giovedì, 11 Aprile 2024

APS | Rivista di politica internazionale

giovedì, 11 Aprile 2024

"L'imparzialità è un sogno, la probità è un dovere"

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

UE: le frontiere terrestri escluse dall’allargamento di Schengen a Romania e Bulgaria

In 3 sorsiDopo anni di trattative e di stallo, Romania e Bulgaria diventeranno parte dello spazio Schengen di libera circolazione a partire dal 31 marzo 2024. Saranno rimossi i controlli alle frontiere aeree e marittime, ma non a quelle terrestri.

1. LO SPAZIO SCHENGEN E LA LIBERA CIRCOLAZIONE EUROPEA

“Spazio Schengen”, o area di libera circolazione, è il nome che viene attribuito alla zona di libero movimento di cittadini istituita nel 1985 nel contesto della Comunità Europea. La zona prende il nome dall’omonima cittadina situata in Lussemburgo, nella quale fu sottoscritto l’accordo dai membri fondatori della Comunità Europea, ad eccezione dell’Italia, che avrebbe aderito solo nel 1990. Il sistema Schengen si configura su due dimensioni principali: l’abolizione delle frontiere interne e il rafforzamento delle frontiere esterne. I Paesi che hanno ratificato l’accordo sono attualmente 27, di cui 23 membri dell’Unione Europea e 4 Stati associati: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera. L’ingresso, anche se parziale, di Romania e Bulgaria a partire da marzo 2024 porterà a 29 il numero dei membri. Notevole sarà l’impatto anche sulla popolazione dell’area Schengen, che passerà dagli attuali 420 milioni a circa 450 milioni di cittadini.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Nella cittadina di Schengen fu siglato l’accordo di libero movimento

2. ROMANIA E BULGARIA ENTRANO IN SCHENGEN ALL’UNANIMITÀ

Romania e Bulgaria sono membri dell’UE dal 2007, ma solo a partire da marzo 2024 entreranno (parzialmente) nello Spazio Schengen, dopo svariati anni di ardue trattative. Nel comunicato ufficiale rilasciato dalle istituzioni UE si specifica come i due Paesi fossero pronti ad entrare in Schengen già dal 2011, dopo aver soddisfatto i criteri previsti dai trattati europei. Tuttavia, l’allargamento di Schengen a Romania e Bulgaria non si è mai concretizzato fino ad oggi a causa dell’opposizione di diversi Stati membri, tra i quali Austria e Paesi Bassi. Trattandosi di un dossier particolarmente delicato che coinvolge direttamente tutti gli Stati membri, i trattati europei prevedono l’unanimità quale requisito per modificare lo status quo dello Spazio Schengen. 

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Manifestazione di sostegno all’allargamento dell’area Schengen

3. LE FRONTIERE TERRESTRI RESTANO ESCLUSE DALL’ACCORDO

A partire dal 31 marzo 2024 saranno rimossi i controlli alle frontiere aeree e marittime di Romania e Bulgaria, mentre rimarranno a tempo indeterminato su quelle terrestri. Le frontiere terrestri, infatti, rappresentano uno snodo estremamente delicato, in particolar modo a causa dei flussi migratori provenienti da Paesi extra-europei. L’elevato numero di migranti giunti in Paesi come Austria e Paesi Bassi negli ultimi anni ha portato i suddetti Paesi ad opporsi a lungo all’allargamento dello Spazio Schengen. Per le stesse ragioni i governi di Vienna e dell’Aia hanno considerato l’allargamento a Romania e Bulgaria come una fonte di insicurezza e instabilità per l’UE. Ciononostante, dopo sforzi diplomatici durati più di un decennio, la posizione dei Paesi più scettici si è ammorbidita, portando al raggiungimento di un accordo all’unanimità. In cambio del proprio voto favorevole il governo di Vienna ha richiesto, con successo, una serie di garanzie ai nuovi membri di Schengen e agli organi UE. L’impegno a dispiegare personale supplementare dell’agenzia FRONTEX ai confini più sensibili (con Turchia e Serbia) ed il ritorno in Romania e Bulgaria di diversi rifugiati transitati da questi Paesi e giunti in seguito in Austria. Fonti provenienti dalle istituzioni UE e dai governi di Romania e Bulgaria hanno confermato che la rimozione delle frontiere terrestri sarà il prossimo passo, sebbene al momento non si conoscano le tempistiche dei negoziati. 

Giorgio Fioravanti

Photo by NoName_13 is licensed under CC BY-NC-SA

Dove si trova

Perchè è importante

  • Il Consiglio Europeo ha approvato all’unanimità l’ingresso di Romania e Bulgaria nello spazio Schengen di libera circolazione.
  • Si tratta di una decisione storica, che contribuisce ad allargare lo spazio di libera circolazione nato in seno alla Comunità Europea nel 1985.
  • A partire da marzo 2024 saranno rimosse le frontiere aeree e marittime, mentre per il momento l’accordo non riguarda quelle terrestri.

Vuoi di più? Iscriviti!

Scopri che cosa puoi avere in più iscrivendoti

Giorgio Fioravanti
Giorgio Fioravanti

Classe 1997, aspirante diplomatico, nato e cresciuto a Rieti dove ho frequentato il Liceo Classico. La mia carriera universitaria si è svolta interamente a Trento, dove mi sono laureato in European and International Studies. Dopo la laurea ho frequentato con successo un Master in Studi Diplomatici presso la sede di Roma della SIOI. Il posto più curioso in cui ho vissuto è senza dubbio Gibilterra, dove ho anche svolto un periodo di ricerca tesi all’estero. Tra le mie passioni più grandi, naturalmente, la geopolitica ed il caffè.

Ti potrebbe interessare