utenti ip tracking
venerdì 18 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Tango nelle urne?

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Grandi "movimenti" in Argentina: le elezioni legislative che si svolgeranno il 28 giugno in Argentina potrebbero decretare la sconfitta di Néstor e Cristina Kirchner, provocando un regolamento dei conti nel Peronismo.

    L’ARGENTINA AL VOTO – Urne aperte in Argentina: domenica 28 giugno si svolgeranno le elezioni legislative, che porteranno al rinnovo di parte della Camera e del Senato. Una sorta di “mid-term”, per dirla all’americana, che rappresenta però un banco di prova fondamentale per la tenuta del “kirchnerismo”, la corrente politica che prende il nome dall’ex presidente della nazione sudamericana, Néstor Kirchner, e dall’attuale Capo di Stato, la moglie Cristina Fernández de Kirchner. Dopo sei anni al potere praticamente incontrastati, pare infatti che la luna di miele tra il popolo argentino e i coniugi al Governo sia terminata. Sull’onda della (apparentemente) irresistibile ripresa economica del quinquennio 2003-2008, seguita alla drammatica crisi debitoria del 2001, il successo dei Kirchner non sembrava in discussione; tuttavia, lo scontro con la potente lobby dei produttori agricoli prima, e quest’anno la crisi economica, hanno bruscamente ridotto il grado di approvazione della “Presidenta” Cristina.  

    LA FINE DEL PERONISMO? – I Kirchner fanno parte del Partido Justicialista, che per i canoni politologici sudamericani è schierato ideologicamente nel centro-sinistra, ma che in realtà presenta tratti demagogico-populisti che lo rendono difficilmente incasellabile per gli “standard” europei. Il PJ è il diretto erede della tradizione peronista, che ha fatto del nazionalismo economico e del protezionismo alcuni dei cardini principali della propria politica. Néstor e Cristina fanno parte del Frente Amplio, corrente del PJ considerata “oficialista”, ovvero più vicina all’ortodossia peronista e la battaglia nelle prossime elezioni sarà con le correnti “dissidenti” in seno allo stesso Partido Justicialista. Nella provincia di Buenos Aires, la più popolosa di tutta l’Argentina, Kirchner sfiderà Francisco de Narváez (Unión Pro): i sondaggi per il momento danno i due candidati in sostanziale pareggio. In parecchie altre province, però, il kirchnerismo è dato per sconfitto: per esempio a Santa Fe, dove dovrebbe vincere l’ex pilota di Formula 1 Carlos Reutemann. In realtà, dunque, la battaglia è tutta interna al PJ: la principale forza di opposizione, l’Unión Cívica Radical, raramente è stata in grado di impensierire la coalizione di Governo. Se i Kirchner saranno sconfitti, probabilmente ci sarà un rimescolamento di carte, ma le linee di fondo principali della politica argentina non dovrebbero mutare con nettezza.

    content_81_2

    RITORNO AL PROTEZIONISMO – Come si diceva, tra gli “ingredienti” principali del peronismo c’è, a livello di politica economica, una certa dose di avversione al libero scambio. Tale componente si è ripresentata negli ultimi mesi, quando la Presidenta Kirchner ha tentato di risolvere la crisi economica innalzando barriere tariffarie in difesa delle merci argentine. A farne le spese è stato innanzitutto il principale partner commerciale di Buenos Aires: il Brasile, che ha visto calare sensibilmente le proprie esportazioni. Si è poi sostanzialmente arenato il processo di integrazione del Mercosur, l’unione doganale che comprende Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay. Non solo: anche imprese straniere ne hanno fatto le spese, come l’italiana Telecom. La compagnia di comunicazioni nazionale, infatti, ha forti interessi in Sudamerica, ma il Governo argentino ha bloccato la partnership con la spagnola Telefónica, considerata lesiva della concorrenza locale. In un periodo in cui l’apertura alle relazioni internazionali sembra essere una risposta per uscire dalla crisi, specialmente per Paesi export-oriented come l’Argentina, sono lecite le perplessità sull’opportunità di tali politiche economiche. 

    Davide Tentori redazione@ilcaffegeopolitico.it 24 giugno 2009 

    Davide Tentori
    Davide Tentori

    Sono nato a Varese nel 1984 e sono Dottore di Ricerca in Istituzioni e Politiche presso l’Università “Cattolica” di Milano con una tesi sullo sviluppo economico dell’Argentina dopo la crisi del 2001. Il Sudamerica rimane il mio primo amore, ma ragioni professionali mi hanno portato ad occuparmi di altre faccende: oggi infatti lavoro a Roma presso l’Ambasciata Britannica in qualità di Esperto di Politiche Commerciali. In precedenza ho lavorato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dove mi sono occupato di G7 e G20, e a Londra come Research Associate presso il dipartimento di Economia Internazionale a Chatham House – The Royal Institute of International Affairs. Sono il Presidente del Caffè Geopolitico e coordinatore del Desk Europa

    Articolo precedentePassione finita?
    Articolo successivoGli scheletri nell’armadio

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome