utenti ip tracking
venerdì 27 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Covid e tribù dominano le elezioni in Giordania

    In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari in Giordania non hanno...

    Il rapporto franco-tedesco a seguito della pandemia

    In 3 sorsi - A seguito della pandemia la Germania sta...

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Si vis pacem para bellum?

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    A nord e a sud di Israele sono avvenuti grandi rivolgimenti. Il governo di Mubarak è stato rovesciato da una pacifica rivolta della popolazione appoggiata dall’esercito, mentre in Libano Hezbollah ha ottenuto un governo a sé favorevole tramite la nomina di Miqati. Per Israele si intravedono nuovi conflitti all’orizzonte? Non ora, non necessariamente…

     

    INTERESSI CONDIVISI – Abbiamo già parlato ampiamente delle paure israeliane riguardo agli eventi egiziani. Nonostante ciò, sarebbe prematuro prevedere seri contrasti tra Gerusalemme e il Cairo, almeno nell’immediato futuro. Il trattato di pace stipulato nel 1979 ha effettivamente portato benefici a entrambe le nazioni, garantendo il confine sud dello stato ebraico e contemporaneamente consentendo all’Egitto di rientrare nelle buone grazie dell’Occidente, inclusi importanti investimenti economici e le forniture militari. L’Alto Comando dell’esercito Egiziano ne è ben consapevole e non punterà a mettere a repentaglio i propri stessi interessi – l’esercito controlla tra il 30 e il 40% dell’economia egiziana, basata soprattutto sui buoni rapporti con l’estero – per seguire sentimenti anti-israeliani che di fatto gli sono alieni da circa 30 anni.

     

    E’ troppo presto per valutare quale tipo di governo vi sarà in Egitto, se i Fratelli Musulmani saranno così influenti da stravolgere gli accordi o se trionferanno i democratici moderati, o ancora se l’esercito manterrà il potere più o meno dietro le quinte. Attualmente lo status quo dovrebbe rimanere inalterato e l’unico vero problema a sud per Gerusalemme rimane Hamas a Gaza e la possibilità che la confusione delle ultime settimane abbia allentato le maglie della linea di difesa egiziana tanto da permettere a gruppi di miliziani di uscire dalla Striscia per penetrare nel Sinai e cercare di attaccare Israele da altre direzioni. Non a caso il governo Netanyahu ha permesso all’esercito egiziano di introdurre due battaglioni (circa 800 uomini) nel Sinai come deroga al trattato di pace del 1981, proprio per dare la caccia a eventuali cellule estremiste.

     

    QUALI RISCHI? – Nessun rischio di conflitto tra Israele ed Egitto dunque, e anzi è prevedibile una sorta di maggiore cooperazione proprio per un migliore controllo del Sinai. Anche per l’esercito Egiziano è importante evitare che elementi destabilizzanti provenienti dalla Striscia di Gaza passino il confine. Allo stesso modo però è sconsigliabile per Israele aumentare eccessivamente il livello di allerta a sud, in quanto potrebbe essere valutato come intenzione ostile e di fatto spaventare l’opinione pubblica egiziana o addirittura convincere la leadership egiziana di non avere intenzione di rispettare per primi il trattato. Un basso profilo e una continua collaborazione saranno probabilmente la chiave per mantenere ottimi rapporti.

     

    content_662_2

    IL FRONTE NORD – Parzialmente diversa la questione per quanto riguarda il fronte nord, al confine con il Libano. Il riarmo di Hezbollah negli ultimi anni e gli usuali stretti legami con l’Iran si accoppiano ora a un’elevata influenza sul governo filo-sciita appena insediato. Anche in questo caso però i rischi di conflitto a breve termine risultano ridotti. Attualmente l’obiettivo principale del movimento islamico è quello di delegittimare ogni risultato avverso del Tribunale Speciale per il Libano, incaricato di determinare le responsabilità dietro l’omicidio dell’ex-premier Rafiq Hariri; tale scopo risulta maggiormente raggiungibile quanto più l’attenzione internazionale viene rivolta lontano dal Paese dei Cedri, dunque il mantenimento di un basso profilo e il rumore mediatico degli eventi in Egitto giocano a loro favore. Allo stesso tempo i leader di Hezbollah sono coscienti che ogni seria provocazione militare contro Israele provocherà una risposta molto più decisa di quella di estate 2006, e il rischio di un conflitto prematuro può essere solo quello di dilapidare i propri arsenali in un momento non adatto. Si ritiene infatti che Hezbollah si tenga pronto all’azione solo in risposta a un attacco Israeliano o USA all’Iran.

     

    Allo stesso modo da parte israeliana la Kyria (il “Pentagono” israeliano) ha posto in stato di allerta le truppe ma senza richiamare i riservisti – segno di come non si preveda un conflitto a breve. Per Gerusalemme una guerra ora porterebbe solo una maggiore condanna internazionale in un momento diplomaticamente difficile data la scarsa popolarità del governo Netanyahu all’estero, oltre a porre sotto rischio non necessario la popolazione civile, che Hezbollah cercherebbe di colpire con il suo arsenale di missili e razzi.

     

    Finché nessuno dei suoi vicini (in particolare Hezbollah) intraprenderà azioni dirette ostili, per Israele la necessità rimane solo preparare l’apparato di difesa e approntare contromosse e piani operativi per eventuali contrattacchi; non esiste alcuna esigenza di prendere l’iniziativa in maniera diretta. Al momento un elevato stato di preparazione combinato a un’attenta ma quieta osservazione degli eventi può funzionare da migliore garanzia rispetto a una condotta troppo aggressiva.

     

    Lorenzo Nannetti

    redazione@ilcaffegeopolitico.net

    Lorenzo Nannetti

    Nato a Bologna nel 1979, appassionato di storia militare e wargames fin da bambino, scrivo di Medio Oriente, Migrazioni, NATO, Affari Militari e Sicurezza Energetica per il Caffè Geopolitico, dove sono Senior Analyst e Responsabile Scientifico, cercando di spiegare che non si tratta solo di giocare con i soldatini. E dire che mi interesso pure di risoluzione dei conflitti… Per questo ho collaborato per oltre 6 anni con Wikistrat, network di analisti internazionali impegnato a svolgere simulazioni di geopolitica e relazioni internazionali per governi esteri, nella speranza prima o poi imparino a gestire meglio quello che succede nel mondo. Ora lo faccio anche col Caffè dove, oltre ai miei articoli, curo attività di formazione, conferenze e workshop su questi stessi temi.

    Articolo precedenteQuel venerdì 28, tra paure e speranze
    Articolo successivoIran=Egitto?

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome