad unirsi ancora più saldamente nella lotta contro il nemico esterno. Non è così. Da un lato lo strapotere militare di Hamas permette al gruppo guidato a Gaza da Ismail Haniye (nella foto sotto) di mantenere il controllo; dall’altro in questo ultimo anno si è assistito a un fenomeno di crescente adesione di parte di numerosi giovani ai gruppi salafiti legati più o meno direttamente con Al-Qaeda, o almeno ad essa ispirati.Tale fenomeno, denominato “Jaljalat” (tempesta di vento), vede tali gruppi aderire all’idea di Jihad globale lanciata da Osama Bin-Laden e più recentemente da Al-Zawahiri. La tregua – tahadiya – tra Hamas e Israele, imposta anche agli altri gruppi locali, viene infatti aspramente criticata perché considerata una sorta di regalo a Gerusalemme. Hamas stessa viene quasi tacciata di collaborazionismo per aver fermato gli attacchi e per aver ordinato alle altre formazioni di miliziani a fare lo stesso.I gruppi legati al Jaljalat propendono per una lotta globale, rivolta ai nemici – sionisti e occidentali – ovunque e senza soste. Hamas invece rimane legato a una logica di lotta di resistenza anti-israeliana limitata alla Palestina. In questo appare più pragmatica, portando avanti un programma anche politico (benché i negoziati siano per ora limitati alla sola questione del soldato israeliano prigioniero Gilad Shalit).Inoltre è facile per i miliziani estremisti propagandare la lotta continua, ma i leader di Hamas a Gaza ricordano bene il risultato dell’Operazione Cast Lead lanciata da Israele tra Dicembre e Gennaio scorso. Al di là della propaganda successiva, l’apparato militare palestinese a Gaza ha dimostrato di non essere in grado di fermare un’offensiva israeliana, con molti dei suoi leader superstiti scampati appena alla morte per mano delle IDF. Questo raffredda ogni idea di rilanciare una strategia di scontro aperto che possa portare a una nuova rappresaglia che non sarebbe possibile affrontare né ora né forse mai.

     

    content_287_2

    UNA QUESTIONE DI POTERE – Ma come si è evidenziato tale contrasto interno? A inizio Agosto 2009 un gruppo denominato Jund Ansar Allah ha aspramente criticato l’operato di Hamas. Il suo leader, Sheikh Abdel-Latif Moussa, ha direttamente sfidato le disposizioni del movimento di Haniye effettuando deboli attacchi dimostrativi oltre confine, mostrando le armi in pubblico e dichiarando il 14 Agosto la formazione di un Emirato Islamico di Palestina, dove la Sharia sarebbe stata la legge dominante. Questa sfida al potere di Hamas non poteva essere ignorata, o avrebbe causato un pericoloso precedente che la popolazione della Striscia avrebbe recepito come un’ammissione di debolezza e gli Israeliani come un segno di inutilità del dialogo con Hamas. Per scongiurare tale rischio perciò le forze di sicurezza hanno stretto l’assedio alla moschea di Rafah dove il gruppo salafita si era arroccato. Ignorando le minacce di Moussa, che prometteva forti ritorsioni, i miliziani di Hamas hanno espugnato la moschea il 16 Agosto, durante scontri violenti che hanno portato alla morte di 20-22 persone e al ferimento di più di un centinaio. La cellula ribelle è stata eliminata e lo stesso Moussa è morto in un’esplosione, forse in un ultimo fanatico atto suicida quando ha visto che tutto era perduto.

     

    TUTTO FINITO ORA? – Per nulla. Jund Ansar Allah sembra non esistere più, ma così non è per il fenomeno Jaljalat, seguito – si ritiene – da molti altri gruppi che hanno preannunciato vendetta nei confronti di Hamas. Ciò ha a sua volta portato il gruppo di Haniye a rinforzare le misure di sicurezza attorno ai propri centri di comando nella Striscia. E c’è un altro elemento rilevante degno di nota. Durante gli scontri un membro di Jund Ansar Allah ha cercato di farsi esplodere in prossimità di un obiettivo di Hamas, la prima volta che la strategia degli attacchi suicidi viene impiegata in un conflitto tra fazioni musulmane in Israele e Palestina. Potrebbe non essere l’ultima e non è escluso che questo porti Hamas a stringere ancora di più la morsa a Gaza per reprimere ogni rivolta nel nascere. Inoltre per ridurre le critiche interne si è subito provveduto ad accusare Fatah di aver finanziato e fornito armi al gruppo salafita, una teoria che per ora non trova prove.Il rischio maggiore che si intravede da questi eventi è che l’estremizzazione del conflitto dei gruppi salafiti possa portare a una progressiva fuoriuscita di miliziani da Hamas. Se quest’ultimo infatti raggiungesse mai un accordo stabile con Israele, è presumibile i propri elementi più estremisti e meno inclini alla pace se ne allontanerebbero e continuerebbero comunque la lotta.

     

    Lorenzo Nannetti

    Nato a Bologna nel 1979, appassionato di storia militare e wargames fin da bambino, scrivo di Medio Oriente, Migrazioni, NATO, Affari Militari e Sicurezza Energetica per il Caffè Geopolitico, dove sono Senior Analyst e Responsabile Scientifico, cercando di spiegare che non si tratta solo di giocare con i soldatini. E dire che mi interesso pure di risoluzione dei conflitti… Per questo ho collaborato per oltre 6 anni con Wikistrat, network di analisti internazionali impegnato a svolgere simulazioni di geopolitica e relazioni internazionali per governi esteri, nella speranza prima o poi imparino a gestire meglio quello che succede nel mondo. Ora lo faccio anche col Caffè dove, oltre ai miei articoli, curo attività di formazione, conferenze e workshop su questi stessi temi.

    Articolo precedenteScontenti tutti
    Articolo successivoLegge ‘ad personam’, San Suu Kyi fuori

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome