utenti ip tracking
sabato 26 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    La situazione a Hong Kong dopo l’arresto di Jimmy Lai

    In breve

    • Le continue proteste a Hong Kong stanno aggravando la situazione. Nel frattempo il Governo cinese continua a esercitare pressioni sulla città-Stato.
    • Chi è Jimmy Lai, il magnate arrestato e accusato di “collusione con forze straniere”?
    • L’Europa è sempre più dubbiosa sulla posizione da assumere nei confronti di questo conflitto, che la vede esposta sia con Hong Kong che con Pechino.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    In 3 sorsiDopo l’arresto avvenuto nei giorni scorsi del magnate Jimmy Lai, le proteste a Hong Kong si sono ulteriormente inasprite. Tutto ciò ha dato il via ad una sempre più delineata e motivata battaglia per la sopravvivenza del sistema democratico locale.

    1. LE PROTESTE E IL RAPPORTO CON LA CINA

    Dall’inizio delle proteste, nella primavera 2019, la situazione nella regione di Hong Kong non accenna al miglioramento. La goccia che ha fatto traboccare il vaso sembra essere stata la legge sulla sicurezza nazionale, la quale invece di essere stata approvata dal comitato legislativo di Hong Kong, è stata decisa – nel mese di giugno – dal Governo centrale cinese. Questo episodio ha contribuito ad aggravare ulteriormente la situazione cittadina, già instabile a causa di altri episodi di disordine pubblico. Il Governo britannico ha proposto, in risposta alla presa di posizione cinese (che di fatto viola gli accordi firmati con Londra in scadenza nel 2047), la possibilità di fornire ai cittadini hongkonghesi con doppio passaporto la cittadinanza britannica. Non solo, a peggiorare ulteriormente la situazione è intervenuta una nuova repressione delle proteste, culminata con l’arresto di Jimmy Lai, magnate dei media e tra i massimi esponenti del fronte anti-Pechino nella città-Stato.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – L’arresto di Jimmy Lai, magnate dei media e sostenitore dello schieramento democratico a Hong Kong, 10 agosto 2020

    2. IL PERSONAGGIO: JIMMY LAI

    Jimmy Lai è noto ai media e alla popolazione locale per essere un self-made man e uno dei principali sostenitori della democrazia di Hong Kong e di conseguenza un nemico della dittatura cinese.
    Nasce nella regione del Guandong settantuno anni fa, e, una volta fuggito dalla Cina, si reca appena dodicenne a Hong Kong: da adulto, dopo numerosi sforzi, riesce a fare fortuna nel settore dell’abbigliamento. Alla domanda sul motivo per cui egli sia così fermamente contrario al presente establishment egli ha sempre risposto – come ad esempio in un’intervista a CBS News – che i soldi senza libertà sono inutili, motivo per cui vale la pena combattere. Negli anni, avendo vissuto anche la tragica repressione di Piazza Tienanmen, decide di impegnarsi e combattere per la libertà di informazione: fonda così nel 1995 Apple Daily, magazine di informazione con il quale critica aspramente il sistema cinese e sostiene la democrazia di Hong Kong. Questo lo porta ad avere problemi con la legge e a essere malvisto dal Governo locale, donandogli però allo stesso tempo la fama di paladino della democrazia, soprattutto tra i giovani attivisti hongkonghesi.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Manifestazione a sostegno di Lai e del suo magazine Apple Daily, 11 agosto 2020

    3. L’ARRESTO, LA LIBERAZIONE E LE CONSEGUENZE

    Il 10 agosto Jimmy Lai è stato arrestato, insieme ai figli e ad alcuni collaboratori, con l’accusa di “collusione con forze straniere”, alla base della legge sulla sicurezza nazionale, contro la quale lui e altri attivisti stanno protestando. Successivamente, nella notte del 12 agosto, non solo lui ma anche i figli e altri attivisti sono stati liberati previo pagamento di cauzione. Le notizie – sia dell’arresto che della liberazione – hanno registrato un eco mediatico incontrollabile nella regione. In generale questi arresti sono stati percepiti come una brusca repressione della libertà d’espressione, da sempre mal digerita dai cittadini di Hong Kong. Il braccio di ferro tra la Cina continentale e Hong Kong continua. È adesso necessario capire quale sarà la prossima mossa da parte del Governo centrale cinese per arginare le proteste del popolo di Hong Kong.
    Questo arresto è da identificarsi come l’ennesimo tentativo da parte della leadership di Pechino di eliminare la democrazia dal conflitto, ormai nel pieno del suo svolgimento, in atto contro gli Stati Uniti. Resta ora da osservare come Washington e Londra, in particolar modo il Presidente Donald Trump e il Primo Ministro Boris Johnson, organizzeranno la loro controffensiva per cercare nuovamente di far valere i loro interessi geopolitici contro quelli di Pechino. Intanto l’Europa si trova in una posizione sfavorevole, dal momento che ha accordi molto importanti sia con Hong Kong che con Pechino. Schierarsi con una delle due parti potrebbe quindi portare a rilevanti ripercussioni politiche o commerciali. Sarà perciò necessario che Bruxelles continui a dialogare con la Cina e cerchi di far leva sul rapporto che le lega per normalizzare il più possibile la situazione. Quello che è certo è che il silenzio comunque non pagherà e bisognerà mobilitarsi per trovare una soluzione.

    Niccolò Ellena

    8.23 The HONG KONG WAY.” by Studio Incendo is licensed under CC BY

    Niccolò Ellena
    Niccolò Ellena

    Mi chiamo Niccolò, sono nato a Firenze e ho 23 anni. Dopo la Laurea in Lingue e Culture straniere presso l’Università degli Studi di Firenze e dopo aver trascorso un semestre a Wenzhou, in Cina, mi sono trasferito a Milano, dove vivo tutt’ora. Ad oggi sono laureando magistrale in Lingue per le Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Collaboro con il Caffè Geopolitico per l’area asiatica, mio principale interesse di studio.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite