utenti ip tracking
venerdì 14 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    Xenofobia e Covid-19 (II): sinocentrismo e razzismo

    Analisi - Se è vero che all’estero le comunità...

    Bielorussia, la “vittoria” vuota di Lukashenko

    Analisi – Secondo i dati ufficiali, il Presidente bielorusso...

    È arrivato il cigno nero?

    Editoriale -  A gennaio avevamo provato a descrivere come...

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Russia – OPEC: gli equilibri dell’oro nero

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.
    • L’OPEC+ raccoglie i principali produttori vecchi e nuovi del petrolio mondiale
    • Russia e Arabia Saudita sono gli aghi della bilancia dell’attuale mercato dell’oro nero
    • Mosca è sempre più attiva, specialmente in Medio Oriente e mira a conquistare la leadership della produzione petrolifera globale

    Fin dalla sua fondazione, l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) ha negoziato con le compagnie petrolifere aspetti relativi alla produzione di greggio, prezzi e concessioni. In questa istituzione, la leadership è sempre spettata all’Arabia Saudita, grazie alla ricchezza delle sue riserve e al conseguente potere negoziale. Tuttavia, quote importanti del mercato energetico si muovono fuori da questo cartello. Per questo, il formato allargato OPEC+ ha assunto sempre maggiore importanza, includendo diversi produttori “esterni”; tra questi, la Russia si è ritagliata un’influenza sempre più notevole, tanto da aspirare alla guida delle strategie petrolifere globali. La crescente concordia con Riyad e la presenza su diversi fronti, dal Sud America all’Africa, potrebbero rivelarsi ottimi strumenti per le ambizioni russe.

    Mattia Baldoni

    Mattia Baldoni
    Mattia Baldoni

    Laureato in Sviluppo locale e globale presso l’Università di Bologna. Ha partecipato a progetti europei di cooperazione internazionale in Georgia (identità europea, processo di integrazione e questioni relative alle frontiere), Grecia e Bulgaria, e a una Summer School sul Partenariato orientale dell’UE a Baku (Azerbaijan). Attualmente è redattore capo per Osservatorio Russia e collaboratore di Il Caffè Geopolitico. I suoi interessi principali riguardano la politica russa e le relazioni internazionali in MENA, Caucaso e Asia centrale.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite