sabato, 2 Marzo 2024

APS | Rivista di politica internazionale

sabato, 2 Marzo 2024

"L'imparzialità è un sogno, la probità è un dovere"

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

L’incontro dei ministri degli esteri NATO

Oggi, mercoledì 2 aprile, si chiude a Bruxelles l’incontro  tra i ministri degli esteri della NATO. Sono diversi i temi trattati dalle discussioni in questi due giorni, ma emergono con forza la crisi ucraina e il rapporto con la Federazione Russa. In 3 sorsi il punto su questo incontro.

LA CRISI UCRAINA – A dominare su tutto è la crisi nell’Europa orientale, ai confini stessi dell’Alleanza. Nella giornata di ieri, il primo di aprile, sono stati diversi i momenti dedicati a questo tema: si è riunita la Commissione NATO-Ucraina, se ne è discusso alla riunione tra i ministri degli esteri della sola NATO e la sera, infine, vi è stata la conferenza stampa del ministro degli esteri ucraino. Ciò che emerge dalle dichiarazioni rilasciate è la volontà dell’Alleanza di sostenere il governo di Kiev. Con questo scopo le seguenti misure: intensificazione della cooperazione con l’Ucraina, promozione della riforma della difesa del Paese attraverso attività di “capacity-building” e rafforzamento dell’ufficio di collegamento presente nella capitale ucraina con l’invio di nuovi esperti, i quali contribuiranno ad un più intenso lavoro di consulenza. Allo stesso tempo si chiede ufficialmente a Mosca di riportare il numero di militari presenti in territorio ucraino (inclusa la Crimea naturalmente, di cui non si riconosce l’annessione) ai livelli pre-crisi e di farli rientrare nelle basi, ridurre le attività militari lungo il confine ucraino ed evitare ulteriori interferenze nelle scelte dello Stato, restituire la Crimea all’autorità ucraina, rispettare i diritti della minoranza tatara ed infine di attenersi agli obblighi assunti e rispettare il diritto internazionale.

Conferenza stampa di Andrii Deshchytsia, ministro degli esteri ucraino
Conferenza stampa di Andrii Deshchytsia, ministro degli esteri ucraino

I RAPPORTI CON LA RUSSIA – Ma le “attenzioni” alla Russia non terminano con queste richieste. In risposta alle azioni del governo moscovita, è stato deciso ieri di terminare ogni collaborazione, militare e civile, con la Federazione. Nel NATO-Russia Council, nel Euro-Atlantic Partnership Council e nel contesto della Partnership for Peace. Tuttavia, nelle parole del Segretario Generale Rasmussen, si rimane disposti ad incontri a livello ministeriale e di ambasciatori in sede di  NATO-Russia Council al fine di mantenere aperto il canale diplomatico. Oltre a ciò, Rasmussen ha comunicato che è stata aumentata la sorveglianza AWACS in Polonia e Romania, aumentato il numero di forze aeree dislocate nei Paesi baltici e che è stato chiesto ai comandanti dell’Alleanza di aggiornare i piani militari, rafforzare le attività di esercitazione ed il dispiegamento.

GLI ALTRI TEMI – Oggi hanno luogo anche altri incontri, uno con i Paesi della Istanbul Cooperation Initiative, iniziativa lanciata nel 2004 il cui scopo è promuovere la cooperazione nella sicurezza con Paesi del Medio Oriente, ed un altro con i ministri degli esteri delle nazioni non-NATO partecipanti ad ISAF. Ma un incontro di assoluta rilevanza è quello della Commissione NATO-Georgia. La Georgia ha da tempo avviato una cooperazione con l’Alleanza Atlantica anche in vista dell’ingresso. La questione già in passato ha dimostrato la propria rilevanza; le tensioni che si crearono con la Russia si sommarono a quelle legate alle vicende dell’indipendentismo in Abkhazia ed Ossezia, culminando nel conflitto russo-georgiano del 2008. In un periodo in cui la Russia è tornata a far sentire la propria voce e a sfruttare le rivendicazioni delle popolazioni locali, la situazione georgiana è quanto mai delicata.

Matteo Zerini

 

Dove si trova

Perchè è importante

Vuoi di più? Iscriviti!

Scopri che cosa puoi avere in più iscrivendoti

Matteo Zerini
Matteo Zerini

Laureato magistrale in Relazioni Internazionali presso la Statale di Milano, frequento ora il master Science & Security presso il King’s College di Londra. Mi interesso soprattutto di quanto avviene in Europa orientale, Russia in particolare, e di disarmo e proliferazione, specie delle armi di distruzione di massa.

Ti potrebbe interessare