utenti ip tracking
sabato 19 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Le “zampe” globali dell’Orso russo

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Best of 2019 – Gli articoli da ricordare di questa prima parte dell’anno per il Desk Russia e Asia CentraleSeconda parte

    La politica estera della Russia è sempre più complessa e sfaccettata. Nonostante la centralità dei rapporti con l’Occidente, il Paese sembra infatti avere incrementato le proprie attività diplomatiche e commerciali in Asia e in Africa, cercando nuove opportunità a sostegno delle proprie ambizioni internazionali. In particolare, Mosca è tornata partner appetibile per molti Paesi africani e il suo coinvolgimento nella crisi in Sudan sembra anche presagire un ruolo significativo nell’area strategica del Mar Rosso. Inoltre il rapporto ritrovato con l’Arabia Saudita potrebbe aprire spiragli interessanti per lo sfruttamento delle risorse dell’Artico e rafforzare la posizione della Russia come fornitore energetico globale. Non mancano però i problemi: le cattive condizioni della rete energetica russa, emerse drammaticamente con il recente caso del “petrolio contaminato”, minacciano la reputazione del Paese, mentre il persistere di contenziosi storici limita la libertà di manovra di Mosca in diverse regioni chiave. È il caso dell’Asia orientale, ad esempio, dove il nodo irrisolto delle Curili impedisce la nascita di un vantaggioso asse politico e economico con il Giappone.

    Simone Pelizza
    Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

    Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
    Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite