utenti ip tracking
sabato 31 Ottobre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Lezioni dalla pandemia: il Caffè al Festival di Laterza

    Il Caffè Geopolitico è ospite al festival Laterza Agorà, per...

    Che cosa succede in Svizzera?

    In 3 sorsi - Stretta tra emergenza sanitaria e...

    Serbia-Kosovo: l’UE di nuovo alla guida dei dialoghi

    In breve

    • A vent’anni dal conflitto, le relazioni tra Serbia e Kosovo restano segnate da profonde tensioni.
    • Gli sforzi internazionali per il raggiungimento di un accordo tra le parti si sono protratti a lungo e con scarsi risultati.
    • Una nuova spinta ai dialoghi è arrivata dall’UE, che ha riconquistato un ruolo di rilievo nel processo di normalizzazione dei rapporti tra Pristina e Belgrado.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    In 3 Sorsi – Dopo oltre 20 mesi di stallo, l’Unione Europea ha riconquistato un ruolo di rilievo nel processo di normalizzazione dei rapporti tra Pristina e Belgrado.

    1. VENT’ANNI DI TENTATIVI

    A oltre due decenni dal conflitto armato, tensioni profonde e questioni irrisolte continuano a definire le relazioni tra Serbia e Kosovo. Al termine delle ostilità, con la messa sotto protettorato internazionale NATO e UNMIK del territorio, la questione dello status del Kosovo è stata infatti lasciata formalmente aperta. Gli sforzi internazionali per il raggiungimento di un accordo tra le parti si sono protratti fino al 2008, quando il Kosovo ha proclamato unilateralmente la sua indipendenza senza mai raggiungere un accordo con Belgrado, che continua a considerare l’ex provincia come territorio serbo. Nel marzo 2011, con l’appoggio dell’ONU, l’Unione Europea ha dato il via a un nuovo processo di mediazione tra le parti volto a normalizzare le relazioni tra i due Paesi e avvicinare l’idea di una possibile integrazione europea. L’impegno europeo si è trascinato a lungo e con scarsi risultati, fino alla brusca interruzione del 2018, in seguito alla decisione di Pristina di imporre un dazio del 100% sulle merci provenienti dalla Serbia dopo una serie di ritorsioni diplomatiche tra le parti. Il processo a guida UE sembrava giunto al capolinea e, insieme, anche la ricerca di un compromesso.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Incontro a Bruxelles tra i vertici serbi, kosovari e dell’UE

    2. UN’IMPORTANTE OCCASIONE

    Negli scorsi mesi l’UE ha saputo cogliere un’importante finestra di opportunità riportandosi sorprendentemente alla guida del dialogo tra Pristina e Belgrado. Il 24 luglio l’Ufficio del Procuratore del Tribunale Speciale del Kosovo (KSC) ha richiesto il rinvio a giudizio del Presidente kosovaro Thaci e di altri 9 ex membri dell’Esercito di liberazione del Kosovo (UCK) per crimini di guerra e contro l’umanità, per fatti avvenuti durante il conflitto del 1998-1999. L’annuncio delle accuse ha portato Thaci ad annullare l’incontro con il Presidente serbo Vucic alla Casa Bianca, previsto per il 27 giugno, interrompendo bruscamente l’azione moderatrice di Washington, prepotentemente entrata in scena per colmare il vuoto lasciato dall’UE dopo lo stallo dei negoziati. L’UE ha quindi cercato di riacquistare l’iniziativa persa: con il primo incontro video dal 2018, il 12 luglio è ufficialmente ripreso a ritmo serrato il processo di normalizzazione dei rapporti sotto l’egida dell’Alto Rappresentante Borrell e del Rappresentante speciale UE per il dialogo Pristina-Belgrado Lajcak. Anche il tentativo dell’Amministrazione Trump di strappare una vittoria di politica estera con un “accordo storico”, conclusosi in realtà con due separate lettere di intenti, non ha avuto successo nell’imporsi come quadro di dialogo principale e frenare l’iniziativa europea. In vista dell’incontro del 7 settembre a Bruxelles, infatti, Vucic e il premier kosovaro Hoti hanno sottoscritto il loro impegno nel continuare il percorso di allineamento all’UE, definito priorità massima, e ribadito la volontà di compiere passi avanti sotto una mediazione europea.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Un’altra immagine della riunione del 12 luglio

    3. UNA STRADA ANCORA LUNGA

    Nonostante il rinnovato sforzo di mediazione europea, la ricerca di un compromesso tra Pristina e Belgrado resta lunga e faticosa. Il premier kosovaro Hoti ha espresso fiducia nella ripresa dei dialoghi, ribadendo tuttavia che l’unica possibile soluzione per Pristina è il pieno riconoscimento della propria sovranità da parte serba. Dall’altra parte il Presidente serbo Vucic è sotto pressione per risolvere la questione in quanto condizione per proseguire sulla strada verso la membership europea, pur avendo più volte annunciato di essere pronto a sacrificarla in caso di mancate concessioni. A ostacolare ulteriormente la strada verso l’UE è l’impegno delle parti ad allineare le proprie posizioni con gli Stati Uniti e di aprire o spostare a Gerusalemme le proprie ambasciate in Israele, decisione che ha subito destato preoccupazione a Bruxelles. Ciò che è certo è che l’Unione, da parte sua, per mantenere la pole position conquistata dovrà essere capace di rafforzare la sua credibilità come forza stabilizzante nella regione, offrendo alle parti garanzie intermedie.

    Matilde Grandi

    Photo by David_Peterson is licensed under CC BY-NC-SA

    Matilde Grandi
    Matilde Grandi

    Classe 1995, curiosa verso il mondo, appassionata di affari internazionali e forte sostenitrice del progetto europeo. Mi sono laureata in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica di Milano, trascorrendo un semestre a Parigi. Ho proseguito i miei studi a Londra con un master in EU Politics alla London School of Economics and Political Science, specializzandomi in relazioni internazionali dell’Unione Europea.

    Articolo precedente“Pace al nostro tempo”
    Articolo successivoIn Yemen la pace non è vicina

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    Comments are closed.