utenti ip tracking
venerdì 18 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Out of “coffeece”? Non proprio…

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Anche la redazione del “Caffè” si prende un po'di vacanza. Ecco dunque l'occasione per ricaricare le batterie e per fare il punto della situazione sulla stagione che si conclude: vi informiamo sugli Stati Generali della nostra associazione, che si sono appena svolti. E poi uno sguardo verso le tante novità che troverete a partire da settembre: vogliamo continuare a crescere insieme a voi

    Lo sappiamo bene: il caffè, in vacanza, è tutta un'altra cosa. Pensateci bene. Richiamate alla memoria il solito caffè di prima mattina, quello che deve sollevare palpebre assonnate. Il secondo, che deve dare un po' di carica in vista della pesante giornata di studio, o lavorativa. Il caffè non è buono, ma utile. Lo si beve perchè serve, più che per gustarselo. Per dovere, più che per piacere.

    Ecco, i fortunati tra voi che sono in vacanza, o che ci sono appena stati, sanno bene che l'aroma del caffè di questi giorni è un'altra vita. Il caffè diventa un piacere, uno svago, un rito. Quasi un vizio. Lo si sorseggia, lo si degusta, solo per diletto. Seduti comodi, con la testa sgombra da troppi pensieri. Addirittura nelle sue varianti: la crema di caffè, il caffè freddo o shakerato. Insomma, ce lo si gode come quell'attore italiano nella nota pubblicità: “A me, me piace”.

     

    Dunque, direte voi, tutto questo per dire che il Caffè Geopolitico non va in ferie, ma ad agosto raddoppia? Ebbene…no! A furia di parlarvi di quest'aria vacanziera, ci siamo lasciati prendere la mano, e abbiamo deciso di riposarci un po' anche noi. Lo slogan di agosto, “Out of coffee”, è abbastanza esplicativo. Non ce ne andremo mai del tutto, vi saranno ancora degli aggiornamenti, seppur con cadenza inferiore a quella canonica. Nel frattempo, faremo un bel pieno, come suggerisce la nostra immagine di copertina, per ripartire alla grande e sempre meglio dal mese di settembre. Vale la pena aggiornarvi su un evento importante appena avvenuto: la due giorni degli Stati Generali del Caffè, che si è svolta il 30-31 luglio. I vertici dell'Associazione Culturale Il Caffè Geopolitico e i coordinatori di redazione si sono riuniti in un incontro davvero utile, volto ad organizzarsi al meglio in vista della prossima “stagione”, che sarà ricca di novità. Davvero abbiamo “un mondo di idee” per il futuro, come dice la nostra testata. Una ad una, faremo di tutto per realizzarle.

     

    content_843_2

    Il meritato riposo precederà quindi una vera full immersion, che ci vedrà sempre più convinti nel raccontarvi quanto accade nel mondo, in una modalità che sia quanto più possibile chiara, comunicativa, accessibile a tutti. Per crescere, avremo sempre più bisogno del vostro aiuto. E allora, continuate a seguirci, a leggere il Caffè, a fare passaparola, e se volete, a darci una mano anche attiva, collaborando con noi. Nel frattempo, questo mese se potete fate come noi, e godetevi un po' di riposo. Ma soprattutto, godetevi il caffè. In vacanza, ha tutto un altro sapore.

     

    Alberto Rossi redazione@ilcaffegeopolitico.net

    Alberto Rossi
    Alberto Rossi

    Classe 1984, laureato nel 2009 in Scienze delle Relazioni Internazionali e dell’Integrazione Europea all’Università Cattolica di Milano (Facoltà di Scienze Politiche). La mia tesi sulla Seconda Intifada è stata svolta “sul campo” tra Israele e Territori Palestinesi vivendo a Gerusalemme, città in cui sono stato più volte, che porto nel cuore e in cui andrei domani a vivere (e sì, sembra assurdo, ma anche mia moglie Cristina verrebbe di corsa con me. Nostra figlia Anita invece, nata a maggio 2015, ancora non ci ha detto cosa ne pensa). Vivo a Milano, dopo 28 anni di Brianza, e sono Responsabile Marketing della Fondazione Italia Cina e analista del CeSIF (Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia Cina). Tra le mie passioni, il calcio (portiere, allenatore, tifoso), la politica, i libri di Giovannino Guareschi, i giochi di magia, il teatro, la radio. Già, la radio: nel 2009 conducevo un programma di esteri su Bmradio.it, e con alcuni amici/colleghi appassionati di geopolitica e relazioni internazionali ci siamo detti: la radio non basta, dovremmo inventarci qualcosa di più per parlarne… Ecco, Il Caffè Geopolitico, di cui sono Presidente, è nato più o meno così.

    Articolo precedenteSe un piccolo diventa un gigante
    Articolo successivoPer chi suona la campana

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome