utenti ip tracking
domenica 9 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    I Paesi Baschi in cerca di patria e in fuga dal passato

    Analisi – Il 12 luglio in Spagna, dopo il...

    Il difficile tango di Cristina

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Cristina Kirchner è uscita indebolita dalle elezioni di medio termine. Sergio Massa, fuoriuscito dal partito al Governo, ha ottenuto un forte successo che lo lascia sperare in vista delle presidenziali del 2015. Si prospettano due anni difficili per la Presidenta.

     

    ELEZIONI A SORPRESA – Le elezioni di medio termine tenutesi in Argentina per il rinnovo della metà dei seggi della Camera dei Deputati e di un terzo di quelli del Senato lo scorso 27 ottobre hanno visto il Frente para la Victoria di Cristina Fernández de Kirchner perdere in metà dei 24 distretti elettorali del Paese, pur mantenendo salda la maggioranza assoluta in entrambi i rami del Parlamento. Il risultato ha seguito la scia delle primarie svoltesi lo scorso 11 agosto che avevano visto il partito della Presidenta vincere solo in otto province su ventitrè, perdendo anche nel feudo elettorale dei Kirchner, Santa Cruz. Nonostante la maggioranza assoluta, non sarà possibile cambiare entro il 2015 la Costituzione al fine di permettere a Cristina Kirchner di candidarsi per un terzo mandato, in quanto per la modifica della Carta è richiesta la maggioranza dei due terzi. Il vincitore di questa tornata elettorale appare essere senza dubbio il sindaco della città di Tigre, Sergio Massa, il cui Frente Renovador (FR) ha cominciato a sottrarre terreno elettorale al partito di Governo già delle elezioni di agosto.

    Il FR ha ottenuto il 20,6% di voti a livello nazionale e il 42,6% nella città di Buenos Aires: con questi numeri l’ex capo di gabinetto del Governo Kirchner, poi esponente di spicco del gruppo anti-kirchnerista degli 8, composto da amministratori locali ostili alla coppia presidenziale, guarda con fiducia in prospettiva delle elezioni del 2015. Massa si inserisce come la Presidenta nella tradizione peronista, ma la sua piattaforma economica prevede radicali privatizzazioni in settori controllati dallo Stato. Quali sono le ragioni che possono spiegare la attuale débacle della Presidenta e che percorso si può attendere da qui al 2015?

     

    SCONTRO CON FMI E RISPOSTE ECONOMICHE – Lo scontro tra Cristina Fernández de Kirchner e Christine Lagarde, capo del Fondo Monetario Internazionale, prosegue da tempo, dal mancato sostegno del Fondo al ricorso presentato da Buenos Aires alla Corte Suprema degli Stati Uniti al fine di evitare il pagamento sulle obbligazioni in default del vulture fund NML, agli espliciti messaggi della Presidenta volti a far intendere che l’Argentina può fare a meno dell’FMI. Di fronte alla attuale potenziale debolezza politica, le pressioni del Fondo Monetario sul Governo potrebbero diventare più vigorose. La situazione nel Paese resta problematica. L’inflazione ufficiale si attesta al 10%, nonostante forti critiche vogliano suggerire che il tasso sia in realtà ben più rilevante. Allo stesso tempo l’acquisto di dollari è molto problematico (fattore che rappresenta un problema soprattutto per le imprese) e la crisi di liquidità non sembra arrestarsi. Le prospettive di fronte alle attuali difficoltà non sembrano molto rosee: l’immissione di nuova moneta e l’uso di pubblici sussidi rischiano di gonfiare una macchina pubblica che pare insostenibile sul lungo periodo. La parola “default” risuona ancora sinistra nelle orecchie degli argentini.

    Il vincitore "morale" delle elezioni di medio termine, Sergio Massa
    Il vincitore ‘morale’ delle elezioni di medio termine, Sergio Massa

    CONFLITTI INTERNAZIONALI- La Repsol, multinazionale petrolifera spagnola, espropriata dal Governo argentino in seguito al processo di nazionalizzazioni nel settore, ha rifiutato l’indennizzo offerto e tenterà di ottenere maggiori concessioni. Tra Brasilia e Buenos Aires procede uno scontro molto accesso sui dazi doganali, mentre con Montevideo il seme della discordia è rappresentato dalla cartiera finlandese Upm sul fiume Uruguay, al confine tra i due Paesi, fabbrica che per l’Argentina inquina eccessivamente. La controversia, che dura ormai da parecchi anni, ha portato di recente a nuove ritorsioni commerciali da parte di Buenos Aires. La serie di conflitti e tensioni internazionali in cui la Casa Rosada si trova al momento non è da sottovalutare, specialmente attuale momento di debolezza del fronte di Governo.

     

    MALATTIA E PRESIDENTA DIMEZZATA – La Presidenta Kirchner, dopo aver affrontato una malattia che l’ha costretta a lasciare l’esecutivo nelle mani del suo vice Amado Boudou, si trova al momento assediata da numerose e costanti pressioni interne ed esterne. Di certo, la prova della malattia ha influito molto sulla leader argentina e i prossimi due anni saranno molto complessi, data l’ascesa elettorale di Massa. Le opzioni sul tavolo restano scarse per il Governo in carica, che dovrà sostenere numerose sfide economiche e politiche fino al 2015, anche se apparentemente l’era Kirchner sembra vicina al capolinea.

     

    Angelo Boccato

    Angelo Boccato
    Angelo Boccatohttp://www.freeparkcorner.blogspot.com

    Lauree in Scienze Politiche (prima Culture e Diritti Umani a Bologna, poi Scienze del Lavoro a Milano),in mezzo una esperienza Erasmus a Dublino,  con una viscerale passione per la geopolitica, oltre che dell’economia internazionale. Contribuisco al Caffè Geopolitico per dare un piccolo contributo per una realtà che aspira ad allargare i nostri orizzonti, necessità sempre maggiore in un mondo quanto mai interconnesso. Sogni nel cassetto? Diventare un giornalista semi-serio…

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite