utenti ip tracking
venerdì 4 Dicembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Nuova Zelanda: un nuovo Governo e un ritrovato regionalismo

    Caffè Lungo – All’indomani delle elezioni generali del 17 ottobre scorso...

    L’UE unita contro le minacce comuni

    In 3 sorsi - Il 19 novembre si è tenuta la...

    Il secondo lockdown e la frenata dell’economia francese

    In 3 sorsi - L’economia francese, già fortemente provata, vede stime...

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Nagorno-Karabakh: fine di un conflitto?

    In breve

    • L’esercito azero ha riconquistato Shushi/Shusha, seconda città del Nagorno-Karabakh. Per evitare ulteriori perdite, il premier armeno Pashinyan ha firmato un accordo di pace con Azerbaijan e Russia.
    • L’accordo prevede la cessione a Baku dei territori riconquistati negli scontri delle scorse settimane e il dispiegamento di circa 2mila peacekeeper russi a Stepanakert e nel corridoio di Lachin.
    • Mentre a Baku la popolazione sfila per le strade esultando per la vittoria, a Yerevan continuano le proteste contro la decisione di Pashinyan, accusato di tradimento. Intanto Russia e Turchia accrescono la propria influenza nella regione.

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    In 3 sorsi – Firmato da Armenia, Azerbaijan e Russia un accordo di pace che interrompe gli scontri in Nagorno-Karabakh. Costernazione in Armenia mentre l’Azerbaijan esulta perché riconquista buona parte dei territori contesi.

    1. UN ACCORDO A TRE

    La riconquista della città di Shushi/Shusha da parte dell’Azerbaijan avvenuta negli ultimi giorni ha segnato un punto di svolta nel conflitto con l’Armenia. Le forze azere, sostenute dalla Turchia, sono arrivate a pochi chilometri dalla capitale Stepanakert (Khankendi), mettendo in grande difficoltà l’esercito armeno. Per evitare la sconfitta totale e la perdita della capitale, il premier armeno Nikol Pashinyan ha accettato di stipulare un accordo di pace, firmato anche dal Presidente azero Ilham Aliyev e da quello russo Vladimir Putin, intervenuto nelle trattative come intermediario. L’Armenia, che dal 1994 lotta per preservare lo status quo stabilito dagli accordi di Bishkek, ha rinunciato a buona parte dei territori precedentemente sottratti all’Azerbaijan. L’accordo assegna a Baku le aree del Nagorno Karabakh riconquistate durante gli scontri delle ultime settimane e prevede che l’Armenia si ritiri da alcuni dei distretti limitrofi alla regione contesa, che sono a loro volta sotto occupazione dagli anni Novanta. L’accordo prevede anche l’invio di circa duemila peacekeeper russi che per 5 anni sorveglieranno le aree degli scontri e il corridoio di Lachin, la strada che collega Stepanakert all’Armenia.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Una donna azera prende parte ai festeggiamenti per le strade di Baku, mostrando un ritratto del Presidente Ilham Aliyev, 10 novembre 2020

    2. LE REAZIONI IN ARMENIA E IN AZERBAIJAN

    Nelle scorse ore la popolazione azera si è riversata nelle strade di Baku manifestando il proprio orgoglio nazionale: in Azerbaijan la firma del nuovo accordo viene considerata una vittoria assoluta dopo quasi 30 anni di umiliazioni. Lo stesso Presidente Ilham Aliyev è apparso visibilmente soddisfatto: secondo le sue dichiarazioni si tratta di un evento di importanza storica per il Paese.
    Completamente diverso il clima che si respira a Yerevan, dove folle di manifestanti hanno dato inizio a proteste contro Pashinyan, accusandolo di tradimento e prendendo d’assalto il Parlamento e i palazzi governativi. Il premier armeno ha dichiarato pubblicamente che la decisione di porre fine agli scontri firmando l’accordo di pace era inevitabile, a fronte dell’avanzata inesorabile dell’esercito azero. Tuttavia Pashinyan ha rivolto parole di incoraggiamento alla popolazione, incitandola a non arrendersi nonostante le attuali criticità.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – La polizia armena interviene per fermare i manifestanti che si dirigono verso il palazzo del Governo, Yerevan, 10 novembre 2020

    3. PROSPETTIVE FUTURE

    Restano per il momento sotto il controllo del Governo del Karabakh la capitale Stepanakert e i territori che non sono stati riconquistati dall’esercito azero.
    Putin, prendendo parte alla definizione dell’accordo di pace e stabilendo l’invio di peacekeeper russi nel Caucaso meridionale, ha dimostrato ancora una volta l’intenzione del Cremlino di porsi come ago della bilancia nel conflitto. La Russia, posizionando i suoi peacekeeper lungo il corridoio di Lachin per i prossimi 5 anni (con possibile prolungamento successivo del loro incarico), si è assicurata un ruolo strategico di grande rilievo nella regione. Stesso discorso per la Turchia, che appoggiando Baku ha guadagnato influenza nell’area.
    Per quanto riguarda i due belligeranti, la leadership azera ha indubbiamente beneficiato della vittoria conseguita, rafforzando la propria credibilità di fronte alla popolazione. Al contrario gli eventi degli ultimi giorni anticipano quella che probabilmente sarà una fase di grave crisi politica per l’Armenia, scoraggiata dalle sconfitte militari e dalle perdite territoriali.

    Chiara Soligo

    “We Are Our Mountains”” by Clay Gilliland is licensed under CC BY-SA

    Chiara Soligo
    Chiara Soligo

    Nata a Tradate nel 1995, mi sono laureata in lingue per le relazioni internazionali all’Università Cattolica, dove ho iniziato a coltivare il mio profondo amore per la lingua e la cultura russa. Sto attualmente frequentando i corsi dell’Alta Scuola di economia e di relazioni internazionali di Milano, dove nel 2020 conseguirò la laurea specialistica in economia e politiche internazionali.
    Dinamica, sportiva, sempre alla ricerca di nuove sfide, adoro la meditazione, la lettura e la palestra. Le mie giornate non possono cominciare senza un caffè macchiato in stazione Cadorna a Milano, per consolarmi dei disagi della vita da pendolare.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite