utenti ip tracking
giovedì 3 Dicembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Nuova Zelanda: un nuovo Governo e un ritrovato regionalismo

    Caffè Lungo – All’indomani delle elezioni generali del 17 ottobre scorso...

    L’UE unita contro le minacce comuni

    In 3 sorsi - Il 19 novembre si è tenuta la...

    Il secondo lockdown e la frenata dell’economia francese

    In 3 sorsi - L’economia francese, già fortemente provata, vede stime...

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    La Cina e il nuovo Piano quinquennale 2021-2025

    In breve

    • Superata la pandemia di Covid-19, la Cina si avvia a passi da gigante verso il nuovo quinquennio 2021-2025. Durante l’ultima sessione plenaria, tenutasi a Pechino, il Governo centrale ha annunciato importanti riforme.
    • Tra i punti cardine per la ripartenza la Cina ha scelto di porre innovazione ed economia: nuovi investimenti per il settore dell’hi-tech e reindirizzamento del mercato verso l’interno a scapito dell’esterno.
    • Una volta realizzati questi importanti cambiamenti, Pechino sembra decisa a continuare il suo processo di industrializzazione e di miglioramento della vita dei suoi abitanti, questa volta nelle regioni centrali e occidentali del Paese.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    In 3 sorsi – Si è conclusa il 29 ottobre scorso la sessione plenaria del Partito Comunista Cinese guidata dal Presidente Xi Jinping. Durante l’assemblea sono state decise le prossime mosse dell’amministrazione centrale, che si avvia spedita verso la ripartenza post Covid-19.

    1. LA CINA E LA RIPARTENZA POST COVID-19

    Tra il 26 e il 29 ottobre scorsi si è tenuta la quinta sessione plenaria del 19° Comitato del Partito Comunista cinese, in cui è stato redatto il 14° Piano quinquennale per lo sviluppo economico del Paese nel periodo 2021-2025. I principali contenuti, anticipati alcuni giorni prima dal leader Xi Jinping durante un discorso a Shenzhen, mirano a modificare profondamente la Cina per come è conosciuta oggi. Superato con successo il momento di difficoltà dovuto alla pandemia, la Cina procede con passo svelto verso il nuovo anno dopo che la sua economia ha chiuso in positivo il terzo trimestre del 2020 con +0,7%.
    Da quanto emerso dall’assemblea, la Cina sembra voler prendere una direzione molto più autarchica e indipendente rispetto al passato. In particolare il Governo centrale punterebbe maggiormente sul mercato interno, in forte crescita rispetto a quello esterno, in risposta alla recente crisi dell’economia globale. Questo è un passo obbligato per la Cina, capace di scrollarsi di dosso il disastro della pandemia, ma consapevole di dover prendere posizioni decise, specialmente nel conflitto in atto con gli Stati Uniti sui dazi doganali.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Il Presidente cinese Xi Jinping durante un recento evento a Pechino

    2. LA DOPPIA CIRCOLAZIONE E L’INNOVAZIONE

    Da quanto è emerso sembra che i punti cardine del Piano quinquennale ruotino intorno all’innovazione, già prerogativa della Cina negli ultimi anni, e alla dual circulation, ossia un mercato che favorisca l’economia interna a scapito delle esportazioni.
    Chiaramente queste prese di posizione fanno presagire non pochi cambiamenti: sul fronte dell’innovazione tecnologica potremmo vedere la Cina iniziare a primeggiare a discapito degli USA, con il 5G  e i nuovi super computer quantistici sempre più sviluppati, mentre sul fronte del mercato potremmo vedere un Paese sempre più orientato verso l’autosufficienza e meno interessato all’espansione esterna. Queste, secondo Pechino, che nel frattempo potrebbe fissare la crescita annuale del Pil al 4-5% nel prossimo quinquennio, sembrano essere le mosse scelte dall’amministrazione centrale per rafforzare il mercato interno, più solido rispetto a quello dell’export, duramente danneggiato dalla globalizzazione e dalla guerra tariffaria con gli Stati Uniti.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Alcuni dipendenti di Huawei partecipano a un corso organizzato dall’azienda nel sud della Cina

    3. IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

    Tuttavia questi cambiamenti così significativi potrebbero essere solo la punta di un iceberg molto più profondo. I numerosi viaggi in Cina intrapresi da Xi Jinping nelle regioni più arretrate, sulla scia di quelli dello storico leader Deng Xiaoping, sono serviti per capire se e come queste possano raggiungere un giorno il livello di benessere e di sviluppo delle regioni costiere, prime a crescere e a svilupparsi. Oggi che i tempi sembrano maturi, il Governo centrale pare deciso a mobilitarsi per diminuire la discrepanza in termini di qualità della vita nelle regioni più arretrate. Secondo il vicepresidente della Commissione per le riforme e lo sviluppo nazionale (NDRC), Ning Jizhe, una volta discussa la strategia da intraprendere con il partito, verranno presentati i nuovi obiettivi numerici da raggiungere in termini di crescita economica e qualità della vita.
    In definitiva sarà da vedere come questi cambiamenti influenzeranno lo scacchiere internazionale esterno alla Cina e come miglioreranno eventualmente la vita dei cittadini cinesi all’interno del Paese nei prossimi cinque anni, in un processo di evoluzione che non sembra accennare ad arrestarsi.

                                                                    Niccolò Ellena

    1 Oct 2019 National day rally 18” by etanliam is licensed under CC BY-ND

    Niccolò Ellena
    Niccolò Ellena

    Mi chiamo Niccolò, sono nato a Firenze e ho 23 anni. Dopo la Laurea in Lingue e Culture straniere presso l’Università degli Studi di Firenze e dopo aver trascorso un semestre a Wenzhou, in Cina, mi sono trasferito a Milano, dove vivo tutt’ora. Ad oggi sono laureando magistrale in Lingue per le Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Collaboro con il Caffè Geopolitico per l’area asiatica, mio principale interesse di studio.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite