utenti ip tracking
martedì 11 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    È arrivato il cigno nero?

    Editoriale -  A gennaio avevamo provato a descrivere come...

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    I Paesi Baschi in cerca di patria e in fuga dal passato

    Analisi – Il 12 luglio in Spagna, dopo il...

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Ristretto – Prosegue in Corea del Sud la vicenda dell’ex Presidente Park Geun-hye, al centro di un grave scandalo di corruzione e abuso di potere.

    Lo scandalo, che ha messo in luce un circolo di estorsioni e tangenti tra l’allora Presidente in carica e alcuni importanti chaebol del Paese, ha costituito la causa del primo e storico impeachment di un capo di Stato sudcoreano.
    Nei confronti di Park Geun-hye si espresse già ad aprile una corte di primo grado, decretando 24 anni di carcere e una multa di 18 miliardi di won.
    Oggi, riporta l’agenzia di stampa Yonhap, una corte d’appello ha innalzato a 25 anni la durata della reclusione e a 20 miliardi di won (quasi 18 milioni di dollari) l’entità della multa. Secondo tale fonte Park non si è presentata in aula in segno di protesta, ritenendo l’intero processo politicizzato. La vicenda continua quindi ad avere profonde ripercussioni sulla vita politica sudcoreana.

    Simone Munzittu

    Korea_President_Park_Terracotta_Warriors_20130630_01” by “Korea_President_Park_Terracotta_Warriors_20130630_01” is licensed under “Korea_President_Park_Terracotta_Warriors_20130630_01

    Simone Munzittu

    Sono nato in Sardegna nel 1996, a Cagliari. Presso l’ateneo di questa città ho conseguito con lode una laurea in Scienze Politiche, con una tesi sull’ascesa della partisanship nel Congresso degli Stati Uniti. Le mie più grandi passioni sono di natura economico-politica, e proprio di questo mi occupo all’interno del Caffè Geopolitico, nell’area dell’Asia-Pacifico. La Cina è il Paese che mi appassiona e che caratterizza i miei studi: attualmente vivo a Pechino, nell’ambito di un programma di laurea specialistica double degree tra l’Università di Torino e la Beijing Foreign Studies University. Inoltre, amo la storia, la musica, i giochi di strategia, la Formula 1 (da ferrarista convinto)… e anche il caffè.

     

     

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite