utenti ip tracking
lunedì 24 Gennaio 2022

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Svezia, cambio dirigenza dei socialdemocratici

In breve

  • Gli ultimi decenni di dirigenza socialdemocratica hanno visto i propri elettori sempre più scontenti della direzione politica presa dai governi di minoranza in collaborazione con centristi e liberali.
  • Stefan Löfven lascia ai socialdemocratici una scomoda eredità di trasformismo politico e viramento verso il centro. Adesso la dirigenza vuole tornare ai “fasti” di un tempo in previsione delle elezioni 2022.
  • Dal 4 novembre 2021 la nuova leader dei socialdemocratici è la ex ministra delle Finanze Magdalena Andersson che, appena entrata nella storia come prima premier donna della Svezia, è stata però costretta a dimissioni dopo appena 6 ore.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

In 3 sorsi – I socialdemocratici svedesi sembrano decisi a riprendersi i voti dell’elettorato più ideologizzato ma deluso dagli ultimi anni di presidenza Löfven. L’ex ministra delle Finanze Magdalena Andersson, da poco eletta leader al Congresso di Gotenburgo, ha ora il duro compito di rimettere in piedi la reputazione del Partito e governare come prima donna premier della storia della Svezia, nonostante la rapida battuta d’arresto.

1. SOCIALDEMOCRATICI DI IERI E DI OGGI

Lo spostamento al centro dei Socialdemocratici svedesi risale a grandi linee alla presidenza di Göran Persson (1996-2006), che fu il padre dei Governi di minoranza in coalizione con il Partito di Centro ai quali ci ha abituati più di recente anche il suo erede, Stefan Löfven.
Nonostante il motto marxista “da ciascuno secondo capacità, a ciascuno secondo necessità” (sotto la cui ideologia fu fondato il Partito nel 1889) non sia mai stato rinnegato, tra gli anni Ottanta e Novanta perfino i socialdemocratici più puri si convinsero ad adottare alcune delle politiche neoliberiste che dominarono il mondo in quei decenni (per esempio con la liberalizzazione di alcuni pezzi del settore sanitario, immobiliare e scolastico).
Oggi, forse, l’acclamazione di Magdalena Andersson a nuova leader di partito indica un timido pentimento della vecchia guardia e una spinta verso il ritorno alle vere origini del pensiero socialdemocratico.

Fig. 1: bandiere socialdemocratiche sventolano sotto al palco di Stefan Löfven alla Almedalsveckan 2014

2. SETTE ANNI DI STEFAN LÖFVEN

Se l’obiettivo di Löfven era di marcare in qualche modo la storia politica della Svezia, nel bene o nel male c’è sicuramente riuscito. Sia per il fatto di essere stato il primo premier nella storia svedese a cadere per sfiducia parlamentare, sia per essere riuscito ad arrangiare tre Governi di risicatissima minoranza in 7 anni, sia per l’essere stato un campione di trasformismo politico in una Svezia altrimenti piuttosto rigidamente divisa in blocchi ideologici.
In realtà la carta del trasformismo di governo negli ultimi anni è stata l’asso nella manica anche di quella che è stata poi la partner-in-crime di Löfven dopo l’Accordo di Gennaio (2019), ovvero la leader centrista Annie Lööf, il cui risultato è stato il drastico indebolimento dell’Alleanza di destra e lo spostamento dei socialdemocratici verso politiche più liberali.

Fig. 2: manifesti della campagna elettorale socialdemocratica 2014. Stefan Löfven e Magdalena Andersson si affiancano al centro della scena

3. MAGDALENA ANDERSSON PRENDE IL TESTIMONE

Proprio lo scarso apprezzamento di questa svolta liberale da parte di larghe fette di elettorato e movimenti di sinistra, ha portato la dirigenza dei socialdemocratici nelle mani della ex ministra delle Finanze, Magdalena Andersson. Quella che è appena diventata la prima donna premier nella storia della Svezia, sembrerebbe infatti essere un’appassionata portavoce di quello che i socialdemocratici furono all’epoca di Olof Palme, quando il “Modello Svedese” di Stato forte e generoso welfare era l’imperativo categorico del Paese.
Questa potrebbe essere la manovra strategica necessaria ai socialdemocratici per vincere con le ampie maggioranze di un tempo le elezioni di Settembre 2022.
Andersson ha ricevuto l’incarico di provare a formare il nuovo Governo lunedì 22 novembre, incassando subito il benestare del Partito di Centro e, con un po’ più di fatica, anche quello della leader della Sinistra, Nooshi Dadgostar, la quale aveva esposto i propri requisiti di collaborazione (pensioni e assistenza sanitaria più generose).
Ma la sua scalata si è arrestata bruscamente appena 6 ore dopo aver ricevuto la fiducia in Parlamento il mercoledì seguente, proprio a causa delle concessioni fatte alla Sinistra sulle pensioni, decisione che ha scontentato i centristi. Nella stessa giornata la coalizione di destra è quindi riuscita a presentare e votare una seconda proposta di legge di bilancio, indisponendo i Verdi e spingendoli ad abbandonare la coalizione di Governo coi socialdemocratici.
Nel frattempo Magdalena Andersson si è dimessa per coerenza di forma, essendo il suo esecutivo di minoranza costituito da 5 ministri verdi, ma ha anche richiesto la possibilità di riproporsi al Parlamento come Governo indipendente a sola guida socialdemocratica.
Comunque vada il futuro politico della Svezia sembra essere passato in mano alle donne: degli 8 partiti presenti in Parlamento, 5 sono ora guidati da donne (socialdemocratici, Sinistra, Centro, liberali e democristiani), mentre i Verdi seguono la regola del doppio leader (un uomo e una donna) fin dai primi anni Ottanta.

Debora Russo

Immagine in Evidenza: 20170605 Almedalsveckan Magdalena Andersson_0542” by News Oresund is licensed under CC BY

Debora Russo
Debora Russohttps://www.linkedin.com/in/deborarusso/

Politics geek dalla vena artistica. Laureata triennale in Scienze Politiche e specialistica in Relazioni Internazionali all’Università l’Orientale di Napoli (con periodo di ricerca tesi presso la Sabanci University di Istanbul), ho cercato il mio posto nel mondo fin dalla più tenera età. Fino ai 23 anni ho creduto che fosse il Giappone; poi nel 2015 ho scoperto per caso la Svezia, dove mi sono trasferita 2 anni più tardi ed ho preso un’altra laurea in Interaction Design and Requirement Engineering. Si capisce che continuo a non saper scegliere tra tutto quello che mi piace, ma almeno alla fine il mio posto nel mondo l’ho trovato.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite