utenti ip tracking
sabato 11 Luglio 2020
More

    Speciale COVID-19

    Crisi politica e pandemia, il 2020 del Perù

    In 3 sorsi – Il nuovo anno a Lima...

    Serbia: si salvi chi può

    Analisi - Le elezioni parlamentari e quelle per il...

    La crisi nel Messico di AMLO minaccia Trump

    In 3 sorsi – L’epidemia di Covid-19 sta facendo...

    Bukele e la libertà ai tempi del virus

    In 3 Sorsi – In El Salvador l’emergenza sanitaria...

    Sangue sull’Himalaya: India e Cina verso la guerra?

    In breve

    • Il peggiore incidente di frontiera dal 1975 rischia di far precipitare India e Cina in un conflitto armato dagli esiti devastanti e imprevedibili.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    RistrettoLunedì unità militari cinesi e indiane si sono scontrate brutalmente nel Ladakh, riportando diversi morti e feriti. Si tratta del peggiore incidente di frontiera tra i due Paesi dal 1975 e potrebbe avere conseguenze molto gravi per tutta la regione himalayana.

    L’incidente è avvenuto nella valle di Galwan, situata a ridosso della Line of Actual Control (LAC) che separa le posizioni indiane da quelle cinesi nel Kashmir orientale dal 1962. Da settimane l’area è al centro di forti tensioni tra i due giganti asiatici: la Cina si oppone infatti alla costruzione di una strada sul versante indiano della LAC, vista come una potenziale minaccia alla propria presenza in Ladakh, e ha dispiegato migliaia di soldati e decine di mezzi corazzati per bloccare l’iniziativa indiana, provocando una speculare escalation militare da parte di New Delhi. Ciò ha dato vita a numerosi litigi e tafferugli tra gli opposti schieramenti, col rischio di  degenerare ulteriormente in vero e proprio conflitto armato. Le autorità indiane hanno accusato ripetutamente la People’s Liberation Army (PLA) di essere entrata illegalmente nel proprio territorio nazionale, mentre quelle cinesi hanno accusato i militari indiani di comportamenti aggressivi e provocatori. Nonostante ciò, gli sforzi diplomatici dei due Governi sembravano aver portato nei giorni scorsi a una graduale de-escalation e all’apertura di un dialogo pacifico per risolvere la situazione.

     Le cose sono invece drammaticamente precipitate lunedì notte, quando soldati indiani e cinesi si sono scontrati apertamente durante una manovra di de-escalation nel settore di Galwan. I dettagli sono ancora confusi e le due parti si rinfacciano la responsabilità dell’accaduto, ma il bilancio è comunque pesantissimo: 20 morti da parte indiana e forse 5 da parte cinese, con decine di feriti (alcuni gravissimi) da ambo le parti.  La maggior parte delle vittime indiane sarebbe deceduta a causa delle ferite riportate, principalmente inferte con pietre e bastoni, e delle temperature gelide tipiche di tale area montana. Successivamente i comandanti delle unità coinvolte nella “battaglia” sono riusciti a riportare la calma e a effettuare pacificamente il ritiro dei propri uomini sulle posizioni stabilite dagli accordi di de-escalation. Ma c’è ora il rischio concreto di un conflitto armato sino-indiano su larga scala.

    Sia il Governo indiano che quello cinese stanno cercando di risolvere la crisi per via diplomatica. Social e giornali indiani sono ovviamente furibondi per la vicenda, ma per ora il Governo Modi frena su eventuali rappresaglie contro Pechino, conscio che il Paese non può permettersi una guerra nel bel mezzo dell’epidemia di Covid-19 e di una grave crisi economica. Ma la rabbia popolare e l’intransigenza cinese, esemplificata dai toni duri del portavoce del Ministero degli Esteri Zhao Lijian, potrebbero constringerlo ad azioni di forza con conseguenze devastanti per l’intera regione himalayana. La tensione è quindi altissima e i prossimi giorni saranno decisivi per l’evoluzione della crisi.

    Simone Pelizza

    Prime Minister Shri Narendra Modi at the Press Briefing with President Xi Jinping of China” by narendramodiofficial is licensed under CC BY-SA

    Simone Pelizza
    Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

    Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
    Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite