utenti ip tracking
sabato 19 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Le vene aperte dell’America Latina

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    I libri del Caffè – Una lettura per capire l’America Latina oggi: è il saggio di Eduardo Galeano, intellettuale uruguaiano. Scritto nel 1940, è un testo ancora attualissimo

    “Le vene aperte dell’America Latina” è una lettura indispensabile per chiunque abbia voglia di approfondire la conoscenza del grande continente e capire perché un territorio tanto ricco faccia ancora convivere l’umanità con la miseria. E’ un saggio storico ed economico del 1971 che illustra le pesanti responsabilità di europei e nordamericani e ci consente di tessere le giuste connessioni tra fatti accaduti altrove ma che hanno dispiegato i loro effetti nella grande America del Sud.

    E si parte dalla barbarie dei conquistadores che giustiziano in maniera terribile il guerriero Tupac Amaro e ne sterminano la discendenza per quattro generazioni per arrivare a descrivere con crudezza, ma con il giusto distacco dello storico quale è Galeano, i guasti provocati dalla monocultura agricola, soprattutto nel sertão del Brasile del nord est, reso brullo ed impoverito da secoli di coltivazione di canna da zucchero.

    La brama di metalli preziosi annebbia gli europei che finiscono col passare dalla conquista militare ad una condizione di soggiogazione finanziaria sfruttando le immense ricchezze del continente,  che però non ricadono sugli indios né sui creoli ma legano a doppio filo il mercantilismo britannico al protezionismo politico ed economico degli Stati Uniti, attore dominante dalla fine della guerra di secessione.

    Brasile ed Argentina hanno saputo cogliere fin da subito il ruolo di leader del continente e questo è accaduto anche nell’opera di distruzione degli indios del Paraguay i guaranì.

    La politica della rapina ha preso il sopravvento e determina il tenore dei rapporti tra gli stati.

    Non deve essere stato un caso il fatto che fu proprio questo saggio il regalo di Hugo Chávez a Obama, durante il vertice delle Americhe, nel 2009.

    Eduardo Galeano è uno storico ed intellettuale uruguagio nato nel 1940. Ha trascorso diversi anni in Spagna perché il suo nome era finito nel taccuino sbagliato ai tempi della dittatura militare in Argentina e nel suo paese.

    Andrea Martire

    Andrea Martire

    Appassionato di America Latina, background in scienze politiche ed economia. Studio le connessioni tra politica e sociale. Per lavoro mi occupo di politiche agrarie e accesso al cibo, di acqua e diritti, di made in Italy e relazioni sindacali. Ho trovato riparo presso Il Caffè Geopolitico, luogo virtuoso che non si accontenta di esistere; vuole eccellere. Ho accettato la sfida e le dedico tutta l’energia che posso, coordinando un gruppo di lavoro che vuole aiutare ad emergere la “cultura degli esteri”. Da cui non possiamo escludere il macro-tema Ambiente, inteso come espressione del godimento dei diritti del singolo e driver delle politiche internazionali, basti pensare all’accesso al cibo o al water-grabbing.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    2 Commenti

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome