utenti ip tracking
lunedì 18 Gennaio 2021

Speciale COVID-19

La pandemia sommersa: Covid-19 e disuguaglianze di genere nell’Africa subsahariana

In 3 sorsi - Da quando l’epidemia si è abbattuta anche...

L’emergenza sanitaria in Russia e il rischio di Putin

In 3 sorsi – La pandemia di Covid-19 sta mettendo in...

Corea del Sud, un Governo tra pandemia e riforma sanitaria

In 3 sorsi - I casi giornalieri di coronavirus in Corea...

Le elezioni parlamentari in Romania

In 3 sorsi - Tra pandemia da coronavirus e instabilità politica,...

Corea del Sud, un Governo tra pandemia e riforma sanitaria

In breve

  • La Corea del Sud, considerata una nazione modello nella lotta contro il Covid-19, ora deve affrontare una grave carenza di letti in terapia intensiva per i pazienti affetti da coronavirus.
  • La struttura del sistema sanitario sudcoreano non permette al Governo di indirizzare le scelte delle maggior parte degli ospedali e quindi di accogliere tutti i pazienti Covid-19, nonostante l’ampia disponibilità di terapie intensive.
  • Il Governo accelera gli sforzi per garantire ulteriori posti letto per i pazienti Covid-19, ma continuano i contrasti con il settore sanitario privato, che non apre le porte delle proprie strutture, e con il personale medico, non soddisfatto dei piani di riforma governativi.

Dove si trova

In 3 sorsiI casi giornalieri di coronavirus in Corea del Sud hanno raggiunto un nuovo record, malgrado le regole di distanziamento sociale più severe per contenere l’ondata invernale del virus.

1. LA NUOVA ONDATA DI COVID-19 IN COREA DEL SUD

Nonostante il successo nel controllare la pandemia, la Corea del Sud deve affrontare una nuova ondata di coronavirus. In ottobre il Governo aveva allentato le restrizioni, data la costante diminuzione dei casi. Infatti, ad inizio novembre, gli infetti si aggiravano intorno alle 100 unità giornaliere e la situazione era sotto controllo. Tuttavia, a partire dalla metà del mese, il numero è tornato a crescere, infrangendo la soglia dei mille casi al giorno per la prima volta dall’inizio della pandemia e facendo emergere nuovi cluster in ogni angolo del Paese. I casi complessivi confermati hanno superato i 50mila, registrando anche il record giornaliero di decessi. Gli esperti attribuiscono l’aumento all’atteggiamento rilassato del pubblico e alla crescita delle attività sociali dovuta all’allentamento delle misure di distanziamento sociale. Clima gelido e scarsa ventilazione interna degli spazi chiusi avrebbero inoltre contribuito alla diffusione del virus. Seul ha risposto al crescente allarmismo innalzando nuovamente il livello delle restrizioni, sebbene con risultati meno efficaci delle ondate precedenti, e sta valutando ulteriori inasprimenti, soppesando oculatamente il danno sociale ed economico che ne potrebbe derivare.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Un cartellone pubblicitario a Seul che promuove la campagna di distanziamento sociale dopo l’annuncio dell’inasprimento delle misure dello scorso novembre

2. CONTROINDICAZIONI DELLA PRIVATIZZAZIONE

Il nuovo picco di infezioni sta mettendo a dura prova il sistema sanitario sudcoreano, rivelando un’inaspettata fragilità dell’intero comparto dovuta alla surreale carenza di posti letto negli ospedali. Immediato domandarsi come sia possibile che il secondo Paese al mondo per capacità ospedaliera (12,4 posti letto ogni 1.000 persone) e posti letto in terapia intensiva (oltre 10mila), sia sotto stress in una situazione pandemica comunque ben lontana da quella europea o americana. In realtà, solo una minima parte dei posti è dedicata ai pazienti Covid (il 2-3%), cifra irrisoria se paragonata alla reale capacità effettiva. Perché così pochi letti a disposizione? Per fornire una risposta è necessario comprendere l’organizzazione del sistema sanitario sudcoreano. In Corea del Sud oltre il 90% delle strutture mediche è privato, e quindi non gestito direttamente dal Governo. Senza un’apertura del settore privato, i soli ospedali pubblici faticano a gestire l’attuale situazione, che, come molti esperti prospettano, potrà solo peggiorare con l’aumento dei casi. Semplice immaginare i motivi della riluttanza delle strutture private ad accogliere pazienti infetti. Malgrado il Governo si faccia carico di tutti i costi, gli ospedali privati sono restii ad aprire le porte ai pazienti Covid, in quanto preoccupati per la loro reputazione, che potrebbe essere danneggiata dallo scoppio di focolai interni e dalla reazione degli altri pazienti.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – I “reparti temporanei” al di fuori del Seoul Medical Center per accogliere pazienti affetti da Covid-19

3. GOVERNO VS MEDICI

Il Governo ha annunciato la creazione di nuovi posti letto, soluzione che richiederebbe però alcune settimane, mentre gli attivisti civici richiedono più posti dai grandi ospedali privati, dato che quelli pubblici sono saturi. Le organizzazioni civiche hanno chiesto al Governo di emettere un ordine di mobilitazione di emergenza verso le strutture private ​​ai sensi della legge sul controllo e la prevenzione delle malattie infettive, esortandoli ad assumersi le proprie responsabilità. Tuttavia la questione si pone nella più complessa disputa tra il Governo Moon e la Korean Medical Association (la principale associazione dei medici coreani). Lo scorso agosto, in piena ondata Covid, gli operatori sanitari scioperarono per protestare contro i piani di riforma, che prevedevano l’aumento del numero di medici (+4mila unità) e l’istituzione di facoltà di medicina pubbliche. Choi Dae-zip, Presidente della KMA, non aveva esitato a sostenere che i medici sudcoreani stanno combattendo non contro la pandemia, ma contro il loro Governo. Per ora il piano di riforma è stato congelato sino al termine della crisi sanitaria. Per gestire al meglio l’emergenza, in attesa dell’inizio delle vaccinazioni previste a febbraio, è auspicabile che pubblico e privato uniscano le forze, appianando le divergenze nel breve periodo. Intanto, il Presidente Moon è intervenuto personalmente, accordandosi con la società biotecnologica Moderna per la fornitura di 40 milioni di dosi (il doppio di quanto inizialmente annunciato), in arrivo nel secondo trimestre 2021.

Jacopo Genovese

Hand holding stethoscope with flag of South Korea. Concept of medicine, virus, epidemic, vaccination.” by focusonmore.com is licensed under CC BY

Jacopo Genovese
Jacopo Genovese

Romano, laureato in scienze economiche per poi scoprire di essere appassionato di geopolitica, che ora studio nel tempo libero. Durante il mio percorso accademico ho sviluppato un marcato interesse per il mercato asiatico studiando l’inesorabile ascesa delle Quattro Tigri Asiatiche e gli aspetti macroeconomici su cui è stato costruito il miracolo asiatico.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite