utenti ip tracking
mercoledì 2 Dicembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Nuova Zelanda: un nuovo Governo e un ritrovato regionalismo

    Caffè Lungo – All’indomani delle elezioni generali del 17 ottobre scorso...

    L’UE unita contro le minacce comuni

    In 3 sorsi - Il 19 novembre si è tenuta la...

    Il secondo lockdown e la frenata dell’economia francese

    In 3 sorsi - L’economia francese, già fortemente provata, vede stime...

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Paukphaw: l’amicizia “fraterna” sino-birmana

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Dopo quasi tre anni di lavori, lo scorso luglio è stato inaugurato ed è già in piena attività il gasdotto-oleodotto che collega il Myanmar alla Cina. La mega-struttura è stata progettata per trasportare circa 12 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Qual è l’importanza dell’infrastruttura nella regione?

     

    1. UNA NUOVA ROTTA PER LE IMPORTAZIONI CINESI – La città di Kyaukphyu è diventata il punto di raccolta e partenza del greggio proveniente dall’Africa e dal Medio Oriente. La costruzione dell’impianto ha suscitato in questi anni proteste da parte della popolazione locale, la quale ha più volte denunciato i bassi risarcimenti per l’esproprio delle terre e ha chiesto alle varie società cinesi attive in loco, soprattutto alla CNPC (China National Petroleum Corporation), costruttrice del gasdotto, di fornire più occupazione. Quello che emerge dalla costruzione della mega-struttura è la portata strategica, poiché essa consente a Pechino di intraprendere un percorso alternativo per lo stoccaggio delle risorse energetiche, senza dover transitare dai mari del Sudest asiatico, dipendendo quindi dallo stretto di Malacca  (punto importante a livello economico e insidioso per il rischio di pirateria). Inoltre, tramite il Myanmar, la Cina sembra consolidare la “strategia dei due Oceani”, ovvero un punto di accesso nell’Oceano Indiano per contrastare la crescita economica di un’altra potenza emergente, l’India.

     

    Il percorso dell'infrastruttura, in una mappa della Reuters
    Il percorso dell’infrastruttura, in una mappa della Reuters

    2.CINA: PARTNER O INVESTITORE? – Alla fine degli anni Ottanta, quando il regime birmano era isolato per le sanzioni economiche imposte dall’Occidente, Pechino, tramite un trattato commerciale, ha legalizzato il commercio tra i due Stati, sviluppando un forte legame politico-economico e accrescendo la propria influenza. I due Paesi ormai da anni cooperano in diversi settori, soprattutto nell’estrazione e nell’esportazione di materie prime, come petrolio e gas (il Myanmar detiene alcune delle maggiori riserve di gas nell’area del Sudest asiatico). Inoltre la Cina nel tempo ha investito molto nella costruzione di infrastrutture: strade, ferrovie, ponti. Tutto questo ha consentito a Pechino di stabilire una sorta di “monopolio” e diventare il primo partner commerciale birmano.

     

    3.CONVENIENZA RECIPROCA –  Quello che emerge dall’amicizia “fraterna” Paukphaw tra i due Paesi è la convenienza reciproca: da una parte il Myanmar ha bisogno degli investimenti cinesi e dell’appoggio di una grande potenza, dall’altra parte la Cina, tramite la strategia politica della “non ingerenza” negli affari interni (no strings attached policy), non interferisce nelle decisioni politiche del Myanmar e porta avanti una linea basata solo su rapporti economici, senza alcun vincolo e condizione.

     

    Maria Salerno

    Maria Salerno
    Maria Salerno

    Sono una calabra trapiantata a Roma dove frequento il primo anno del corso Magistrale in Pace, guerra e sicurezza all’Università di  Roma Tre.

    Come tutti ho tanti e troppi “sogni nel cassetto”, mi piacerebbe in futuro specializzarmi sulle tematiche del peacekeeping e della sicurezza post conflitto, anche se il grande sogno rimane quello di intraprendere la carriera diplomatica.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome