utenti ip tracking
lunedì 21 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Ungheria: Orbàn ottiene pieni poteri

    In breve

    • Il Parlamento ungherese ha votato una norma che concede poteri speciali senza limiti di tempo al premier Orbàn.
    • Ennesima puntata del duello Orbàn vs Unione Europea.
    • La Commissione Europea è chiamata ad una risposta decisa a questo provvedimento.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    In 3 Sorsi – Il Parlamento ungherese ha approvato i pieni poteri per il premier Viktor Orbàn. Da Budapest arriva un segnale allarmante per la democrazia europea.

    1. IL CONTESTO POLITICO

    Lunedì 30 marzo il Parlamento ungherese ha approvato, con 137 voti a favore e 53 contrari, la Legge di autorizzazione che conferisce al premier Viktor Orbàn pieni poteri per contrastare l’emergenza Coronavirus. La legge, sostenuta dal suo partito Fidesz e da alcuni esponenti dell’estrema destra, prevede una serie di misure molto contestate nel Paese e all’esterno. Tra queste l’istituzione dello stato d’emergenza a tempo indeterminato, poteri straordinari al premier, sospensione immediata delle elezioni, 8 anni di carcere per chi viola il coprifuoco e da 1 a 10 anni per chi diffonde fake news sul Governo e sul virus. Sono state respinte tutte le richieste delle opposizioni, che chiedevano di limitare a 90 giorni il limite di queste misure, le quali, quindi, avranno durata indeterminata. Altri Paesi, come Francia e Regno Unito, hanno proclamato lo stato d’emergenza, ma sempre con un limite temporale, rispettivamente di due settimane e sei mesi. Proprio questa assenza di limite temporale viene vista con preoccupazione dalle opposizioni ungheresi, con il partito socialista ungherese che, tramite il leader Bertalan Toth, parla di “colpo di Stato in atto nel Paese”.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Il controverso Primo Ministro ungherese, Viktor Orbàn

    2. I RAPPORTI TRA BUDAPEST E BRUXELLES

    Sin dal suo ritorno al potere, avvenuto nel 2010, l’Ungheria di Orbàn viene additata di essere un Paese proiettato verso una deriva autoritaria. Non è la prima volta, infatti, che Orbàn e Bruxelles entrano in conflitto. Nonostante le vittorie alle politiche del 2018 e alle europee 2019, durante gli anni del Governo Orbàn Budapest sembra aver fatto passi indietro su diritti umani, rispetto del diritto europeo e dei diritti delle minoranze. Per questa ragione non è stata ancora ratificata l’adesione dei 13 eurodeputati Fidesz al Partito Popolare Europeo (PPE). Il PPE è in forte imbarazzo per questa scelta di Orbàn e, per ora, non ha preso alcuna posizione ufficiale. C’è però il rischio concreto che gli eurodeputati del partito di Orbàn possano creare un altro gruppo politico al Parlamento Europeo con alcuni esponenti del gruppo nazionalista Identità e Democrazia.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea

    3. COSA PUÒ FARE L’UE?

    L’approvazione di questo provvedimento del Parlamento ungherese è stato accolto con sdegno e rammarico da parte di diversi esponenti politici europei e delle Istituzioni. Il Comitato europeo per le libertà civili ha chiesto alla Commissione Europea di aprire un’inchiesta sulla violazione del principio di democraticità da parte di Budapest. Critiche sono anche arrivate dal Consiglio d’Europa, dal Parlamento Europeo e dall’ONU. Per il momento, però, fatta salva la dichiarazione del Commissario Europeo per la Giustizia e lo Stato di diritto Didier Reynders, la Commissione non ha adottato nessun provvedimento ufficiale, eccezion fatta per un generico comunicato stampa. La decisione del Parlamento ungherese costituisce, ancora una volta, una forte anomalia nell’Unione Europea. Da diversi anni i comportamenti del premier magiaro si dimostrano in totale ostilità con i principi dell’UE. Se, questa volta, l’Unione Europea riuscisse ad adottare una decisione forte e coesa nei confronti di Orbàn potrebbe migliorare la sua immagine agli occhi dei cittadini europei. Anche perchè il rischio è quello che l’esempio “autoritario” di Orbàn venga seguito da altri Paesi dell’Est Europa (Polonia in primis), che, approfittando dell’emergenza Coronavirus, sospendano i valori democratici delle loro società.

    Luca Rosati

    Hungarian Parliament Building” by Grille1991 is licensed under CC BY-SA

    Luca Rosati
    Luca Rosati

    Laureato in scienze politiche e relazioni internazionali presso l’Università degli Studi di Torino. Ho svolto un periodo di studio presso la facoltà di Scienze Sociali di Parigi nell’ambito del programma Erasmus. Ho lavorato due anni presso la pubblica amministrazione francese dove mi sono occupato di programmi e fondi europei.

    Attualmente sono impiegato presso il dipartimento Affari Europei della Regione Valle d’Aosta dove mi occupo di progettazione europea e di comunicazione sulle attività dell’Unione Europea. Frequento inoltre il Diploma in Affari Europei dell’Ispi (Istituto Superiore di Politica Internazionale) di Milano.

    Faccio parte dell’Associazione Italiana Giovani per l’Unesco – sezione Valle d’Aosta – con il ruolo di tesoriere.

    Collaboro con Il Caffè Geopolitico in quanto appassionato al tema della relazioni internazionali, al processo di integrazione europea e al rapporto tra gli Stati membri.

     

     

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite