utenti ip tracking
mercoledì 23 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Affari d’Africa

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Tra fondi sovrani per riciclare i proventi del petrolio e intese con colossi come Finmeccanica, cerchiamo di capire i piani di alcuni Stati africani per crescere e sviluppare le proprie economie

    LIQUIDITA’ AFRICANA – Una delle novità più dibattute negli ultimi anni nello scenario politico internazionale sono i cosiddetti fondi sovrani, strumenti economici (con una forte valenza politica) che servono ai paesi che esportano petrolio (o che hanno una bilancia commerciale positiva, e le due categorie quasi sempre coincidono) per reinvestire la liquidità e le proprie riserve monetarie. La novità è che ora i fondi sovrani non sono più ad appannaggio dei paesi della penisola Arabica, della Cina o della Russia, ma anche alcuni paesi africani stanno iniziando ad utilizzare questo strumento per reinvestire le proprie riserve economiche. Ora dopo Botswana e Nigeria anche l’Angola, per bocca del ministro dell’Economia, Manuel Nunes Junior, ha appena annunciato che il paese varerà entro il 2009 un fondo sovrano per gli investimenti. L'Angola è un paese che conosce la stabilità politica da soli sette anni dopo trent’anni di conflitti interni e dal 2002 ha registrato dei tassi di crescita double-digit. Inoltre è uno dei maggiori produttori di petrolio al mondo: ciò ha permesso al governo di ottenere delle enormi linee di credito (in particolare da parte cinese mentre l’FMI negava i fondi)  e aprire moltissimi cantieri infrastrutturali. Ora il governo ha accumulato delle ampie risorse con i proventi del petrolio che permettono al paese di investire direttamente delle risorse per lo sviluppo della propria economia o per acquistare bond statali esteri, obbligazioni e azioni di società occidentali con prospettive di medio-lungo termine. Un salto qualitativo notevole per un paese che fino a pochi anni Tony Blair avrebbe definito una parte di quella ferita sulla coscienza per il mondo. Oggi l’obiettivo di Luanda è quello di smarcare l'economia dalla dipendenza da petrolio e materie prime, e l’obiettivo centrale del fondo sovrano è esattamente la diversificazione. Oltre a ciò un altro obiettivo è quello di dimostrare una notevole solidità economico-finanziaria del paese e di conseguenza suscitare maggiore fiducia negli investitori esteri, che è uno dei volani principali per lo sviluppo economico del paese. 

    content_66_2

    FINMECCANICA LIBICA – Ma anche nell’Africa Sahariana si muovo investimenti sostanziali grazie a dei fondi sovrani: dopo aver acquisito una forte partecipazione in Unicredit ora la Libia, con il fondo Libya Africa Investment Portfolio (Lap) ha sottoscritto un memorandum di intesa con Finmeccanica che prevede la costituzione entro un anno di una joint venture partecipata al 50% da Finmeccanica e 50% da Lap. La joint venture sarà lo strumento principale per le iniziative congiunte di business e potrà effettuare investimenti per specifiche attività commerciali e industriali costituendo apposite società nei Paesi di interesse. Finmeccanica potrà usare la joint venture come partner preferenziale nelle iniziative da lei direttamente promosse e come cassa dove recuperare la liquidità necessaria agli investimenti più onerosi. Inoltre, utilizzando questa partnership le due parti potranno sviluppare nuove opportunità di business in particolare in aree geografiche strategiche per la futura crescita del gruppo, come Africa e Medio Oriente. La Libia invece avrà così, oltre alla possibilità di investire le proprie liquidità in uno dei maggiori colossi mondiali per solidità economica, anche l’accesso preferenziale ad un know-how tecnologico all’avanguardia in vari settori civili ma soprattutto nel settore militare.   Stefano Gardelli

    Redazione
    Redazionehttps://ilcaffegeopolitico.net

    Il Caffè Geopolitico è una Associazione di Promozione Sociale. Dal 2009 parliamo di politica internazionale, per diffondere una conoscenza accessibile e aggiornata delle dinamiche geopolitiche che segnano il mondo che ci circonda.

    Articolo precedenteTutto da rifare
    Articolo successivoRitorno al passato

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome