sabato, 28 Gennaio 2023

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Le conseguenze dell’arresto di Ovidio Guzmán, figlio del Chapo

In breve

  • Già nel 2019 “el ratòn” era stato arrestato, ma era poi stato liberato in poco tempo.
  • Insieme agli altri fratelli forma una delle fazioni eredi del cartello di Sinaloa, a capo del quale c’era il padre Joaquìn, ora in una prigione statunitense.
  • Sullo sfondo, le relazioni del Messico con gli Stati Uniti, che l’arresto potrebbe contribuire a migliorare.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

In 3 sorsi – A Culiacàn, Messico, le autorità hanno arrestato una delle figure più importanti del crimine di Sinaloa. La stampa locale specula sull’ipotesi che possa essere un “regalo” per Biden.

1. L’ARRESTO DI GUZMÁN

Lo scorso 5 gennaio, nella città di Culiacán (Stato di Sinaloa) è stato arrestato Ovidio Guzmán Lopez,  alias “el ratón“, 32enne figlio di Joaquín Guzmán, noto come “el chapo”, ex capo del cartello di Sinaloa che attualmente sconta una condanna a vita in un carcere statunitense per svariati reati. Subito dopo la cattura di Ovidio Guzmán, a capo di uno dei gruppi criminali più potenti dello stato e dell’intero Messico, decine di uomini a lui fedeli hanno dato alle fiamme numerosi veicoli, al fine di creare dei propri “posti di blocco” in contrapposizione a quelli disposti dalle autorità. Alcuni uomini armati hanno anche preso d’assalto l’aeroporto internazionale di Culiacán, aprendo il fuoco contro due aerei, uno dei quali in fase di decollo e diretto a Città del Messico. A seguito del deteriorarsi del quadro di sicurezza nella città, le autorità del governo dello stato di Sinaloa e della città di Culiacán hanno sospeso ogni attività della pubblica amministrazione, raccomandando alla popolazione di restare a casa. Il bilancio è stato di almeno 29 morti tra autorità e membri del gruppo di Guzmán, che è stato nel frattempo trasferito in un carcere di massima sicurezza.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Le forze dell’ordine adottano misure di sicurezza durante l’operazione di cattura di Ovidio Guzmán Lopez a Culiacán, Messico.

2. IL “CULIACANAZO” DEL 2019

Non è la prima volta che “el ratón” viene catturato dalle autorità messicane. Nell’ottobre 2019, infatti, l’esercito aveva circondato la sua abitazione, sempre a Culiacán, costringendolo alla resa. La reazione dei suoi fedeli fu tuttavia tanto rapida quanto efficace: centinaia di uomini si dispiegarono in tutta la città con mezzi blindati e armi pesanti, costringendo il Presidente messicano Andrés Manuel López Obrador a ordinarne il rilascio, onde evitare violenze generalizzate. L’episodio passò alla storia come il “Culiacanazo” e contribuì molto ad accrescere la fama di Ovidio Guzmán, soprattutto in relazione alla sua lotta per il potere interna al cartello di Sinaloa. L’arresto del padre, l’8 gennaio 2016, aveva di fatto spaccato il cartello in due fazioni principali, quella dei figli di Joaquín Guzmán (“los chapitos”) e quella facente capo a Ismael Zambada García (“el mayo”) ed allo zio Aureliano Guzmán Loera (“el guano”) in lotta tra loro nello stato di Sinaloa ma anche in altri territori, spesso tramite proxies.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Andres Manuel Lopez Obrador, Presidente del Messico, durante una conferenza stampa mattutina al Palazzo Nazionale di Città del Messico in seguito alla cattura di Ovidio Guzmán

3. LA POSSIBILE REAZIONE DEI RIVALI E LE RELAZIONI CON GLI STATI UNITI

L’arresto di Guzmán ha conseguenze di varia natura, legate alla politica estera del Paese americano, alle possibili ripercussioni sulle attività criminose dei gruppi criminali messicani e al quadro di sicurezza dello stato di Sinaloa. Buona parte della stampa locale specula sul fatto che l’arresto possa essere una sorta di “regalo” dell’Amministrazione Obrador a Biden, in occasione del summit tra Stati Uniti, Messico e Canada del 9-10 gennaio. Di sicuro, la cattura di Guzmán concorrerà a migliorare le relazioni tra i due vicini, favorendo agli occhi degli Stati Uniti (che chiedono l’estradizione dell’arrestato) l’immagine di un Messico pienamente impegnato nella lotta al narcotraffico. Per quel che riguarda il quadro criminale, sarà invece interessante capire come questo si riorganizzerà all’indomani della cattura di Guzmán, e soprattutto come si muoverà la fazione de “el mayo” Zambada, oltre ai cartelli rivali, come il Cartel de Jalisco Nueva Generación, che potrebbero decidere di cercare di operare in maniera più sfrontata nel territorio dei chapitos. Il tasso di violenza nello stato di Sinaloa, infine, dovrebbe essere destinato a restare molto alto almeno nel prossimo futuro, in vista dei possibili attacchi che membri fedeli a Guzmán vorranno esercitare contro civili e militari come arma di pressione per il suo rilascio.

Michele Pentorieri

Photo by mediosaudiovisuales is licensed under CC BY-NC-SA

Michele Pentorieri
Michele Pentorieri

Nato a Napoli nel 1991, ho conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche all’Orientale di Napoli e quella magistrale in Relazioni Internazionali alla LUISS. Trasferitomi a Londra per un anno, ho studiato presso la UCL, ottenendo un MA in Human Rights. Da sempre appassionato di Relazioni Internazionali ed America Latina, ho anche lavorato a Cuba ed in Colombia, dove ho avuto modo di coltivare una delle altre mie passioni: il caffè.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite